mercoledì 23 marzo 2011

Bocconcini con marmellata e mandorle

Pasticciotti di pasta frolla confettura di ciliegie e granella di mandorle

Questi bocconcini li ho preparati qualche tempo fa, sognando una pasta frolla friabile che avvolgesse un ripieno dolce, morbido come la marmellata di ciliegie e croccante per la presenza della granella di mandorle.
Per rendere la pasta frolla più golosa decido di aggiungere la farina di mandorle. Avevo proprio un'idea molto chiara e precisa di quello che volevo....

Tutto sommato una ricetta semplice e neanche troppo laboriosa. Lo sapete, io appartengo alla categoria del: "tanto che ci vuole?". A questo punto potrei aggiungere una nuova categoria: "tanto che ci vuole a distrarsi????".

Chi ben comincia....Preparo gli ingredienti e mi accorgo di non avere zucchero semolato.

Possibile? Ebbene si, è possibile! Io non uso mai lo zucchero, mio marito solo quello di canna, per i lievitati utilizzo il malto. Dolci, ne preparo pochi e in quel caso lo zucchero di canna o il miele sono molto indicati.
Cosa faccio, cosa non faccio?, decido di usare lo zucchero di canna. E fin qui...

Dunque, inizio a preparare la pasta frolla, tranquilla e disinvolta. La preparo da anni, non ho mai avuto difficoltà, anzi è una preparazione che mi rilassa. Forse anche troppo! Lavoro il burro con le farine, la 00 e quella di mandorle, unisco lo zucchero, la punta di sale, amalgamo velocemente ed intanto sono distratta dalla radio. Stanno trasmettendo musica degli anni ottanta. Mi ritrovo adolescente e mi perdo nei ricordi. Fra un ricordo e l'altro aggiungo le uova. Intere. Non i tuorli. Lavoro l'impasto e lo sento morbido, consistente, ma morbido, non come è il solito impasto della frolla bello sodo.
Perplessa, lo avvolgo nella pellicola e lo metto i frigorifero, chiedendomi dove abbia sbagliato. Ho aggiunto le uova talmente automaticamente da non realizzare subito che quello era l'errore. Poi, l'illuminazione, capisco che la morbidezza è stata data dall'aver utilizzato le uova intere e non solo i tuorli.
L'illuminazione non mi rende Zen, anzi mi trasforma in una iena. Urlo un CA....VOLI, da far correre mio marito in cucina, certo che la casa stesse andando a fuoco.
Ciò nonostante persisto, non intendo buttare l'impasto.
Per un piccolo errore non è possibile sprecare farina, burro, uova. No, no per me è inconcepibile.
Mentre l'impasto è nel frigorifero, mi ricordo che La Cucina Italiana qualche anno fa aveva realizzato un articolo sulla pasta frolla, così trovo la rivista e leggo che è possibile preparare la pasta frolla anche con le uova intere. In questo caso gli albumi fanno perdere un po' di friabilità all'impasto.
Ritrovo lo spirito Zen e proseguo con la preparazione dei dolcetti.

Buonissimi e leggerissimi. La friabilità, ovviamente, non era quella solita della pasta frolla, ma i bocconcini erano veramente buoni. La marmellata di ciliegie e la granella di mandorle formavano un ottimo abbinamento.

E a proposito di abbinamenti....il tè! La scelta l'ho fatta velocemente, senza indugi. Volevo un tè nero preparato nella teiera di terracotta, il Grand Keemun, come sempre, non mi ha delusa.


Pasticciotti di pasta frolla confettura di ciliegie e granella di mandorle

Pasticciotti con confettura di ciliegie e granella di mandorle

Per l’impasto:

200 g. di farina 00 Molino Chiavazza,
120 g. di burro,
2 uova,
20 g. di farina di mandorle,
2 cucchiai di zucchero di canna,
sale,


per il ripieno:

marmellata di ciliegie Rigoni di Asiago ,
granella di mandorle,


inoltre:

zucchero al velo,
cacao amaro.

Tagliate il burro a pezzetti e lavoratelo con le due farine setacciate; unite lo zucchero e una puntina di sale e amalgamate bene. Quindi aggiungete le uova, e lavorate l’impasto, fino a quando risulterà liscio e setoso.
Avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare per circa un’ora. Suddividetelo in due parti, una leggermente più grande dell’altra.
Stendete l’impasto più grande, avendo cura di rimettere in frigo, avvolto nella pellicola, l’altra parte.
Con l’impasto ricoprite alcune formine, di diversi formati. Ricoprite il fondo di ogni formina con della granella di mandorle, aggiungete in ogni formina un cucchiaino di marmellata. Stendete l’altra parte dell’impasto, ricoprite le formine, fate dei fori con i rebbi di una forchetta; ponetee le formine in forno, preriscaldato a 200°, per circa 15 – 20 minuti, o fino a quando i bocconcini risulteranno dorati. 

Sformateli, fateli raffreddare e cospargerteli di zucchero al velo e cacao amaro.

Pasticciotti di pasta frolla confettura di ciliegie e granella di mandorle

Ho abbinato il tè nero cinese Grand Keemun

28 commenti:

  1. Tesoro mi perdoni se ti dico che il tuo iniziale sgomento mi ha fatto sorridere? Io uso quasi sempre le uova intere per la frolla, che poi la mia non è neanche una vera frolla. La prima volta che usai solo tuorli ero piena di dubbi come te per questi biscotti e ricordo che chiamai trafelata la mia mamma per paura di combinare qualche disastro. Solo più tardi ho scoperto che la frolla si può fare con le uova intere o solo tuorli, zucchero semolato o a velo a seconda dell'uso cui è destinata. Non si finsice davvero mai d'imparare.
    Comunque questi bocconcini sono semplicemente deliziosi, dalla frolla al ripieno tutto. Un bacione, buona serata

    P.S: scusa il commento chilometrico!

    RispondiElimina
  2. Guarda io non mi stupisco che si possano usare le uova intere...la scorsa settimana ho scoperto che mia mamma fa da annnnnniiiii la crema pasticcera con le uova intere e credimi non c'è nessuna differenza nel gusto....per cui sono contenta di sapere che la frolla si può fare anche con le uova intere...così la prox volta provo....

    RispondiElimina
  3. Ciao! Che meraviglia questi dolcetti, complimenti e a presto!

    RispondiElimina
  4. molto ghiotti questi dolcini, complimenti!

    RispondiElimina
  5. Ciao, questi dolcini sono ottimi non solo all'ora del te, ma per condedersi una pausa di tutto gusto in qualsiasi momento.
    Una frolla morbida e leggermente friabile, per un ripieno marmellatoso e croccantino.
    Eh si, fanno proprio al caso nostro.
    baci baci

    RispondiElimina
  6. Anch'io uso le uova intere nella frolla, è quella che preferisco tra l'altro. Quando sono sovrappensiero come te mi capita di sbagliare. E la cosa che dimentico di solito è di aggiungere lo zucchero...
    E purtroppo non è mica capitato una volta sola eh!
    Vabbè, non pensiamoci e gustiamoci questi pasticciotti che da una svista sono venuti buonissimi ;)
    Un bacione
    PS: dolce fatto!
    Smack

    RispondiElimina
  7. Fantastici e golosi i tuoi dolcetti, ben accompagnati da un fumante e pregiato tè preparato in una bellissima teiera di terracotta!!!! Un momento davvero sublime! complimenti cara, un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Deliziosi...il saporino delle mandorle unito a quello della marmellata secondo me ci stanno d'incanto..
    Mi piace tutto, sai?!
    Un abbraccio
    P.s: arrivoooo...posso?

    RispondiElimina
  9. Carissima, questi bocconcini con marmellata e mandorle sono l'ideale di una sana e nutriente colazione.......a saperlo stamattina saremmo venute da te a colazione:-).......scherzi a parte....sei bravissima!
    Buona giornata! Alda e Mariella

    RispondiElimina
  10. Davvero deliziosi questi bocconcini, con un ripieno che mi piace molto!!!Bravissima un bacione!!!

