venerdì 19 ottobre 2012

Cake con scamorza e prosciutto crudo

Cake con scamorza e prosciutto crudo

Ci sono mille motivi per preparare una ricetta, realizzare un piatto, sfornare una torta.
In teoria, ma molto in teoria, almeno per me, la molla che fa scattare la voglia di realizzare un piatto dovrebbe essere il desiderio di assaggiarlo, mangiarlo, gustarlo. Per me, invece, non funziona sempre così. Certo, anch'io preparo una pizza perché ho voglia di mangiare proprio quel piatto, o la preparazione di una minestra, di un branzino è guidata dal desiderio di quel determinato cibo.
Ma spesso cucino proprio per il piacere di cucinare. Perché ho voglia di mettere le mani in pasta ed impastare. Perché mi piace l'idea di trascorrere qualche ora tritando, affettando, lessando, amalgamando qualcosa.


Oppure cucino perché ho voglia di sentire un determinato profumo che mi ricorda un preciso momento o un particolare periodo.
Talvolta la cucina assume un ruolo consolatorio. Cucino e mi rilasso. Cucino e scarico il nervosismo o sbollisco la rabbia, eh si, anch'io mi arrabbio.
Spesso cucino sull'onda dei ricordi e della nostalgia. Molti dei piatti preparati l'estate scorsa avevano proprio questo ruolo simbolico, di ricongiungimento col passato.
La cucina si inondava di profumi e la mia mente di ricordi.
La cipolla soffritta, lo so può sembrare sciocco, ricordandomi un preciso momento di una giornata particolare, mi ha provocato ricordi struggenti. Spesso cucino per riciclare, non mi piace lo spreco. Sprecare il cibo lo trovo un gesto immorale, irrispettoso.
Sprecare mi sembra di saccheggiare la terra, le sue risorse, non certo infinite.
Mi sembra irriguardoso nei riguardi di chi ha lavorato per produrre quell'ingrediente e molto, molto poco etico verso chi davvero non ha cibo.

Ho la sensazione di aver fatto una lista troppo lunga e vi parlo del cake di oggi, nato da una serie dei motivi elencati.
L'ho preparato domenica e avevo voglia di una cenetta sprintosa. Inoltre, sentivo l'esigenza di muovermi, essere attiva, fare qualcosa.
Il cake era ideale. Tra il tritare, tagliare, impastare, mescolare non si sta certo fermi.
Inoltre, volevo utilizzare una scamorza fresca, comprata un paio di giorni prima che in frigorifero stava perdendo freschezza, nonché gli albumi avanzati dalla preparazione della pasta frolla, per la crostata con la marmellata di pesche e lavanda home made.

Cake con scamorza e prosciutto crudo

Dunque cake. Un cake buonissimo. La scamorza fresca si abbinava molto bene alla sapidità del prosciutto crudo.
Non ho resistito e ho aggiunto qualche foglia di timo, sapete quanto ami il suo profumo.
Ed ho fatto bene. Ha regalato al cake una nota aromatica davvero gradevole ed interessante.
Inoltre, mi incuriosiva il profumo che il miele del bosco avrebbe conferito al cake.
La mia curiosità è stata felicemente appagata, considerato la morbidezza del cake. Come sempre niente burro, ma olio extravergine.
E come sempre tè. Anche stavolta un nero, ultimamente ne sto bevendo litri, il cinese Grand Keemun, perfetto col cake.

Vi ricordo il pranzo di beneficenza che si terrà domenica 21 ottobre presso l'Opera San Francesco, in collaborazione con Identità Golose.

Cake con scamorza e prosciutto crudo

250 g. di farina 00,
100 g. di latte,
160 g. di scamorza fresca,
75 g. di prosciutto crudo stagionato,
2 uova,
2 albumi,
2 cucchiaini di miele del bosco Rigoni di Asiago,
4 cucchiai di olio extravergine,
una bustina di lievito per dolci,
qualche rametto di timo,
un pizzico di sale.

Ho setacciato la farina col lievito e il sale, ho aggiunto il miele, l'olio extravergine, gli albumi e le uova, il latte, e ho mescolato bene. Quindi, ho unito il prosciutto tritato a coltello, la scamorza tagliata a dadini e le foglioline di timo. Ho mescolato bene per amalgamarli all'impasto. Ho versato l'impasto in uno stampo da cake, foderato di carta forno e spennellato di olio extravergine. Quindi ho posto lo stampo in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti, gli ultimi 10 ho coperto con carta argentata per non scurire la superficie. Una volta sfornato, l'ho sformato e posto su una gratella a raffreddare.
Cake con scamorza e prosciutto crudo

Ho abbinato il tè nero cinese Grand Keemun

Alla prossima!

Buon fine settimana! :-)

Giovanna

19 commenti:

  1. Credo anch'io che una delle funzioni della cucina sia quella di essere consolatoria.
    Come te non amo gettare il cibo, lo ritengo un "peccato", per questo mi piacciono molto le ricette di recupero.
    Questo cake deve essere molto gustoso la nota del miele de bosco mi incuriosisce molto.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  2. Che buoni i cake salati, sono così stuzzicosi!!! Questo sembra ottimo!

    RispondiElimina
  3. guarda, proprio oggi anche io ho scritto un post su come sia bello cucinare in relax per far felici i nostri commensali...
    Che meraviglia il tuo cake, fa una gola...
    bacioni amica mia!

    RispondiElimina
  4. i cake salati sono un invenzione straordinaria perchè con essi si possono recuperare diverse ricette..
    ..
    complimenti e buon fine settimana anche a te
    lia

    RispondiElimina
  5. Mi è piaciuta molto la tua introduzione alla ricetta perchè la penso anche io così. Mi piace cucinare per assaggiare quello che ho preparato però la parte più bella, divertente e rilassante è la preparazione che c'è dietro alla riuscita del piatto. E anche se mi è capitato di sbagliare o fare pasticci (una volta ho zuccherato il sugo anzichè salarlo :D) adesso ricordo con piacere quell'episodio e ci rido su...è anche questa una cosa positiva, ricordarsi quel periodo o quel momento. Insomma, la cucina se viene apprezzata come si deve sa regalare della bellissime emozioni.
    Complimenti per il tuo cake, mi segno la ricetta perchè voglio assaggiarlo. A presto! Zu

    RispondiElimina
  6. Ti sono vicina con la mente e con il cuore, ti capisco perfettamente...
    Questo cake poi.. Che golosità! Come resistere??

    Kiss

    RispondiElimina
  7. Il cake salato mi piace più di quello dolce, il tuo mi fa venire un certo languorino, data l'ora!
    Complimenti e bacioni!

    RispondiElimina
  8. E' vero Giovanna! Sono tante le componenti che entrano in gioco quando ci mettiamo a preparare qualcosa di buono!
    A volte ad esempio io mi rilasso sul divano ed è piacevole sapere che in cucina c'è qualcosa che sta lievitando, pensa un po'! :)
    Un abbraccio cara, trascorri un bel fine settimana!

    RispondiElimina
  9. Non ho mai fatto un cake salato, prendo nota della tua ricetta perche' voglio proprio farlo, dalla foto e' davvero molto invitante!!!Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  10. Sono molto in sintonia con le tue motivazioni tesoro. Io difficilmente cucino per il desiderio di mangiare un determinato cibo. Lo faccio soprattutto per scaricare stress e nervoso, per il piacere di mettere le mani in pasta e dare libero sfogo alla fantasia o anche per dimostrare il mio affetto e dire alle persone che amo: ti voglio bene. Non ho mai fatto ancota un cake salato. Il tuo mi sta facendo tornare fame, ha un aspetto magnifico e così morbido da sciogliersi quasi in bocca. Con l'aggiunta del miele deve avere un aroma favoloso. Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  11. Condivido Giovanna!!!!!!!!!!!!!
    spesso si cucina per molte ...diverse ragioni....
    rilassarsi...risentire un profumo ...far ritornare dei ricordi...Ora se questo cake nasce da un nervoso da sbollire bè ragazza hai fatto bene!!!!
    è davvero bello e immagino cosa debba essere essere assaggiarlo..Un morso e il mondo torna a sorridere!!!!!!!!!!
    Buon fine settimana
    Un bacio

    RispondiElimina
  12. Condivido Giovanna!!!!!!!!!!!!!
    spesso si cucina per molte ...diverse ragioni....
    rilassarsi...risentire un profumo ...far ritornare dei ricordi...Ora se questo cake nasce da un nervoso da sbollire bè ragazza hai fatto bene!!!!
    è davvero bello e immagino cosa debba essere essere assaggiarlo..Un morso e il mondo torna a sorridere!!!!!!!!!!
    Buon fine settimana
    Un bacio

    RispondiElimina
  13. Questa cake fatto con i quello che non si butta anche se in frigo da alcuni giorni mi piace proprio. Un idea fantastica per il pranzo di mio figlio (io preparo il suo 'lunchbox' per scuola ogni giorno). Quando io cucino mi vengono in mente ricordi belli ma anche brutti legati agli odori che si sprigionano nella stanza...rita AKA ritacooksitalian

    RispondiElimina
  14. Molto volte anche io mi infilo in cucina con lo scopo di rilassarmi, poi fortunatamente ho in giro delle buone bocche che si fanno fuori tutti gli esperimenti :D
    Questo cake deve essere delizioso, saporito e leggero.

    RispondiElimina
  15. trovo che questa cake sia davvero fantastica,anche a me cucinare rilassa molto!!!CIAO E BUONA SERATA!

    RispondiElimina
  16. bellissimo questo cake, mi piace molto l'abbinamento dei sapori e condivido appieno il tuo pensiero sul ruolo della cucina nelle nostre vite!

    RispondiElimina
  17. Condivido quasi del tutto i motivi che ti spingono a cucinare... Se sono di cattivo umore, triste o nervosa infatti è difficile che mi venga voglia di cimentarmi in qualche preparazione, specialmente quando è la tristezza a prevalere! Il cake è delizioso, utilissimo per utilizzare un sacco di ingredienti che non si vogliono sprecare.
    Baci
    Valeria

    RispondiElimina
  18. Vi ringrazio tutte!
    Un bacio, buona domenica

    RispondiElimina
  19. Condivido in pieno il cucinare per non sprecare. A me è proprio una cosa che non va giù. Questo cake è una vera delizia e l'aspetto è proprio invitante. Bravissima cara, un bacione

    RispondiElimina