sabato 23 gennaio 2010

Degustazione di tè verdi cinesi pregiati

La scorsa settimana ho partecipato ad un'altra degustazione di tè, svoltasi, come le altre alla Scuola de La Cucina Italiana.
La relatrice, esperta di tè, la Sig.ra Barbara Sighieri, de La Teiera eclettica, questa volta ci ha fatto degustare quattro tè verdi cinesi pregiati.
Questi tè, ci ha spiegato, fino a non molto tempo fa, non erano destinati all'esportazione; infatti erano i tè comunemente bevuti dagli imperatori, e in seguito, da Mao.
Per fortuna, oggi le cose sono cambiate, così anche noi occidentali possiamo apprezzare non solo questi tè, peraltro veramente eccellenti, ma anche un pezzo della millenaria cultura di questo popolo.



Nella foto, sono illustrati i quattro tè, proprio nella sequenza in cui sono stati bevuti, in pratica da quello più delicato, il Pi Lo Chun, a quello più forte, ma sempre molto delicato, il Lung Ching.
Tutti questi tè sono caratterizzati da foglie di grandi dimensioni, ma sono tè giovani, e la pregiatezza è data anche dalla raccolta manuale.
Sono tutti tè con una breve vita aromatica, in quanto la grandezza delle foglie determina il deterioramento dell'aroma.
I tè più aromatici sono quelli prodotti in montagna, ad alta quota.
Inoltre, nei tè pregiati, spesso si nota un sedimento, questo è indice di elevata qualità, in quanto deriva dalle foglie pelose, ovvero le più preziose.

Il primo tè bevuto, dunque, è stato il Pi Lo Chun, che in cinese vuol dire "Spirale di giada a primavera", sarà che il tè è un'autentica passione, sarà che sono di parte, ma questo nome, come per gli altri, racchiude una poesia ed un incanto, tipico proprio della Cina.
Proviene dalla provincia di Jang Su, ed è costituito dalla gemma e dalla prima foglia; il colore è verde scuro ed è molto "lanuginoso" grazie alla grande quantità di gemme, in pratica la parte più pregiata della pianta del tè, la Camelia Sinensis.

Come si osserva dalla foto l'infuso è molto chiaro, ed il gusto delicatissimo, con un sentore di pesca ed albicocca.
Dai cinesi viene considerato un tè femminile.

E queste sono le foglie dopo l'infusione, che mantengono ancora tutto il loro aroma, e come per tutti i tè verdi pregiati, utilizzabili per altre infusioni.
Senza perdita di gusto.

Il Lu An Gua Pian è il secondo tè bevuto, in cinese il suo nome vuol dire: "seme di melone".
Viene coltivato nella provincia di Anhui, in terreni ricchi di fosforo, e presenta un sentore di castagno.

Le foglie dopo l'infusione presentano una freschezza, ed un aroma, che le rende adatte per cuocere verdure e pesce al vapore.

Anche il Tai Ping proviene dalla provincia di Anhui, nello specifico nel villaggio di Hou Keng, in cinese Tai Ping, vuol dire: "Lingua di passero", le foglie, infatti, molto grandi, presentano una forma allungata e piatta.
La superficie presenta una trama incrociata, dovuta alla rollatura.

Il Tai Ping, durante l'infusione. Dalla foto è possibile osservare come le foglie si estendano.

Il suo sapore è pieno, pulito, netto e persistente.

Il Lung Ching, proviene dalla provincia dello Zhejang, nei pressi del lago di Hangzhou.
Zona lacustre, famosa in Cina come luogo di vacanze.
Proprio dalla zona prende il nome, che in cinese significa: "Pozzo del dragone".

Il suo aroma è molto dolce, fresco, di erba tagliata.

In questa foto, ho messo a confronto i quattro tè, dopo l'infusione.



Questa bellissima tazza, come l'altra in porcellana della foto di apertura si chiama Gaiwan, ed ha la duolice funzione di teiera e tazza.
Il gaiwan, infatti, consente l'infusione, e poi di bere il tè.
Eè molto utilizzata per i tè verdi e bianchi, quelli dalle foglie molto lunghe.
In questo modo, dopo l'infusione, si scosta leggermente il coperchio, che in questo modo blocca le foglie e si beve il tè.
E' costituita dalla tazza, il piattino e il coperchio.
Anche il piattino ha una funzione, oltre che essere molto decorativo: se il tè è molto caldo, se ne versa un pò nel piattino e si beve più agevolmente.

Ed anche questa semplice tazza, rappresenta molto bene un popolo, le sue tradizioni, la sua cultura, e il suo amore per il tè.

12 commenti:

  1. Carissima Giovanna, i miei complimenti per il post interessantissimo! Le immagini sono molto belle e ben impostate!

    RispondiElimina
  2. quante cose interessanti, non sono un'esperta di the, ma vorrei tanto provarli tutti!

    RispondiElimina
  3. Grazie per essere sempre così precisa e capace nelle tue spiegazioni...or ne so un pochino di più!
    Un bacione e buon sabato sera

    RispondiElimina
  4. Che bello questo post, grazie per tutte queste interessanti informazioni. Un bacione.

    RispondiElimina
  5. Ma che bel lavoro di ricerca., COMPLIMENTI. Sai per caso qual'è il nome del tè che viene usato a a fine pasto per favorire lo sviluppo degli gli enzimi della digestione? Gtrazie e buona domenica. Clementina

    RispondiElimina
  6. Bellissimo ed interessantissimo post, amo molto i tè verdi, immagino che piacere gustarne di rari, preparati come si deve, degustati e raccontati!
    grazie per aver condiviso l'esperienza! :)

    buona domenica
    Terry
    http://crumpetsandco.wordpress.com/

    RispondiElimina
  7. Giovannina mi è proprio piaciuto questo post. Mi sn scoperta anche io una cultrice di tè, e ammetto che mi farebbe davvero piacere partecipare ad una degustazione di tè.

    Un bacione e buona domenica

    RispondiElimina
  8. Tutto molto bello, comprese le tazze-teiere, così anche il tè assume un sapore più vero! Mi piace molto quella in vetro.

    RispondiElimina
  9. Cara Lady, grazie! Quando la passione ti guida, tutto ti riesce meglio.

    Iana, grazie! Credo che ti piacerebbero tutti.

    Simo, grazie davvero!

    Cri, grazie!

    Clementina, grazie! I tè verdi hanno molte proprietà, e molti tè sono ottimi per favorire la digestione, però, non ne conosco uno specifico, mi informerò!

    Terry, grazie! E' un'esperienza che condivido molto volentieri con voi.

    Fiorellina, sarebbe bellissiomo partecipare insieme ad una degustazione, peccato che abitiamo così lontane. Perchè non vieni a Milano?

    Tania, grazie! Le tazze sono meravigliose. Io ho quelle in porcellana, e quando bevi il tè a foglie larghe, ti sembra veramente di spostarti in un altro mondo, in un altra epoca, e di rilassarti veramente.

    Baci e buona settimana Giovanna

    RispondiElimina
  10. mi hai ricordato una giornata trascorsa questa estate in cina in una casa del te dove abbiamo assistito al rito del te ed assagiato non so quante qualità di tè una più buona dell'altra ed ognuna con il suo rituale di preparazione, veramente un mondo a parte.
    ciao Reby

    RispondiElimina
  11. Ciao tesoro, grazie della visita e buona settimana anche a te! A presto, bacioni

    RispondiElimina
  12. Reby, che meraviglia, aver assistito ad un rito del tè in Cina.

    Carissima Lady, grazie!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina