martedì 1 settembre 2009

Pollo glassato



Il pollo glassato, al pari di quello al forno e di altri alimenti, veniva preparato spesso a casa mia, accompagnato dal purè di patate, o da patate fritte o al forno, era uno dei nostri pranzi o cene preferite.
In realtà la glassatura ricorda molto di più preparazioni col miele, orientali direi, in questo caso il miele non è proprio contemplato, in pratica il pollo, viene cotto con l'aglio, erbe aromatiche e ben rosolato, sicuramente sarebbe più appropriato definirlo pollo in tegame, ma in casa mia veniva definito così, ed ormai per tutti noi il pollo glassato è la ricetta di oggi.
Al di là delle disquisizioni semantiche è una preparazione facile, e relativamente veloce, con l'aggiunta di un pò di vino bianco è veramente delizioso.
Io, come sempre, opto per una versione più leggera e lo arricchisco con erbe aromatiche; solitamente lo accompagno a patate al forno, ma qualunque verdura di stagione è adatta.



Pollo glassato
800 g. di pollo tagliato a pezzi,
aglio,
erbe aromatiche (rosmarino & salvia),
olio extravergine di oliva,
sale e pepe.

Lavate e asciugate i pezzi di pollo, in un capace tegame ponete l’aglio e un cucchiaio d’olio, fate imbiondire l’aglio, quindi aggiungete i vari pezzi di pollo, rosolateli bene, aggiungete un trito di rosmarino e salvia tagliato grossolanamente, salate, quindi unite un ½ bicchiere d’acqua, incoperchiate e cuocete a fiamma media per circa 35 – 40 minuti, avendo cura di girare mano a mano il pollo. Se l’acqua dovesse seccarsi, aggiungete un mestolino d’acqua tiepida.
Quando l’acqua sarà asciugata e il pollo risulterà morbido, rosolatelo e servitelo caldissimo.


Come vino ho abbinato un Riesling.

6 commenti:

  1. Anche a quest'ora un paio di pezzetti (coscetta ed anca per esempio) me li mangerei...

    RispondiElimina
  2. Bella ricetta, semplice, senza tanti fronzoli, di sicura riuscita. Faccio un pollo simile, ma questo lo proverò (mi piace l'idea delle erbe). Complimenti per il blog, che tornerò a visitare. A presto

    RispondiElimina
  3. Grazia, ti aspetto!
    Mirtilla, grazie.
    Sabrine, benvenuta! Grazie.
    Marsettina, grazie.
    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  4. classico, buono, non si sbaglia mai a pportare in tavola questi piatti!
    ciao Reby

    RispondiElimina