giovedì 17 febbraio 2011

Vorrei, vorrei una bella cenetta...

Carciofi ripieni con emmentaler e scamorza

Massì, dai! Diciamolo pure, chi di noi, non vorrebbe un piatto saporito, semplice, veloce, che magari ci consenta di consumare o riciclare qualche ingrediente e ci faccia fare bella figura?
Io la mano l'ho alzata, mi sento quasi una capolista. E' vero, cucinare pietanze elaborate soddisfa, tirare la sfoglia, impastare il pane, preparare succulenti ripieni è divertente, ma suvvia, ogni tanto un po' di relax ci vuole.
Però relax non significa ordinare una pizza d'asporto, che comunque va sempre bene, oppure pigrare tutta la giornata e poi mettere in tavola una cena rabberciata alla meglio.
No, almeno per me, al relax, deve seguire un piatto stuzzicante, altrimenti che relax è?
Quindi, dopo aver ascoltato musica, possibilmente classica, oppure letto un buon libro, entrambe le attività accompagnate da tè, o anche tisane, vado in cucina, metto su un cd, nel caso specifico una raccolta di brani di Philip Glass, la sua musica, così evocativa, mi concentra, e metto le mani in pasta.
In pasta si fa per dire, per la ricetta in questione ho utilizzato carciofi con le spine, e quindi la concentrazione ci vuole, eccome.

Dunque, carciofi, ma ripieni. Li ho già postati, questa volta ho aggiunto scamorza ed emmentaler, buonissimi!
I carciofi ripieni, sono un piatto tradizionale della Campania, come sempre, per le ricette regionali, ci sono infinite varianti.
Io stessa cambio il ripieno, anche basandomi su quello che ho in casa, e che voglio eventualmente consumare.
Non rinuncio, però, ad aggiungere uva passa, pinoli e aglio, il loro apporto, conferisce un gusto straordinario.
Qualche amica, trova la preparazione un po' complicata, invece, con qualche piccolo accorgimento, quale, pulire bene i carciofi dal fieno interno, tagliare il gambo in modo tale che stiano belli ritti, passarli in padella dal lato del ripieno, in un filo d'olio caldo, così si forma la classica crosticina et voilà, il gioco è fatto!
Inoltre, il ripieno ci consente di consumare il pane raffermo. E se dovesse essere troppo per i carciofi? Meglio, così otteniamo delle buonissime polpettine.

Vino, acqua, tè? Che domande, tè! Tè nero cinese,
Yunnan d'Or, mi piace moltissimo e le sue note, si abbinano benissimo ai carciofi e al ripieno.

Carciofi ripieni con emmentaler e scamorza

ingredienti per 4 carciofi

4 carciofi con le spine,
100 g. di pane raffermo senza la crosta,
2 uova,
latte,
45 g. di emmentaler,
30 g. di scamorza fresca,
parmigiano reggiano,
pecorino grattugiato,
2 cucchiai di pinoli,
uva passa,
3 agli,
olio extravergine di oliva,
sale,
pepe.

Tagliate a cubetti il pane e ponetelo in una terrina nella quale avete sgusciato, battuto le uova e aggiunto un dito di latte.
Intanto che il pane si ammorbidisce pulite i carciofi, lasciandoli interi. Apriteli con molta delicatezza e aiutandovi con uno scavino togliete la parte interna.
Tagliate il gambo, in modo che possano rimanere ritti nella pentola durante la cottura.
Lavateli e asciugateli. Pulite i gambi, lavateli e tagliateli in due parti.
Amalgamate bene il pane, unite l'uva passa ammollata in acqua e strizzata, i pinoli, un cucchiaio di parmigiano e uno di pecorino grattugiato, 20 g. di emmentaler grattugiato, il restante emmentaler tagliato a dadini, la scamorza tagliata a dadini, due agli tritati, sale e pepe.
Amalgamate bene il tutto e con questo composto farcite i carciofi, facendo attenzione a non romperli.
In una padella antiaderente riscaldate un filo d'olio extravergine, ponete i carciofi dal lato della farcitura e fatela addensare.
Quando si sarà formata una crosticina dorata, poneteli in una pentola, unite il restante aglio, 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva, i gambi, due dita d'acqua, salate, incoperchiate e portate a cottura.
Ci vorranno circa 15 minuti.

Se avanza del pane, formate delle polpettine e friggetele in olio caldo.
Serviteli caldi, accompagnati dai gambi e dal sughetto.


