giovedì 22 ottobre 2009

Pasta e lenticchie


Sono sincera: ero piuttosto perplessa se pubblicare questa ricetta, mi sembrava un pò banale; poi ho pensato di aver già pubblicato la ricetta della pasta e piselli, quella dei maltagliati con fagioli freschi, dunque, perchè "discriminare" le lenticchie?
Inoltre le minestre con i legumi, con o senza pasta o riso, mi piacciono molto, in questo periodo le lenticchie inizio a consumarle costantemente, e poi, in una serata umida, piovosa, e qui a Milano, anche un pò fredda, una minestrina scalda proprio il cuore.

Come lenticchie ho utilizzato le lenticchie di Castelluccio, prodotto che uso abitualmente; sono ottime e si preparano in poco tempo, senza bisogno di tempi di ammollo.

Pasta e lenticchie

ricetta per 4 persone

200 g. di lenticchie di Castelluccio,
240 g. di ditalini rigati,
60 g. di carota,
40 g. di cipolla,
20 g. di sedano,
1 aglio,
erbe aromatiche (rosmarino e prezzemolo),
olio extravergine di oliva,
sale,
pepe nero.

Tritate la cipolla a coltello e preparate una brunoise di carota e sedano; tritate l’aglio, il rosmarino e il prezzemolo, ponete il tutto in una casseruola e fate soffriggere in tre cucchiai di olio extravergine d’oliva per due minuti; aggiungete le lenticchie e fate insaporire per altri due minuti, coprite con acqua salate, incoperchiate e fate cuocere per circa un’ora; se l’acqua dovesse seccarsi aggiungete acqua calda; unite la pasta, cuocetela al dente, e servitela calda, insaporita da pepe macinato al momento.


Come vino ho abbinato un Lambrusco.

10 commenti:

  1. lo trovo un piatto buonissssssssimo! ciao!

    RispondiElimina
  2. anche a me piace tantissimo, non lo trovo un piatto banale un bacio

    RispondiElimina
  3. Caldo e gustosissimo questo piatto!
    ottima versione!
    baci baci

    RispondiElimina
  4. Non è affatto banale, le lenticchie si sposano benissimo con tutto anche col pesce come ci insegna Don Alfonso 1890, quindi figuriamoci con la pasta.
    Non solo ma da un punto di vista nutrizionale è come aver mangiato una bistecca in fatto di proteine, perchè cereali e legumi insieme danno tutti gli aminoacidi essenziali, e consumato a cena è il massimo per l'assimilazione, perchè le proteine vengono assimileate meglio durante la notte, che durante il giorno pevia di... mi fermo non temere. Credo di averti fatto capire che non lo trovo affatto banale, anzi un'ottima idea che magari non a tutti viene di abinare pasta e lenticchie.
    Scusami....Baci Alessandra.

    RispondiElimina
  5. Federica, grazie.

    Carmen, benvenuta!

    Manu e Silvia, grazie, grazie!

    Alessandra, sono completamente d'accordo, i legumi sono ricchi di proteine, e combinati con la pasta, da un punto di vista nutrizionale, è un ottimo piatto. Anche per questo mi piace mangiarli.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  6. Giovanna hai fatto bene a postarlo, non lo trovo banale, ma è un piatto nutriente e buono e che molti non sanno realizzare per cui ben venga! Baci.

    RispondiElimina
  7. classico, intramontabile , buonissimo!!!! questi piatti non devono essere mai dimenticati, brava!
    ciao Reby

    RispondiElimina
  8. no no, te non ti preoccupare a postare queste ricette!
    oltre che per il fatto che a molte persone,tra cui io, adorano le zuppe con i legumi ma anche per il fatto che spesso chi non sa cucinare cerca anche le ricette più semplici sul web e questa è una di quelle che potrebbe tornare utile a chi con i fornelli non è praticissimo no?
    per cui hai fatto bene a postarla e continua a postarne altre, anche perchè le "versioni" mi incuriosiscono sempre molto :)

    RispondiElimina
  9. Ciao,
    grazie per aver partecipato alla mia raccolta con la tua bellissima ricetta.
    Ciao
    Stefania

    RispondiElimina
  10. Tania, grazie.

    Rebecca, grazie.

    Cuochella, grazie, allora continuerò a postarle, ho tante "versioni".

    Stefania, grazie.

    Baci e buona settimana
    Giovanna

    RispondiElimina