venerdì 6 agosto 2010

Alici panate

Alici panate

Si parla sempre più spesso che i mari si stanno impoverendo di pesci quali branzini, pesce spada, tonno e altre varietà ritenute più "importanti" e "raffinate".
Così per queste ed altre specie il rischio di estinzione è altissimo.
Per contro, ci sono tanti tipi di pesci, altrettanto buoni, ricchi di proprietà, sicuramente più economici, che spesso vengono ritenuti meno allettanti.
Forse fa più chic dire "ho preparato un branzino al cartoccio", che "per cena ci sono le alici fritte".
Però i benefici che danno questi pesciolini sono tantissimi, giusto per dirne una sola sono ricchi di omega 3, una serie di acidi grassi, molto utili al nostro organismo.

Inoltre, pur apprezzando un trancio di pesce spada, un branzino, un'insalata di mare e così via, le alici le trovo veramente buone.

Solitamente le cucino in tortiera, un piatto semplicissimo tipico della mia zona.

Qualche giorno fa, su uno degli ultimi numeri de La Cucina Italiana, ho letto una ricetta a base di sarde panate.
Io ho sostituito le sarde con le alici, ho variato la panatura, ed il risultato è stato questo piatto di alicette molto croccanti e saporite che nel giro di un attimo sono state mangiate.

Io le ho preparate per cena, ma le vedo ottime come antipasto, o come portata di un buffet.

Alici panate

Nella foto sono illustrate le varie fasi della preparazione.

Alici panate

ingredienti per due persone

400 g. di alici,
2 uova,
pan grattato,
la scorza grattugiata di un limone biologico,
farina,
erbe aromatiche (menta, origano e prezzemolo),
olio extravergine di oliva,
sale.

Lavate, eviscerate e spinate le alici aprendole a libretto, asciugatele e passatele nella farina, avendo cura di eliminarne l'eccesso, battete le uova, in una terrina mescolate 5 cucchiai di pan grattato con la scorza grattugiata del limone, un paio di foglie di menta, un bel ciuffo di prezzemolo e un paio di rametti di rosmarino, finemente tritati a coltello, amalgamate bene, passate le alici nell'uovo battuto e successivamente nella panure.
Disponetele in una teglia ricoprta di carta forno, ungetele con un filo d'olio e cuocetele in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.

Come vino ho abbinato un Sauvignon siciliano.

10 commenti:

  1. Giovanna sai che ti dico?Le tue alici sono davvero tres chic magari servite in un cartoccio di carta grezza, altro che un pidocchioso branzino :)
    Ricetta facile, saporita, che piace quasi a tutti e perfetta come dici tu sia per una cena che per un buffet!
    Brava buon week end bacioni

    RispondiElimina
  2. Brava!!! w il pesce azzurro e "stupidamente" considerato povero...quando invece fa bene ed ha gran gusto!!! mi lancerei sul vassoio di alici ora!!!:)
    bacioni

    RispondiElimina
  3. Brava Giovanna, che spettacolo!!! Una ricetta semplice ma di gran gusto!!!

    RispondiElimina
  4. Si lo so....non mangio e non mi piace molto il pesce azzurro...
    ma questo piattino è di un invitante!
    bacioni cara e buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. Mia cara, adoro il pesce azzurro perché, oltre ad essere squisito, è ricco di proprietà benefiche! Le tue alici panate sono meravigliose, così aromatiche e ben preparate!
    Che peccato non poterle assaggiare!
    Un forte abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  6. Ciao Giovanna, hai ragione, le alici sono una vera ricchezza del mare... e che bontà! Marinate o fritte si fanno davvero apprezzare. Voglio provare anche il tuo torino, mi ispira tanto! Un caro saluto. Buon fine settimana. Deborah

    RispondiElimina
  7. bravissima pesce azzurro e niente fritto 10 e lode, questa panatura aromatica mi intriga molto, complimenti di nuovo, un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  8. ma che buone!!! sono invitantissime!!!!! brava! ora do un'occhiata alla torta qui sotto... :-O M

    RispondiElimina
  9. Ciao Giovanna, concordo appieno con te per quanto riguarda la bontà e le caratteristiche di questi pesciolini, a me piacciono molto quindi ti copio subito la ricetta!

    RispondiElimina
  10. Meggy, grazie! Buon suggerimento...

    Terry, grazie! Inoltre il pesce azzurro è molto versatile.

    Speedy grazie! La semplicità secondo me ripaga sempre.

    Simo, sei in buona compagnia, a molte persone non piace il pesce azzurro...

    Cara Lady, grazie! Se vieni qui, sono ben lieta di prepararle.

    Deborah grazie! Marinate sono buonissime.

    Rebecca, grazie! La frittura mi piace molto, ma cerco di mangiarne veramente poca.

    Martina grazie, come sei gentile!

    Milla, grazie. Mi fa piacere che siamo in tante ad apprezzare la bontà e la versatilità di questo pesce.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina