giovedì 28 ottobre 2010

Frittata col radicchio

Frittata col radicchio

Che delizia l'autunno! Tante verdure deliziose sui banchi del mercato, tante sagre, la vendemmia, l'olio novello.
Ebbene si, l'autunno, lo dico a voce alta, anche se so che gli amanti dell'estate dissaproveranno, è una delle mie stagioni preferite.
Sarà il retaggio degli anni universitari, quando l'autunno rappresentava la ripresa dei corsi, la vita universitaria a tutto tondo, intere giornate trascorse tra corsi, esercitazioni e ricerche in biblioteca, una vita che mi dava gioia e mi entusiasmava moltissimo.
Anche perchè tutte queste attività erano condivise con colleghi, che nel corso degli anni sono diventati cari amici.
Quindi, tra un corso e un'esercitazione c'erano tante chiacchierate, tanti sogni, tante speranze.
E tanto cibo. I tranci di pizza presi al volo al chioschetto all'angolo, la pizza, i dolci in una delle pasticcerie più importanti di Napoli, e, ovviamente, panini.

lunedì 25 ottobre 2010

Facciamo un break?

Mini sandwich con crema di carciofi e tonno sott'olio

Sarà perchè non mi piace mangiare in maniera eccessiva a pranzo, sarà questione di abitudine, ma a metà pomeriggio mi piace molto fare uno spuntino.
Se ho poco tempo, quindi quasi sempre, mi limito a qualcosa di semplice, un frutto o uno yogurt.
Se invece sono a casa, ed ho tempo, preparo qualcosa di più stuzzicante.
Per la bevanda, mi oriento su uno dei miei e scelgo.
Per lo spuntino, solitamente preparo qualcosa di salato. E' inutile precisare, l'ho scritto e riscritto, che il tè lo bevo indifferentemente sia con pietanze dolci che salate.

mercoledì 20 ottobre 2010

Baccalà in umido

Baccalà in umido con olive e capperi

Riflettevo su quanto sia semplice ricavarsi uno spazio di pace e tranquilità, anche nelle giornate più caotiche.

Oggi dopo una lunghissima giornata di lavoro, sono tornata a casa, ho iniziato a preparare la cena, poi ho preparato il tè. Un tè verde cinese al gelsomino. Così ho iniziato a sorseggiarlo, appoggiata al davanzale della finestra, osservando il passeggio, gli alberi che sono sempre più spogli, la natura che piano piano si prepara ad affrontare l'inverno.

Ed io, ero completamente immersa in tutto questo, e sorso dopo sorso, mi sentivo sempre più leggera e in pace con tutto.

domenica 17 ottobre 2010

Un tocco internazionale in tavola: pane francese

Pane francese

Giornata uggiosa, una pioggerella fine e persistente scende su Milano. Gli alberi mano a mano stanno perdendo le foglie, passando dai caldi colori aranciati, ad un aspetto più invernale.
Il grigiore pervade ogni cosa.
La mia casa profuma di tè, tisana e pasta al forno. Il pranzo di oggi.
E il pane delle foto? L'ho preparato a fine giugno, quando ormai il caldo imperversava e accendere il forno era una follia.
Ma come ho scritto e riscritto le cotture al forno mi piacciono e se ho deciso di preparare qualcosa, il caldo non mi fa desistere.
Avrei tanto voluto preparare il pane anche oggi, ma ho alle spalle una settimana intensa e stressante e non volevo impegnare tutta la domenica mattina nella preparazione del pane.
Senza considerare che avrei dovuto preparare la biga ieri sera e, sinceramente, ho preferito dedicarmi ad altro.

mercoledì 13 ottobre 2010

Risotto con crema di carciofi

Risotto con crema di carciofi

Ambientazione giapponese, per uno dei più tipici piatti, riso a parte che comunque rievoca l'Oriente, della nostra cucina: il Risotto.

Lo scrivo con la maiuscola, perchè lo ritengo uno delle preparazioni più importanti della nostra cultura gastronomica.

Versatile, si può preparare con verdure, carne, pesce, formaggi.
Veloce da preparare, ma con una serie di regole da seguire: un buon soffritto di cipolla o porro, la tostatura del riso, la sfumatura del vino, la mantecatura finale.
Il risultato: un piatto delizioso, che riscalda il cuore.

Preparare un risotto, per me è un piacere. Da un lato c'è tutto il rituale descritto, dall'altro la consapevolezza che in pochi minuti, quelli che occorrono affinchè il riso si cucini, devi dare il meglio, altrimenti se il riso non è ben mantecato, non salato e pepato nella giusta misura, non c'è più tempo di rimediare.

domenica 10 ottobre 2010

Cake arancia e cioccolato

Cake arancia e cioccolato


Che stress! Settimana lunga e impegnativa. Week end pieno di lavoro e varie.
Finalmente sono riuscita a ritagliarmi uno spazio per aggiornare il blog...
Questo cake l'ho preparato qualche settimana fa, adesso ne mangio virtualmente una fetta. (Sigh!).

Nella preparazione del cake ho fatto un percorso inverso: sono partita dal tè, e ho pensato di preparare un dolce che si abbinasse con il suo aroma.

Il tè è il Dajeerling Rose D'Himalaya, un tè indiano dalle note fruttata sulle quali spicca l'aroma della rosa.
Veramente ottimo!

Così ho pensato ad un cake, preparato con yogurt per renderlo morbido, ma nel contempo leggero e aromatizzato dalle scorzette d'arancia candite e da gocce di cioccolato fondente.
Alla farina ho aggiunto nocciole tostate e macinate che hanno arricchito il sapore del cake.

giovedì 7 ottobre 2010

Fagottini con crema di olive e scamorza

Fagottini con crema di olive e scamorza

Come ho più volte scritto, ho un'autentica passione per le preparazioni lievitate salate.
Pizza, focaccine, panini ripieni, briosce salate,
tortani e casatielli mi piace cucinarli e mangiarli.
Lo so, non scopro nulla di nuovo, ma per me partire da un pugno di farina, acqua e lievito e vedere l'impasto "crescere", raddoppiare in volume mi sembra una "magia".
Alla luce di queste considerazioni, ho voluto provare la crema di olive nere, della ditta
OrtoCori, in una preparazione lievitata.

lunedì 4 ottobre 2010

Relax! Prima il piacere e poi...il piacere!


Com'è piacevole trascorrere un paio d'ore a leggere e sorseggiare un tè o una tisana.
Un paio d'ore da dedicare a se stessi, immersi nella lettura, nei propri pensieri, nei progetti che favoriti dal relax e dall'ozio mano a mano diventano sempre più consistenti.
Io credo molto nei momenti di ozio creativo e rigeneranti. La vita col suo scorrere impetuoso, a volte ci fa dimenticare della nostra essenza, dei nostri sogni.
Poi, come per magia, basta un po' di tempo da trascorrere con calma e una serie di idee, prima, timidamente, incominciano a fare capolino e poi piano diventano sempre più corpose.
Fino a darci un nuovo impulso e via di nuovo nella mischia, con tante idee da accarezzare e progetti da attuare.
E fra una pausa e l'altra, cosa si mangia????
Una cenetta veloce e gustosa realizzata con fichi, mirtilli, formaggi e prosciutto.