mercoledì 13 maggio 2009

Risotto agli asparagi


"Erano i giorni più belli della primavera. Quel che gli stava senza tregua davanti agli occhi era un parco ch'egli possedeva nei pressi di Combray, dove, dalle quattro in poi, prima di arrivare alla piantagione di asparagi, grazie al vento che soffia dai campi di Méséglise, si gustava sotto una pergola altrettanta frescura che sulle rive dello stagno."

Tutti gli anni in questa stagione, penso a questo brano tratto da La ricerca del tempo perduto di Marcel Proust.

E così gli asparagi acquistano un simbolismo che va oltre il piacere di prepararli e gustarli.

Questi asparagi li ho acquistati un paio di settimane fa a Peschiera del Garda, una domenica dedicata alla zona della Valpolicella, dove oltre ai vari stand espositivi atti a pubblicizzare questa bellissima zona, vi erano anche molti produttori locali, di vini, riso, asparagi e tante altre prelibatezze.
Non ho resistito, come potevo?, e fra le altre cose ho acquistato un sacchetto di Vialone nano, e di asparagi provenienti dalla zona e proposti da un agricoltore.
Inutile dire che il sapore era straordinario, completamente diverso da quello degli asparagi acquistati al supermercato.
Per esaltarne la bontà ho preparato un risotto, come al solito senza aggiungere vino e sostituendo il burro con l'olio, tutte scelte e a favore della leggerezza.
Ho inoltre evitato di insaporire col pepe, in quanto volevo rendere predominante il sapore delicato dell'asparago, bilanciato dal provolone piccante.
Il risultato è stato un risotto dove tutti gli ingredienti erano molto equilibrati, fusi in una armonia di sapori.

Risotto agli asparagi

Ingredienti per 3 - 4 persone.

240 g. di riso vialone nano,
350 g. di asparagi,
50 g. di provolone piccante,
parmigiano reggiano,
brodo vegetale,
1 cipolla dorata piccola,
olio extravergine,
sale.

Lavate, pelate e tagliate a tocchetti gli asparagi, dopo averli privati della parte terminale più coriacea; tenete da parte le punte.
Lessateli per circa 10 minuti in acqua bollente salata, ad eccezione delle punte che aggiungerete 2 minuti prima della fine della cottura.
Tritate la cipolla a coltello e soffriggetela in 3 cucchiai di olio extravergine, aggiungete i tocchetti di asparagi nel soffritto, ad eccezione delle punte che aggiungerete a metà cottura, tenendone da parte qualcuna per la decorazione.
Riscaldate il brodo.
Fate insaporire, unite il riso tostatelo e quando sarà traslucido unite un mestolino di brodo, salate e portate a cottura unendo un mestolo di brodo alla volta.
A metà cottura unite le punte degli asparagi.
A fine cottura mantecate con il provolone tagliato a dadini, un paio di cucchiai di parmigiano grattugiato, fate riposare un paio di minuti, e se necessario aggiungete qualche cucchiaiata di brodo caldo, per renderlo “all’onda”-
Servitelo caldo, dopo averlo decorato con le punte tenute da parte.


Come vino sono rimasta quasi in zona abbinando un Lugana


7 commenti:

  1. Questo risotto è un must per questa stagione ed il provolone deve starci proprio benissimo: filante al punto giusto e non ne altera il sapore!
    bacioni

    RispondiElimina
  2. gustosissimo,e complimenti anche per la presentazione ;)

    RispondiElimina
  3. * Manu e Sivia, * Mirtilla, grazie!
    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  4. un magnifico risotto venuto benissimo e fotografando ancora meglio

    RispondiElimina
  5. Delizioso!!!! Adoro sia gli asparagi che i risotti.....mmm...

    RispondiElimina
  6. Quando i iei bambini erano piccoli facevo preparare dalla baby sitter (sai avevo il "vizio" di lavorare) il riso un giorno sì ed uno no e lei mi rispondeva che sarebbero venuti loro gli occhi a mandorla.
    Noto che anche tu hai la passione per il riso ed i risotti e ho notato che anche le dosi indicate sono come quelle che adopero io circa 70/80 gr a testa . Poi gli asparagi... il provolone che dò quella botta di vita....
    Cosi si può pretendere di più????

    RispondiElimina
  7. Gunther, Simo, Grazia, vi ringrazio davvero! Buona giornata Giovanna

    RispondiElimina