venerdì 8 aprile 2011

Treccia pasquale....con sorpresa!

Treccia di pane farcita con pecorino, provolone e pancetta

Qualche giorno fa mi sono alzata di buon'ora.  
Dopo essermi dedicata alla sistemazione delle piante sul balcone, ho preparato il primo tè della giornata un profumato Earl Gray da assaporare sorso dopo sorso.
L'aria frizzantina e la natura nel suo pieno splendore mi hanno evocato un sabato di primavera di molti anni fa, trascorso con alcuni amici a Sorrento.
Era la giornata del sabato santo e la città, inondata dal sole, era completamente assorbita dalle festività pasquali.

Le strade della cittadina erano affollate di turisti e abitanti della cittadina, riconoscibili dalle sporte piene di cibo e del più classico simbolo pasquale, le uova di cioccolato.
Quando ancora abitavo a Napoli, a Sorrento ci andavo frequentemente, in qualunque stagione, ricavandone sempre un grande piacere.
Ma quella giornata, fin da subito, ha assunto un significato particolare e negli anni il ricordo suscita sempre una grande gioia.
L'aria di festa, lo splendore della giornata, il tepore, la bellezza dei luoghi, il mare azzurrissimo, la compagnia piacevole sicuramente hanno contribuito.
Però, quello che ha reso indelebile il ricordo è stato il profumo delle pastiere e dei casatielli che si sprigionava dalle cucine e regalava una nota di festa e di allegria.
Ancora oggi, ogni volta che sforno la pastiera o il casatiello il ricordo di quel giorno affiora.
Per questo motivo, quando qualche giorno fa, è riaffiorato il ricordo e i profumi di quella giornata, mi è venuta voglia di "mettere le mani in pasta" e ho preparato la treccia della ricetta di oggi,  farcita con formaggi e pancetta.
Con lo stesso impasto e ingredienti avrei potuto preparare anche un ciambellone, ma la treccia, per me rendeva meglio l'idea della Pasqua. 
Già qualche anno fa avevo preparato una treccia, farcendola con ingredienti salati.
Questa volta ho variato i salumi e i formaggi.

In questo caso ho pensato alla pancetta e al pecorino romano, due ingredienti che uniti alle fave, sono tipici della primavera e di molte ricette, soprattutto laziali.
Le face non le avevo, ma la treccia è riuscita comunque, molto saporita e gustosa.
Il giorno dopo era ancora più buona.
L'impasto l'ho preparato usando solo farina Manitoba e aggiungendo agli ingredienti l'olio extravergine di oliva.
L'impasto è risultato molto morbido e anche più leggero rispetto alla lavorazione con lo strutto.

In questo caso l'ho abbinata ad un vino rosso umbro, un Merlot del Trasimeno.

Con questa treccia partecipo al Contest del Molino Chiavazza.



Treccia di pane farcita con pecorino, provolone e pancetta



Treccia di pane farcita con pecorino, provolone e pancetta




Treccia di pane farcita con pecorino, provolone e pancetta

Treccia salata con sorpresa

per l'impasto:

500 g. di farina Manitoba Molino Chiavazza,
25 g. di lievito di birra,
2 cucchiai di malto,
olio extravergine di oliva,
10 g. di sale,

per la farcitura:

120 g. di pecorino romano,
100 g. di provolone,
100 g. di pancetta affumicata,
pepe.

In una ciotolina unite il lievito sbriciolato, il malto e amalgamate il tutto con un po' di acqua a temperatura ambiente, coprite con un piattino, dopo una ventina di minuti il lievito si è attivato formando delle bolle sulla superficie.
Ponete sulla spianatoia la farina Manitoba a fontana, unite 6 cucchiai di olio extravergine, il sale e il composto di lievito, lavorate il tutto, aggiungendo acqua a temperatura ambiente.
L'impasto sarà pronto, quando risulterà liscio e setoso. Formate un panetto, ponetelo in un contenitore capiente, coprite con un canovaccio umido. Ponetelo in un luogo tiepido e privo di correnti d'aria a  lievitare.
Quando l'impasto sarà raddoppiato è pronto per essere farcito. Lavoratelo brevemente per sgonfiarlo, pesatelo e suddivitelo in tre parti uguali.
Stendete ognuna aromatizzate con pepe macinato al momento e farcitela con i formaggi e la pancetta precedentemente tagliati a dadini.
Arrotolate le tre porzioni farcite e intrecciatele. Fatele lievitare per un'altra decina di minuti e cuocete in forno preriscaldato a 200° per circa 35 minuti.
Sfornatela, ponetela a raffreddare su una gratella da pasticciere e consumatela una volta raffreddata.

Treccia di pane farcita con pecorino, provolone e pancetta

















Ho abbinato un Merlot del Trasimeno

31 commenti:

  1. che bella idea!!! una treccia...pasqualina, golosissima e bellissima, brava Gio'! i profumi evocano sempre ricordi , capita anche a me molto spesso.
    mi ero persa la tua colazione qui sotto , mannaggia ..non c'è mai tempo per tutto quello che si vorrebbe! buona buona anche lei, ti abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  2. questa ricetta a quest'ora aaaaaaaaa che fame! deve essere buonissima!
    buona giornata Chiara

    RispondiElimina
  3. Ti dico solo che è meraviglisoa.. meravigliosa!!!! mi piacciono troppo farciti con formaggio e salumi... smackkkk buon w.e.
    ps: Sorrento... bellissima!!!! ci son stata 2 volte in vita mia... ricordo di una stradina piena di negozietti.. e di una gelateria che aveva l'entrata da una parte e l'uscita dall'altra e che faceva un gelato superstrepitoso.. e c'erano tutte foto di vip al suo interno.. e ricordo di un negozio/laboratorio di limoncello.. crema di limocnello.. che non solo vendeva... ma faceva assaggiare prima... Ehhhh che meraviglia.. che ricordi!!!! e anche un ristorantino credo al 1° piano.. sembrava un giardino.. si cenava sotto alberi di mandarino.. limoni.. che spettacolo!!!! scusa.. mi son dilungata troppo... smackkkk

    RispondiElimina
  4. Eh, ma questa treccia è fenomenale...ripiena di ricordi e di cose buone...
    Stavolta arrivo io, con una bella birretta, che ne dici?
    Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. Un vero intreccio di sapori..da perdersi nella bontà!
    Grazie! Buon fine settimana,Monica

    RispondiElimina
  6. Cara Giovanna una treccia davvero squisita, mi fa davvero gola. Ti auguro una splendida giornata ed un felice we

    RispondiElimina
  7. Ottima per il cestino di Pasquetta e non solo!

    RispondiElimina
  8. veramente una bella sorpresa dento a questa trecciona!

    RispondiElimina
  9. Non sono mai stata a Sorrento ma degli strepitosi limoni della costiera amalfitana e del casatiello portato anni fa da un'amica napoletana ho ancora un golosissimo ricordo. Questa treccia tesoro è strepitosa anche senza fave. Prepariamo un bel cestino e facciamo un pic nic nel week end? Le fave lo porto io ;) Complimenti, un bacione

    RispondiElimina
  10. molto pasquale e molto saporita ottima anche per il pic nic ...copio copio...
    by lia

    RispondiElimina
  11. Una golosità abbinata a un ottimo vino... A Sorrento ci sono stato e ho dei bellissimi ricordi di quel meraviglioso luogo... Buon we, ciao.

    RispondiElimina
  12. Bellissima treccia !
    bravissima

    buon fine settimana Anna

    RispondiElimina
  13. ma che buonnaaaaa..non vedo l'ora...mia madre prepara il casatiello il giovedi' santo e poi siamo costrette ad annusarlo fino al sabato quando possiamo finalmnete assagiarlo....mi viene l'acquolina in bocca....grazie per questo assaggio anticipato...;D

    RispondiElimina
  14. una ricetta davvero sfiziosa. Grazie e in bocca al lupo.

    RispondiElimina
  15. Ciao!!!Ho visto che anche tu ami i gatti!!!Bellissimo il tuo Fonci!!!
    Complimenti per questa treccia....veramente ottima!!!
    Buon week end!!!

    RispondiElimina
  16. Che bella, che buona.. e che meravigliosa sorpresa!
    buon we bacioni!

    RispondiElimina
  17. Tesoro, complimenti per questa irresistibile treccia, ricca di gusto e originalissima!!! Sei veramente brava!!! un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  18. Ciao Giovannina ;) Come stai?
    questa treccia è una favola . Anche a me la Pasqua fa venire voglia di preparare dei bei pani...vedremo che mi verrrà in mente. La tua treccia è veramente sfiziosissima. Basterebbe questa per il pranzo ;
    PS:Grazie per i titoli....Ti rispondo prestissimo....
    Baci baci e passa un buon w.e
    Smack

    RispondiElimina
  19. Proprio bella questa treccia e non osiamo immaginare quanto sia buona, perchè sa di Pasqua e sa di ricordi.......Complimenti Giovanna, sei sempre bravissima!
    Buon fine settimana da Alda e Mariella

    RispondiElimina
  20. Wow Giovanna, che ghiottissima sorpresa, complimenti cara e buon fine settimana!!!!

    RispondiElimina
  21. una meraviglia ripiena!
    queste sono le ricette cha amo di più per la Pasqua!
    poi col sapore del pecorino :P

    RispondiElimina
  22. queste son le cose che mi fanno impazzire:trovo la tua treccia davvero irresistibile!!!
    Complimenti e in bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  23. Carissimo/a
    Sto per aggiornare l’elenco dei food blog italiani
    Mi piacerebbe sapere:
    In che anno hai aperto il blog
    Possibilmente la tua città e provincia.

    Grazie
    Puoi comunicarmelo al seguente link (se vuoi)

    http://griglia-e-pestello.blogspot.com/p/food-blog-italiani.html


    sergio.

    RispondiElimina
  24. ciao cara Giovanna, come stai?
    che bella questa trecciona e come è invitanteeee....
    un abbraccio e buon lunedì.

    RispondiElimina
  25. Rebecca, Chiara, Tata, Claudia, Francesca, Simo, Monica, Federica, Valerio, Francesca, Carpe Diem, Federica, Lia, Max, Anna, Rosaria, Marsettina, Fr@, Laura, Patrizia, Lady, Viola, Alda e Mariella, Speedy, Gio, Marjlou, Sergio, Betty, grazie!!!!!

    Baci e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  26. treccia pasquale... me l'ero persa! mi fa impazzire!

    RispondiElimina