    RispondiElimina
  11. La mia distrazione è proverbiale, ti dico solo che una volta erro talmente distratto che dimenticai di mettere la farina nella crema pasticcera ottenendo come risultato un bell'uovo a stracciatella. Un vero orrore!!! I tuoi bocconcini sono invece sensazionali. Un saluto cara

    RispondiElimina
  12. Hanno un aspetto squisitoooooooooooo

    RispondiElimina
  13. Ahahaahahahaahmi hai fatto ridere però!!!! ma ci credi che io non me lo sarei fatto il problema? tuorli.. uova intere.. tutto è per sperimentare anche!! e son sicura che quei dolcetti son super!!!! smackkk :-)

    RispondiElimina
  14. Federica, grazie! Hai ragione c'è sempre da imparare. I commenti chilometrici mi piacciono tantissimo!!!

    Mil, benvenuta e grazie! La prossima volta farò anche la crema con le uova intere.

    Innamorati in cucina, benvenuti e grazie!

    Maria Luisa, benvenuta e grazie!

    Manuela e Silvia, grazie!!

    Viola, grazie! L'hai fatta? Sono emozionata!!!!

    Lady, grazie! La teiera di terracotta è una supercoccola!

    Simo,grazie! Certo che puoi, ho già preparato tutto!!!

    Alda e Mariella, grazie! Sarebbe stato un piacere fare colazione insieme!

    Rossella, grazie!

    Valerio, grazie! Allora non sono l'unica distratta...

    Carpe Diem, grazie!

    Fiorellina, grazie!!

    Claudia, grazie!!! La voglia di sperimentare c'è sempre!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  15. io pure di fronte a un errore tiro fuori la tenacia e un pizzico di intraprendenza, perciò avrei fatto lo stesso. E per fortuna il risultato ha ripagato ampiamente gli sforzi.

    RispondiElimina
  16. Il ripieno è davvero molto goloso, per l'errore sono convinta che la tenacia sia la miglior soluzione ;)

    RispondiElimina
  17. Quanto sono deliziosi questi bocconcini, grazie Giovanna, ottima ricetta!

    RispondiElimina
  18. wow questi dolcetti sanno veramente di buone....e se li penso insieme ad una bella tazza di thè ancora meglio.....baci

    RispondiElimina
  19. ma che bontà!!=) complimentiiii!!
    quanto ne vorrei uno ora...!=)

    RispondiElimina
  20. Alessia, grazie! Sbagliare dispiace, ma poi, con un po' di buona volontà, si trova una soluzione.

    Elel, grazie!!!

    Speedy, grazie!!

    Stefy, grazie! Col tè sono fantastici!

    Vale, grazie!!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  21. Questi sì che sono bocconcini prelibati!Ottima la frolla e delizioso il ripieno,bravissima!una felice serata e un abbraccio

    RispondiElimina
  22. la frolla con le uova intere... non l'ho mai fatto ma so che c'è chi lo fa. c'è da fidarsi allora... i dolcetti sembrano buonissimi. E, come sempre, leggerli a quest'ora non mi fa bene: mi fa venire una fame!

    RispondiElimina
  23. buonissimi, te ne rubo qualcuno per la colazione...brava la frolla è fantastica e si vede, ciao e buon we.

    RispondiElimina
  24. belli golosi questi bocconcini! :)
    sarebbero perfetti per la cena di questa sera, me ne mandi un po'?
    ma sai che anch'io quando vengo preso dal 'fuoco sacro' mi butto a fare qualcosa anche senza controllare di avere tutto in casa :) e l'ultima volta poi ho dimenticato il sale nell'impasto della brisé, ma era buona lo stesso come sono sicuro anche la tua pasta con le uova intere
    buon we! un abbraccio Gio

    RispondiElimina
  25. qui si ingrassa...solo a guardare!!
    buona giornata tiziana

    RispondiElimina
  26. Antonella, grazie!!!

    Giovanna, grazie! Anch'io la frolla la faccio solo con i tuorli, ma è venuta buona lo stesso.

    Max, grazie, prendi pure!!!

    Gio, grazie! Però, la brisèe senza sale non è una cosa gravissima.

    Tiziana, grazie!

    Baci e buon fine settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  27. le uova spesso le metto intere , per pigrizia, ho visto che poi viene ugualmente bene, ora l'hai sperimentato anche tu; comumque mi hai fatto sorridere , troppo forte! i dolcetti sono bellissimi e golosi , sempre brava Gio', ti abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina