martedì 30 giugno 2009

Tortino di verdure con contorno di insalatina croccante



Questo tortino è stato preparato con verdurine di stagione: piselli freschi, zucchine e patate novelle, profumate da un trito di erbe aromatiche fresche e insaporite da un mix di formaggi grattugiati quali il parmigiano e pecorino romano; accompagnato da un'insalata è un ottimo secondo, leggero e saporito, mentre tagliato a quadrotti, offerto freddo, e abbinato ad un bianco leggero, può rappresentare una soluzione per un buffet, un antipasto o anche un aperitivo.
L'ho suggerito anche ad alcune amiche, per far mangiare le verdure, comunque camuffate, ai bambini.



E' di facile realizzazione, richiede solo un pò di tempo per la preparazione delle verdure.
Io l'ho utilizzato come piatto unico, accompagnato da una insalatina di verdure croccanti, condite con una vinaigrette.

La croccantezza dell'insalata contrasta piacevolmente con la morbidezza del tortino, e la vinaigrette con la sua freschezza valorizza la sapidità del tortino.



Tortino di verdure al forno con contorno di insalatina croccante

per il tortino:

300 g. di patate possibilmente novelle, o in alternativa a pasta gialla,
2 zucchine medie,
150 g. di piselli sgranati,
3 uova,
1 scalogno,
parmigiano e pecorino romano grattugiati,
erbe aromatiche (basilico, origano, erba cipollina),
sale,

per l’insalatina:

1 finocchio,
qualche rapanello,
1 manciata di olive nere,
olio extravergine di oliva,
aceto,
origano fresco,
sale.

Per prima cosa lavate e lessate per 7 – 8 minuti i piselli, intanto lavate le patate, pelatele, tagliatele a cubetti e lessatele per 4 minuti, scolate le verdure, fatele intiepidire e ponetele in una teglia nella quale avete messo 4 cucchiai di olio tiepido, io ho posto la teglia su una delle pentole utilizzate per la prelessatura delle verdure, il vapore ha riscaldato sufficientemente l’olio), mescolate bene e ponete in forno, utilizzando possibilmente la funzione ventilata, già alla temperatura di 180° per circa 10 minuti, quindi aggiungete le zucchine lavate, asciugate e tagliate a dadini e lo scalogno affettato a rondelle sottili, mescolate bene e rimettete in forno; intanto sgusciate e sbattete le uova, insaporitele con i due formaggi e le erbe aromatiche tritate, salatele e trascorsi 10 – 15 minuti (dopo aver aggiunto la seconda parte di verdure), unite il composto di uova alle verdure, mescolate bene in modo da ricoprire tutte le verdurine, rimettete in forno e proseguite con la cottura per altri 4 – 5 minuti, o fino a quando il composto di uova si sarà rappreso.
Intanto preparate l’insalatina: lavate, asciugate e affettate il finocchio, lavate, pelate, asciugate e affettate i ravanelli, uniteli in un’insalatiera, aggiungete le olive, condite con una vinaigrette di olio, sale e aceto, profumate con l’origano fresco.
E’ buono sia caldo che freddo.

Come vino ho abbinato un Verdicchio

lunedì 29 giugno 2009

Ciambellone salato con prosciutto e formaggi


Questo ciambellone è molto adatto alla stagione estiva, i suoi ingredienti: pasta di pane arricchita con olio extravergine di oliva, prosciutto crudo e formaggi, lo rendono ideale per una merenda; una fettina sottile, accompagnata da qualche verdura, è un buon antipasto, per un pranzo o una cena rustica; con insalata e pomodori, seguito da una macedonia di frutta fresca di stagione potrebbe essere un piatto unico, ed è ottime per gite, picnic e scampagnate.
Tra l'altro può essere preparato in anticipo, infatti, coperto da un canovaccio, si mantiene morbido e gustoso per 3 - 4 giorni, anzi il giorno successivo alla preparazione è molto più saporito.



Io lo preparo spesso, variando gli ingredienti della farcitura a secondo dell'estro e di quello che voglio, eventualmente, smaltire, e lo offro in una cena a buffet, oppure lo propongo per una colazione al sacco.









Ciambellone salato con prosciutto e formaggi

Per l’impasto:
400 g. di farina 00,
12,5 g. di lievito di birra,
6 cucchiai di olio di oli extravergine di oliva, più 2 olio per la ciotola,
1,5 cucchiaini di zucchero,
1 cucchiaino di sale,

per il ripieno:

150 g. di prosciutto crudo in un unico pezzo,
100 g. di pecorino toscano parzialmente stagionato,
100 g. di pecorino romano.

Fate sciogliere il lievito in poca acqua tiepida, aggiungete lo zucchero, mescolate e lasciate riposare per una decina di minuti, in un luogo tiepido e coperto; quindi aggiungete la farina, l’olio extravergine e lavorate con acqua tiepida nella quale avrete sciolto il sale; quando l’impasto sarà liscio formate un panetto, ponetelo in una ciotola capiente, precedentemente unta con i due cucchiai di olio, copritela con un canovaccio per non far seccare l’impasto in superficie, e ponete il recipiente in un luogo tiepido a lievitare; dopo circa un’ora e mezzo, o comunque quando il volume è raddoppiato, stendetelo, ricopritelo con il prosciutto e i due formaggi precedentemente tagliati a cubetti, avvolgete, formate una ciambella, ponetela su una teglia ricoperta di carta forno, coprite con un canovaccio e fate lievitare di nuovo, fino a quando la ciambella sarà raddoppiata, quindi ponetela in forno già alla temperatura di 180° - 200° e cuocetelo per circa 35 minuti, o fino a quando risulterà dorato in superficie.Mangiatelo freddo, possibilmente il giorno dopo.