Carciofi ripieni con emmentaler e scamorza

Ho abbinato il tè nero cinese Yunnan d'Or

19 commenti:

  1. buoni, buonissimi....
    Io invece accendo la tv...mentre pasticcio mi fa compagnia...non la vedo ma la sento!
    Un abbraccione e buona serata

    RispondiElimina
  2. Ono il terzo ad alzare la mano, concordo su tutto...semplicità e l'unica parola giusta in cucina per ottenere piatti succulenti, come questi carciofi molto più gustosi cin l'aggiunta dei formaggi, per il tè? Prendo nota, baci.

    RispondiElimina
  3. Vorrei vorrei...vorrei venire anch'io a cena da te ^__^ Impazzisco per i carciofi in tutte le salse. Sono sempre stata abituata a farli ripieni di tonno e pangrattato (tradizione di famiglia) ma la tua variante mi stuzzica parecchio. E soprattutto non avrei pensato all'aggiunta di uvetta e pinoli...veeeeeeeery good :D! Un bacione cara, buona serata

    RispondiElimina
  4. Una fantastica cenetta, tesoro, alla quale mi piacerebbe tanto partecipare per poter gustare i tuoi invitanti carciofi ripieni accompagnati da un sublime tè!!! Complimenti tesoro, un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ottimi i carciofi ripieni, hanno un aspetto molto invitante! In casa nostra, di questi tempi i carciofi non mancano mai perchè ci piacciono in tutti i modi!
    Bacioni! Alda e Mariella

    RispondiElimina
  6. mi piacciano tanto...ottimi questi carciofi..com plimenti...
    by lia

    RispondiElimina
  7. Ecco, tutte queste varianti al carciofo mi piacciono proprio!!!

    RispondiElimina
  8. Ma che buoni i carciofi! e poi fatti così sono perfetti per una cena stuzzicante ma anche per un pranzetto veloce e gustoso! buona giornata!

    RispondiElimina
  9. Simo, grazie! Molti anni fa, avevo la tv in cucina, come te, mi faceva da sottofondo.

    Max, grazie! Credimi, l'abbinamento col tè, li rende più interessanti.

    Federica, vieni, vieni, ti aspetto...Non ho mai provato tonno e pangrattato, devono essere squisiti.

    Lady, grazie! Anche a me piacerebbe averti a cena.

    Alda e Mariella, grazie! Come vi capisco, è tutto l'inverno che mangio carciofi.

    Lia, grazie!

    Giulia, grazie!!!

    Sara, grazie! E' vero, sono ottimi anche per un pranzo leggero.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  10. ciao, grazie della visita al mio blog, ricambio con piacere :)
    che bella la finestra, sembra di affacciarsi sul serio!! mi piace molto l'effetto!! carinissimo, felice giornata!! a presto!

    RispondiElimina
  11. I carciofi ripieni sono eccellenti aggiungerei. Anche io li faccio spesso, ma di solito uso le mammarelle più comuni dalle mie parti. Ottima ricetta, un abbraccio Valerio

    RispondiElimina
  12. ci sto come idea!buona e stuzzicante

    RispondiElimina
  13. Mhh, appetitosi i carciofi in questo modo, complimenti!!!

    RispondiElimina
  14. e chi non può essere d'accordo? su questi carciofi mi ci tufferei volentieri amo tutti gli ingredienti che hai usato e adoro i carciofi, bravissima Gio'!!!!! ti abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  15. mi sa che già ti ho detto che i carciofi imbottiti mi fanno impazzire! :)
    ottima anche quella pasta e patate!
    buon we!

    RispondiElimina
  16. Ciao ciao!!Rieccomi dopo una lunga assenza, ma sono qui! Sono perfettamente d'ccordo con te, anch'io amo poter mangiare qualcosa di buono possibilmente in poco tempo. Buono in poco tempo, lo confesso, spesso cerco ricette di questo tipo....pigrona iooooo!!!;-))

    RispondiElimina
  17. Direi che è venuta una splendida cenetta, brava Giovanna!!!! Un abbraccio cara e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  18. Nanussa, benvenuta e grazie! Vorrei che fosse la finestra di casa mia...

    Valerio, grazie! Anch'io, per farli ripieni preferisco i carciofi romani, sono più grandi, si prestano meglio. Ma non li ho trovati, e come dire? ho fatto di necessità virtù...

    Carpe Diem, grazie!!!

    Nel cuore dei sapori, grazie!

    Rebecca, grazie! Tuffati pure, anche se solo virtualmente...

    Sally cara, che piacere! Grazie!

    Max, grazie!

    Speedy, grazie!!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina