domenica 1 febbraio 2009

Lasagne alla bolognese


La ricetta di oggi non richiede presentazioni: le lasagne alla bolognese sono un classico della cucina italiana, ed è sicuramente uno dei piatti che più caratterizza la nostra cucina all'estero, presente in tutti i menù dei ristoranti che propongono cucina italiana.
Richiede, invece, di molto tempo e pazienza; io le ho preparate partendo dalle fondamenta: la sfoglia fatta a mano, la carne tritata da me, e così via.
Ma la bontà del risultato, e i complimenti dei commensali, mi hanno ampiamente ripagata di tutto il tempo speso per prepararle.


La ricetta è per 6 persone.

Lasagne alla bolognese

Per la pasta:

200 g. di farina (160 g. di farina 00 e 40 g. di semola),
40 g. di spinaci bolliti, strizzati e tritati.

Per il ragù alla bolognese:

250 g. di polpa magra di manzo,
100 g. di polpa di maiale (ho utilizzato la lonza),
50 g. di pancetta non affumicata,
olio extravergine di oliva,
1/2 bicchiere di vino rosso secco,
1 carota,
1 costa di sedano,
1/2 cipolla,
2 foglie di lauro,
140 g. di concentrato di pomodoro,
brodo di carne (va bene anche quello vegetale),
5 g. di funghi secchi,
sale e pepe.

Per la besciamella:

40 g. di burro,
40 g. di farina,
1/2 l. di latte,
sale,
noce moscata.

Per la preparazione finale:
150 g. di parmigiano grattugiato,
burro.

Macinate le due carni. Tagliate a brunoise la carota, il sedano, la cipolla e la pancetta.
Mettete in una pentola capace con un po' di olio la pancetta, lasciatela prendere colore, aggiungete le verdure e lasciate rosolare per qualche minuto.
Portate un'altra padella sul fuoco e con un filo d'olio caldo rosolate le carni. A rosolatura avvenuta eliminate il grasso e aggiungete le carni alle verdure, mescolate il tutto e fate asciugare a fiamma bassa.
Quando il composto appare asciutto bagnate col vino rosso, lasciatelo evaporare, aggiungete il concentrato di pomodoro, le foglie di alloro, i funghi tritati e precedentemente ammollati.
Bagnate col brodo e fate cuocere a fuoco basso per circa due ore, aggiungendo di tanto in tanto altro brodo.
Intanto preparate la pasta: formate una fontana con la farina, al centro unite l'uovo e gli spinaci ben tritati. Impastate con cura e ponete a riposare per almeno mezz'ora, coprendo con la pellicola.
Nel frattempo preparate la besciamella: in una casseruola ponete il burro e la farina, a fiamma bassissima fate sciogliere il burro, amalgamandolo, aiutandovi con una frusta, con la farina; versate lentamente il latte, amalgamate bene per evitare la formazione di grumi e portate a cottura avendo cura di mescolare continuamente, salate e insaporite con una grattugiata abbondante di noce moscata.
Tirate la sfoglia sottile e ricavate dei quadrati o dei rettangoli di dimensioni adattabili alla pirofila prescelta; l'importante è che il numero di sfoglie sia tale da preparare almeno 6 - 7 strati.
Lessate al dente le sfoglie in acqua bollente e salata, scolateli, fateli raffreddare in acqua fredda, e fateli asciugare su un canovaccio.
Mischiate la besciamella col ragù, lasciandone da parte 5- 6 cucchiai abbondanti.
Imburrate leggermente una pirofila, formate uno strato di pasta, coprite la pasta col ragù e la besciamella e spolverizzate col parmigiano. Ricoprite con la pasta verde e proseguite così fino ad esaurimento degli ingredienti, tenete da parte un paio di cucchiai di parmigiano. Dovranno risultare dai 4 ai 6 strati di pasta.
Ricoprite l'ultimo strato col ragù tenuto da parte, spolverizzate col restante parmigiano.
Gratinate in forno ventilato a 180° per 10 minuti circa.
Lasciate riposare per circa 5 minuti, tagliate e servite.

Come vino ho abbinato un Chianti ben strutturato.

6 commenti:

  1. La prossima volta che le fai, fammi un fischio, che vengo anch'io a mangiare da te, eheheheh!
    Buonissima domenica.....anche se triste e tetra...sigh

    RispondiElimina
  2. un piatto classico, ma davvero buonissimo!
    bella l'idea delle sfoglie verdi..incuriosisce anche noi!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Simo, Manu e Silvia grazie. Buona domenica innevata!

    RispondiElimina
  4. Io sono un appassionato di cucina tradizionale, i grandi classici mi piacciono molto. Queste lascagne le hai preparate con molta cura ed il risultato si vede. Brava anche per per la descrizione molto accurata e precisa.
    Un abbraccio,
    Stefano

    RispondiElimina
  5. Giovannina bravissima :-) la prox volta vengo a pranzo da te :-))

    Un bacione

    RispondiElimina
  6. buonissima la lasagna cosi invitante adoro anche la sfoglia agli spinaci !

    RispondiElimina