lunedì 9 novembre 2009

Filoncini alle olive



Quest'estate, nel corso delle vacanze, girando pigramente tra le viuzze di un paesino che io e mio marito, stavamo visitando, ho intravisto una libreria.
E per un attimo, che è durato una buona mezz'ora, ho completamente dimenticato le bellezze della natura, la ricchezza del paesaggio, la chiesa in stile romanico che di lì a poco avremo visitato e mi sono completamente persa nei libri.
E così, come una bambina in un negozio di giocattoli, ho iniziato a girare, fra i vari reparti.
Quindi, decisa, sono andata nel reparto adibito alla letteratura.
Ahimè, c'era poca roba, sono riuscita a rimediare Gli indifferenti di Moravia, che da tanto volevo rileggere, e un libro di P. Roth Il complotto contro l'America, che non mi è piaciuto, e, appellandomi al diritto del lettore, di non leggere un libro che proprio non piace, ho sospeso.
Il reparto cucina, invece, era ben fornito, e fra tante proposte, sono stata attratta da un libro sulla panificazione, poteva essere diversamente?, il libro si chiama Voglia di pane, scritto da Anna Prandoni e Sara Giannotti.
E così dopo averlo letto interamente, ma tutti i libri di cucina li leggo completamente, ho trovato tantissime ricette stuzzicanti ed allettanti.
La prima che ho scelto è quella che vi presento oggi, filoncini alle olive.
E' vero che già in altre occasioni ho preparato pane con le olive, ma questa ricetta mi incuriosiva.
L'ho seguita alla lettera, ho soltanto aumentato le quantità di farina e olio.
Il pane è stato cotto, come suggerivano le autrici, con il vapore, ovvero, per chi non ha la fortuna di avere un forno al vapore, con l'ausilio dei cubetti di ghiaccio.
I filoncini erano veramente molto buoni, esternamente croccanti e molto profumati.



Filoncini alle olive
650 g. di farina 0,
300 g. di acqua,
20 g. di lievito di birra,
5 g. di zucchero,
12 g. di sale,
50 g. di olio extravergine di oliva,
250 g. di olive verdi snocciolate.

Create con la farina una fontana e scioglietevi nel centro il lievito con l’acqua.
Unite tutti gli ingredienti tranne le olive.
Impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo, poi unite le olive e lavorate l’impasto per due minuti.
Ponete a lievitare per 60 minuti in una ciotola leggermente unta.
Spezzate l’impasto e formate dei filoncini.
Ponete i filoncini su una teglia e lasciateli lievitare per 50 minuti.
Infornate in forno preriscaldato a 200° per circa 25 minuti, con vapore.
Se i filoncini diventassero troppo scuri, abbassate la temperatura a 180°.

“Per una buona cottura del pane occorre umidità. Quindi, subito prima di infornare il pane, gettate nel forno 6 – 7 cubetti di ghiaccio: si formerà l’umidità sufficiente, all’inizio della cottura, per garantire alle vostre pagnotte la caratteristica morbidezza.”

9 commenti:

  1. Che belli che ti sono venuti...e chissà che buoni...
    Un abbraccio grande e buona serata

    RispondiElimina
  2. Il pane con le olive è buonissimo, questi filoncini saranno morbidissimi! In genere uso un pentolino con acqua, però i cubetti di ghiaccio credo siano più pratici, grazie per l'idea!

    RispondiElimina
  3. Mmmm che filoncini golosa, a quest'ora ne mangerei volentieri uno! ^_^

    RispondiElimina
  4. Io con la panificazione sono ancora ai primi passi, ma non avrei mai pensato che ci fosse una cottura simile.Che tipo di risultato c'è tra cottura con vapore e cottura senza, in che modo l'umidità influisce sulla resa finale dell'impasto?
    Carino il fatto che non si sia una lunga lievitazione, in questo modo non ti devi organizzare una settimana prima.

    RispondiElimina
  5. davvero eccezionali!! chissà che profumo!

    RispondiElimina
  6. Bellissimi e chissà il profumino per casa!!
    un bacione

    RispondiElimina
  7. Meravigliosiiii... ottimi per un buffet direi!
    baciii e buona serata.

    RispondiElimina
  8. Mi fai venire voglia di mettermi a panificare ^_^

    RispondiElimina
  9. Simo, grazie!

    Tania, grazie. Anch'io prima usavo il pentolino con l'acqua, leggendo questa tecnica nel libro, ho voluto sperimentarla.

    Simoncina, te ne invio un sacchetto virtuale!

    Asa Ashel, i cubetti di ghiaccio creano umidità, che conferiscono al pane morbidezza.

    Federica, grazie!

    Manu e Silvia, grazie!

    Betty, grazie!

    Sweetcook, grazie.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina