giovedì 7 gennaio 2010

Pizza quattro gusti

Vi ricordate quella pubblicità, di una marca di gelato, molto in voga negli anni '90, che in un inglese maccheronico diceva pressappoco: "du gust is megl che uan"?
E' quello che ho pensato una volta sfornata questa pizza: "quattr gust is megl che uan".
Sono andata da Medagliani, un grande negozio a Milano che vende tutto quanto è inerente il mondo della ristorazione a livello professionale, ed è aperta anche ai privati, ed ho comprato una teglia per pizza di quelle professionali, di alluminio, rettangolari, ampie, e così l'ho inaugurata con questa pizza, nelle intenzioni c'era di fare due gusti differenti, ma se l'appetito vien mangiando, l'idea vien preparando, e dunque ho preparato quattro diversi gusti.
E li ho presentati come una degustazione di formaggi: sono partita dal gusto meno deciso, fino ad arrivare al gusto più forte: è finita in un lampo...


E un sabato sera di prima delle feste, dedicato al riposo, dopo una giornata ricca di impegni, è stato rallegrato da questa pizza.



Pizza quattro gusti

Ingredienti per 4 persone

Per l’impasto:
500 g. di farina,
1 bustina di lievito disidratato,
2 cucchiai di olio,
2 cucchiaini di zucchero,
1 cucchiaino di sale,

per il sugo:
¾ di pomodorini in scatola,

1 cucchiaio di olio extravergine,
1 aglio,
sale,

per la farcia:
200 g. di mozzarella di bufala,
80 g. di gorgonzola piccante,
parmigiano reggiano,
3 noci,
1 aglio,
olio extravergine di oliva,
origano,
sale.

Per la preparazione dell’impasto cliccate
qui.
Mentre l’impasto lievita preparate il sugo: soffriggete l’aglio nell’olio, unite i pomodori, salate e portate a cottura.
Tagliate la mozzarella a dadini, private della crosta il gorgonzola e tagliatelo a dadini.
Quando l’impasto sarà lievitato, lavoratelo brevemente per sgonfiarlo, prendetene una piccola porzione e tenetela da parte, stendete l’impasto in una teglia, preferibilmente rettangolare, ricoperta di carta forno.
Con la porzione tenuta da parte formate due salsicciotti, e suddividete in quattro parti l’impasto.
Ricoprite due quadranti col sugo, sul primo quadrante ponete l’aglio tagliato a fettine, l’origano e l’olio extravergine d’oliva (pizza marinara); sul secondo aggiungete 1/3 della mozzarella, parmigiano grattugiato, olio extravergine d’oliva e pepe (pizza margherita); farcite il terzo quadrante con un altro terzo di mozzarella e poco più della metà del gorgonzola, condite con un filo d’olio extravergine; farcite l’ultimo quadrante con la restante mozzarella e il restante gorgonzola, il parmigiano grattugiato e il pepe; fate lievitare per altri 5 – 10 minuti, e infornate in forno preriscaldato per circa 15 – 20 minuti, poco prima della fine della cottura, aggiungete al quadrante con mozzarella, gorgonzola, parmigiano e pepe i gherigli di noce.
Infornate ancora per un paio di minuti.
Per un effetto scenografico, alternate i quadranti col pomodoro a quelli bianchi.



Ho abbinato una birra doppio malto

10 commenti:

  1. Mio Dio! Mio Dio! Mio Dio! Mio Dio!
    Come faccio a resistere???? Troooooopppoooooo buonaaaaaa.....
    Grazie per averla inviata per la mia raccolta ;-)
    Baciiiii.

    P.s. ti aspetto ancora :D!

    RispondiElimina
  2. Grazie, grazie, grazie!!!!
    Non preoccuparti, ho ancora in serbo molte ricette...
    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  3. waow, che mega pizzona, slurp, mi vien già la bava alla bocca...potrei avere qualche notizia in più di questo negozio Medigliani? Mi interesserebbe molto farci un giro...
    grazie e buonissima serata

    RispondiElimina
  4. Simpatica l'idea di dividere la pizza con i quattro gusti brava!!!

    RispondiElimina
  5. Troppa gola, meravigliosa presentata così! Complimenti per il blog! a presto cuoca eclettica :-))

    RispondiElimina
  6. é una bellissima idea!!!
    Grazie!
    Baci

    RispondiElimina
  7. mamma mia che goduria!!! ma come si fa a stare a dieta di fronte a certi argomenti??????
    ciao Reby

    RispondiElimina
  8. Simo, grazie! Per Medagliani ti mando una mail.

    Rossella, grazie!

    Milla, benvenuta e grazie!

    Gaia, grazie!

    Reby, grazie! Semplice: per la dieta cominciamo domani, d'altra parte tutte le diete non iniziano di lunedì?

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  9. AHHH Però!! complimenti, ne mangerei un pezzo proprio ora!

    RispondiElimina