venerdì 26 marzo 2010

Orata gratinata con contorno di radicchio al forno

Orata gratinata con contorno di radicchio al forno

Anche se siamo ormai in primavera, al mercato si trovano ancora delle verdure invernali, buone e sicuramente nostrane.
Tra l'altro a Milano la primavera non è ancora arrivata, le temperature sono sicuramente più alte, ma una pioggerellina persiste e un'arietta grigia, quasi autunnale, di tanto in tanto fa capolino.
Quindi, verdure quali radicchio, broccoli, cime di rapa e affini, continuo a mangiarle.


I filetti di orata li ho preparati una sera nella quale volevo una cena semplice, veloce e leggera.
Il pesce mi piace cucinarlo in maniera non troppo elaborata, in modo tale da consentire alla sua freschezza, e al suo sapore di mare di sprigionarsi appieno.

La gratinatura mi piace molto, in quanto consente cotture veloci, saporite e sapori diversi dati proprio dagli ingredienti costituenti la panatura.
In questo caso pan grattato, olive, aglio e rosmarino.

Il rosmarino oltre a rendere più profumata e stuzzicante la panure, ben si abbinava col radicchio utilizzato come contorno.

Orata gratinata con contorno di radicchio al forno

Ingredienti per due persone.

due orate di circa 600 g. l'una,
2 cespi di radicchio tardivo,
4 cucchiai di pan grattato,
6 olive nere di Gaeta,
1 aglio,
rosmarino,
limone,
olio extravergine di oliva,
fleur de sal.

Per la preparazione del radicchio al forno cliccate qui; intanto sfilettate le orate, ricavando 4 filetti lasciando la pelle, lavateli, asciugateli e poneteli in una teglia leggermente unta, dal lato della pelle.
In una terrina amalgamate il pan grattato, unite le olive, l'aglio e un rametto di rosmarino tritati a coltello, qualche goccia di limone e una quantità di olio extravergine necessaria ad amalgamare il pan grattato.
Spalmatelo sui filetti di orata e cuoceteli, in forno preriscaldato, a 180° per circa 1o minuti.
Quindi insaporiteli con un filo d'olio extravergine e cuoceteli per altri 5 minuti.
Serviteli caldi, accompagnati dal radicchio tiepido, insaporito con un filo d'olio e del fleur de sal de Guerande.

Come vino ho abbinato un Greco di Tufo.

19 commenti:

  1. Buonissima l'orata così.


    ciao

    RispondiElimina
  2. da leccarsi i baffi! complimenti!

    RispondiElimina
  3. Alice, Federica, grazie!
    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  4. Ciao tesoro, appena sono arrivata ho sentito il meraviglioso profumo delle tue orate! Mi piace tantissimo la cottura gratinata e tu l'hai resa molto appetitosa con la panatura a base di olive, aglio e rosmarino! Squisito il contorno di radicchio e ottimo il "Greco di Tufo"! Grazie della tua graditissima visita. Baci e a presto

    RispondiElimina
  5. l'idea della trota con il radicchio non è niente male

    RispondiElimina
  6. guarda queste cose qui potrebbero essere la mia cena in eterno!

    RispondiElimina
  7. Tesoro ^_^ innanzitutto grazie per gli auguri!

    Anche a me piace gustare il pesce cotto il più semplice possibile, sarà per questo che nel mio blog ricette con il pesce ne trovi pokissime anzi forse una, nonostante ne consumi quintali...certo l'idea di postare la ricetta del pesce alla brace o bollito, non mi sembra così accattivante ^_^
    la tua ricetta mi piace molto somiglia un pokino a quella delle alici gratinate che preparo almeno 2 volte a settimana...
    l'aggiunta delle olive e del radicchio potrebbe essere una buona alternativa, anche se il sapore delle alici(che adoro) è un attimino diverso da quello dell'orata...
    un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  8. Lady Boheme, grazie! Il Greco di Tufo è un vino meraviglioso!

    Gunther, grazie!

    Iana, grazie! Anche le mie...

    Gaia, grazie! Ti capisco, anch'io cucino tanto pesce, ma posto solo le ricette un pò più particolari. Come te non credo che un pesce lesso, sia interessante da postare!
    Mentre invece è ottimo da mangiare.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  9. (^_^) ciao Giovanna,mm.... che buone io le adoro le orate gratinate (-_^) mi segno la tua panatura (^_^) un abbraccio e buon weekend ♫♫♪♪

    RispondiElimina
  10. Io ho ancora una zucca, se non mi sbrigo tra un poò arrivano quelel della nuova stagione!
    La pantura è sicuramente il tocco in più di questo piatto, mediterranea e fresca!

    RispondiElimina
  11. stuzzicante ricetta, non amo il radicchio, ma l'orata fatta così è deliziosa...scusa se cambierò il contorno.
    ciao Reby

    RispondiElimina
  12. Maya, grazie!

    Tania, grazie!

    Rebecca, grazie! Se non ti piace il radicchio cambia pure.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  13. Io vado pazza x il radicchio, ma non lo avevo mai abbinato con il pesce, bella idea!

    RispondiElimina
  14. Ciao tesoro, sono passata per un saluto e per ringraziarti della graditissima visita! Un bacio e a presto

    RispondiElimina
  15. Questa ricetta è molto appetitosa, soprattutto per la crosta con le olive!!! Brava!!
    Franci

    RispondiElimina
  16. Ciao tesoro, sul mio blog ci sono dei pensieri per te! Se ti fa piacere, sono tuoi! Un bacio

    RispondiElimina
  17. Le olive sono un tocco in piu' che rendono particolare questa gratinatura. Provero' senz'altro.

    RispondiElimina
  18. Ottimo piattino, buono e sano...come tutti i tuoi, del resto!
    Un abbraccio grande...sono tornata!

    RispondiElimina
  19. Sally, grazie!

    Lady Boheme, grazie!

    Francesca, benvenuta e grazie!

    Maurina, grazie!

    Simo, bentornata e grazie!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina