mercoledì 17 novembre 2010

Metti una sera a cena...

Cotolettine di pollo con panure di erbe aromatiche, semi di sesamo e di papavero e nocciole

...di fine estate, in frigorifero ti aspettano i petti di pollo, hai lavorato tutta la giornata e desideri una doccia, bere il tè, caldo, of course!, leggere il libro in corso.
Invece devi fare ancora una serie di commissioni, mettere in ordine, insomma il diario di una qualunque e normale giornata settimanale.
Poi realizzi che vorresti tanto una cotoletta di pollo, ma la frittura non è sicuramente un toccasana, poi di sera, in estate e quindi....


Mentre sorseggio il tè e ascolto distrattamente la radio, ecco arrivare Peter Gabriel e con lui l'"ispirazione": voglio la cotoletta e cotoletta sia, ma...con un compromesso: al forno.
Anche se fa caldo, non mi scoraggio, adesso, a novembre, il problema neanche si porrebbe.
Così preparo delle minicotolettine, con una panure golosa: oltre al pan grattato, anche nocciole, erbe aromatiche del mio balcone e per dare sprint e colore, semi di sesamo, per impanare una parte delle cotolettine e semi di papavero, per la restante parte.
Cottura in forno, quindi cotolettine leggere e cena simpatica e sprintosa.

E' superfluo aggiungere che ho abbinato il tè, avevo l'Ambootia comprato da poco, e un tè nero del Darjeeling mi sembrava veramente ideale per accompagnare le mie cotolettine.

Un'insalatina fresca e colorata come contorno ha completato il piatto.

Il risultato: 450 g. di petti di pollo, avevo pensato di prepararli tutti, in modo da avere la cena pronta per il giorno dopo, spariti in un attimo...

Cotolettine di pollo in panure golosa

ingredienti per 2 - 4 persone

450 g. di petto di pollo a fette,
2 uova,
pan grattato,
erbe aromatiche (salvia, prezzemolo, rosmarino),
una manciata di nocciole,
semi di sesamo,
semi di papavero,
farina,
olio extravergine di oliva,
fleur de sal de Guerande,
pepe.

Per accompagnare

insalatina mista.

Tagliate i petti di pollo, in modo da ottenere da ogni fetta, due o tre parti di dimensioni simili. Ponetele tra due fogli di carta da forno e appiattitele col batticarne.
Intanto preparate la panure: unite al pangrattato, più o meno 4-5 cucchiai, le erbe aromatiche tritate finemente a coltello, le nocciole tritate, il pepe.
Suddividete la panure in due parti, ad una aggiungete i semi di sesamo, all'altra quelli di papavero
Passate le cotolettine nella farina, scuotete le fettine per eliminare quella in eccesso, poi nelle uova battute, quindi metà impanatele con la panure ai semi di sesamo e l'altra con quella ai semi di papavero.
Ricoprite una teglia con carta da forno, spennelatela con l'olio, adagiatevi le cotolettine, condite con un filo d'olio e cuocete in forno preriscaldato a 180° per 10 minuti, quindi giratele e continuate ancora la cottura per altri 10 minuti.
Servitele calde con un pizzico di fleur de sal de Guerande.


Cotolettine di pollo con panure di erbe aromatiche, semi di sesamo e di papavero e nocciole

Ho abbinato il tè nero Ambootia

16 commenti:

  1. Tesoro queste cotolettine sono proprio sfiziose!Nemmeno io rinuncio ad accendere il forno in estate..Hai avuto proprio una bell'ispirazione...La panatura croccante e saporita le rende accattivanti e piacevoli.
    La foto nell'header è bellissima..
    Un bacione

    RispondiElimina
  2. Che non impazzisco per la carne si sa ma qui cedo anch'io ^__^ Il pollo è l'unica che mangio volentieri, le cotolette sono al forno, hai fatto una panure che è una favola di profuma e ci sono anche i semini. Manca solo aggiungere un posto a tavola. Se mi aspetti arrivo con le tartellette alle verdure ;) Un bacione cara, buona serata

    RispondiElimina
  3. Mia cara, sono fantastiche con questa panure particolarmente appetitosa e originale! Bravissima anche per aver preferito la cottura nel forno!!! Complimenti, tesoro, un abbraccio

    RispondiElimina
  4. belle le cotolette reinventate e in un modo davvero gustoso e saporito! ma brava :)

    RispondiElimina
  5. Presa!!!! Mi piace moltissimo questa ricetta dell'ispirazione...
    cotolette speciali al forno, ma che voglia di provarle presto!!!
    Certo, certo tè caldo anche in estate! ^_*
    Baci e buona notte

    p.s Peter Gabriel...è da un pezzo che non ascolto una sua canzone!

    RispondiElimina
  6. un aspetto strepitoso tanto che è riduttivo chiamarle solo cotolette, sono molto meglio, per me poi che non digerisco bene la frittura e che amo le spezie è una vera goduria.

    RispondiElimina
  7. Ottima panatura, croccante ed aromatica...e la cottura al forno è perfetta...leggerezza e gusto!

    RispondiElimina
  8. Decisamente originale e diverso dal solito, il tuo pollo è estremamente invitante!!

    RispondiElimina
  9. una panatura da oscar, deliziosa croccante sfiziosa e golosissima , brava Giovanna!!!!!bella la foto che hai messo,davanzale e scorcio bellissimi!un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  10. Meggy, grazie!

    Federica, grazie! Vieni ti sto aspettando!

    Lady, grazie! Le cotture al forno le preferisco, sono più leggere.

    Gio, grazie!

    Gaietta, grazie! Anche a te piace Peter Gabriel?

    Valerio, grazie! Le spezie danno un buon sapore. La frittura mi piace, se però posso evitarla, la cottura in forno è l'ideale.

    Terry, grazie! Che dire: gusto e leggerezza!

    Sally, grazie!

    Rebecca, grazie!

    Carpe diem, benvunuta e grazie!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  11. Sfiziosissime e di gran gusto queste cotolette, perfette dire, bravissima Giovanna, baci!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Ciao Giovanna, che devo dire io che qui è sempre estate e il forno è sempre acceso.

    Scusa l'assenza cara, ora sono tornata in piena forma

    Bacioni

    RispondiElimina
  13. Non amo le cotolette ma trovo molto interessante la panura che mi ispira tanto per...vedremo io segno... ciao.

    RispondiElimina
  14. Giò, fatte e mangiate!
    Spettacolo!!!

    Teo

    RispondiElimina
  15. Speedy, grazie!

    Sara, che bello! Ho già fatto un giro alle Bahamas...

    Max, ma si la panure può essere utilizzata anche per il pesce.
    Io spesso cucino così la rana pescatrice!

    Grazie Teo!!!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina