lunedì 18 agosto 2008

Maltagliati con borlotti freschi


I fagioli sono ricchi di proteine e carboidrati, il basso contenuti di lipidi e la presenza della lecitina li rendono preziosi per combattere l'eccesso di colesterolo; abbinati alla pasta, da un punto di vista nutrizionale, rappresentano un piatto unico equilibrato.




Grosso modo cucino tutti i tipi di fagioli però il borlotto fresco, abbinato con la pasta, o il riso, oppure da solo come zuppa calda o tiepida lo trovo veramente speciale.




Maltagliati con borlotti freschi


500 g. di fagioli borlotti freschi,
80 g di prosciutto crudo in un unico pezzo,
2 pomodori ramati,
1 carota,
1/2 cipollotto di Tropea,
qualche costola piccola di sedano con le foglie,
1 piccolo peperoncino fresco,
basilico,
prezzemolo,
olio extravergine di oliva,
sale e pepe,


per i maltagliati:

80 g. di farina 00,
20 g. di semola,
1 uovo.


Sgranate i fagioli, lavate tutte le verdure e tagliate i pomodori e la carota a dadini, le costole di sedano e il peperoncino a rondelle, e tritate il cipollotto e il basilico e il prezzemolo.
Riunite tutte le verdure e i fagioli in una pentola, copritele con l'acqua, aggiungete un paio di cucchiai di olio e fate sobbollire dolcemente per circa un'ora. A questo punto unite il prosciutto tagliato a dadini e dopo qualche minuto di cottura salate, tenendo conto che il prosciutto tende a rilasciare il sale.
Intanto preparate la pasta seguendo le indicazioni riportate qui.
Dopo aver fatto riposare la pasta tirate la sfoglia, fate dei rettangoli con la pasta e con un coltello affilato tagliateli grossolanamente, da qui il nome maltagliati.
Fate cuocere per altri 3/4 d'ora circa, fino a raggiungere una minestra di consistenza abbastanza densa. A questo punto unite la pasta, aggiustate eventualmente di sale e portate a cottura; nel caso fosse necessario aggiungere acqua per la cottura della pasta, utilizzatela bollente altrimenti compromettete la cottura dei fagioli facendo indurirli.



Come vino, considerato che la pasta e fagioli è un piatto tipico della Toscana e del Veneto ho abbinato un Valpolicella bianco.

Nessun commento:

Posta un commento