Come vino ho abbinato un Chianti






domenica 28 giugno 2009

Una gita in Valpolicella



Nel corso delle nostre recenti vacanze, abbiamo dedicato una giornata alla Valpolicella, celebre per i suoi vigneti e per alcuni dei suoi più importanti vini rossi italiani, un nome per tutti: l'Amarone.
Insieme all'Amarone un altro dei vini celebri è il Valpolicella, già Hemingway nel suo romanzo: "Di la dal fiume tra gli alberi" ne decantò le virtù definendolo: "secco e cordiale come la casa di un fratello".
L'Amarone è oggi il vino che più caratterizza anche a livello internazionale i vini di questa zona ricca e lussureggiante.
La Valpolicella non offre solo vini (e che vini!) ma è famosa anche per le coltivazioni di Vialone nano, un riso ottimo per la preparazione di gustosi risotti.
Per chi ama la natura vi sono molte attrattive quali il Parco naturale della Lessinia.
Il nostro scopo era di girare per vedere la zona nel suo insieme, consumare una frugale colazione al sacco nel verde, e camminare senza seguire un itinerario preciso, dando libero sfogo alla fantasia e all'improvvisazione.
Altrimenti se si programma tutto, anche quando si è in vacanza che gusto c'è?






Mano a mano che ci inoltravamo nella zona eravamo sempre più conquistati dalla bellezza dei panorami e dei luoghi circostanti.










I ciliegi erano talmente belli che non smettevo di fotografarli.....














Per pranzare ci siamo fermati nello spiazzo, attrezzato allo scopo, antistante la chiesa di Cavalo.
Da dove si può ammirare uno splendido panorama che dalla vallata arriva fino al lago di Garda.










La zona ci ha conquistati e per visitarla bene è necessario fare (molte) altre escursioni


mercoledì 24 giugno 2009

Amici a cena e antipasto fantasia

Dopo la pausa delle vacanze riprendo l'appuntamento con la rubrica del menù.

Quello di questa settimana è dedicato alle cene tra amici, in questo caso una cena molto informale, da preparare in anticipo, senza stare troppe ore ai fornelli, e da poter essere organizzata anche durante la settimana, quando a causa dei tanti impegni, il tempo da dedicare alla cucina è sicuramente ridotto rispetto al week end.
I piatti presentati sono semplici e gustosi, ricchi di verdure, molto adatti all'estate e al caldo.
L'antipasto si prepara proprio all'ultimo minuto, per renderlo goloso è importante utilizzare ottime materie prime, e presentarlo con un po' di fantasia; io sono partita da ingredienti semplicissimi quali il prosciutto crudo, la mozzarella di bufala, le olive, i pomodorini piccadilly, dolci e gustosi, i carciofini sott'olio e la raspadura, delle lamine estremamente sottili di un formaggio grana tipico lodigiano, una delizia.
L'antipasto l'ho accompagnato con il pan focaccia, gustosissimo e molto apprezzato in abbinamento con il prosciutto e la raspadura.
Si può preparare anche in poco tempo, infatti servita calda è ottima, le temperature estive consentono lievitazioni abbastanza veloci, quindi nel giro di un paio d'ore è pronta.
Il primo, cuscus con verdure, è rapidissimo da preparare, molto colorato, saporito e fresco.
Anche il secondo è molto fresco e gustoso, una classica insalata di mare, con moscardini e calamari, arricchito da fagioli cannellini, che in estate si trovano anche freschi, patate, ricche di potassio, e olive.
Il contorno è quasi superfluo dopo le verdure che accompagnano l'insalata, ma eventualmente perché non sbizzarrirsi con una bella insalatona, tipo lattuga, cetrioli, pomodori, rapanelli, olive e tutto ciò che la fantasia ci suggerisce?
Come dolce, invece del classico gelato o macedonia, ho pensato ad un plum cake, dal fresco profumo di limone e arancia, eventualmente accompagnato da lamponi o una pallina di gelato alla crema.
A completamento della serata un bel vino bianco, un Pigato o un Vermentino e una conversazione brillante, non interrotta in continuazione da pasta da lessare, sughi da girare o cotture da controllare.
Una bella tovaglia colorata nei toni del giallo o dell'arancione, con tovaglioli in tema, piatti bianchi, posate semplici e bicchieri colorati contribuiranno a rallegrare ulteriormente la serata.
Antipasto fantasia
Prosciutto crudo,
mozzarella di bufala,
pomodorini,
carciofini sott'olio,
raspadura,
olive nere e verdi,
olio extravergine di oliva,
basilico.
Per i carciofini sott'olio clicca qui.
Pan focaccia


Per la ricetta clicca qui.
Cuscus con verdure


Per la ricetta clicca qui.
Insalata di mare ricca



Per la ricetta clicca qui.

Plum cake agli agrumi



Per la ricetta clicca qui.