mercoledì 17 ottobre 2012

Conchiglioni ripieni con provola e ricotta di pecora

Viva viva il minimal....

Conchiglioni ripieni con provola e ricotta di pecora


Stamattina riflettevo che in generale, ognuno di noi, tende a mantenere le sue peculiarità in ogni ambito. Mi spiego meglio, parlando di me.
In molte situazioni amo il minimalismo. Non mi vestirei mai con balze, trine e falpalà. Il mio abbigliamento standard, a parte i tailleur amatissimi quando ero più giovane, molto meno adesso, è pantalone o gonna (dalle linee semplici) e pullover di cachemire in inverno, o camicia in estate. Ballerine o stivali le mie calzature preferite.
Così per l'arredamento, sebbene mi piacciano mobili e oggetti antichi, anche in questo caso tendo a linee pulite, semplici.
I criteri di semplicità li mantengo anche in cucina. Mi piacciono piatti senza troppi fronzoli, tesi ad esaltare la bontà dei vari ingredienti.
E' ovvio, una zuppa dev'essere bella ricca, il sartù di riso preparato semplice semplice, perde la sua connotazione diventando riso al forno con sugo, mozzarella e qualche cosa.
Quindi si alla semplicità, ma accompagnata da un minimo di criterio. 

Conchiglioni ripieni con provola e ricotta di pecora

Con le dovute eccezioni, è ovvio. Nella nostra tradizione gastronomica ci sono alcuni piatti ricchissimi, come il citato sartù di riso, che devono essere preparati secondo la ricetta canonica, altrimenti perderebbero il loro fascino intramontabile. Penso alla cassata siciliana, un dolce meraviglioso, opulento e splendido da vedere.
In architettura il barocco lo amo moltissimo e posso contemplare per ore una chiesa di campagna, provando lo stesso piacere della vista di una cattedrale sontuosa.
Eccezioni a parte, però, tendo al minimal, molto minimal.

Anche i conchiglioni di oggi, seguono criteri mimimalistici. Un sugo semplicissimo, preparato con concentrato e passata di pomodoro, provola freschissima e ricotta di pecora.
Pochi ingredienti, ma tanto gusto.
La provola è un latticino tipico campano. E' preparato con il latte di bufala e affumicata. Buonissima. Il sapore è molto deciso, ma gustosissimo.
Purtroppo a Milano e dintorni non i trova facilmente, ma di tanto in tanto, la trovo e in questi casi la compro sempre.
La farcitura, dunque, era semplicissima, ma costituita da due ingredienti gustosissimi. Il sugo era preparato senza carne. In questo caso mi serviva un sugo semplice, teso ad esaltare il gusto della provola e della ricotta.
Non essendo più in stagione, invece dei pomodori freschi, lo so, sono ancora in vendita, ho optato per concentrata e passata.
Ho fatto appassire gli scalogni in poca acqua e olio extravergine, in questo modo gli scalogni rilasciano il loro sapore rendendo più leggero il sugo, quindi ho aggiunto il pomodoro, sale e qualche foglia di basilico. Lo so, non è più stagione, ma le piante sul balcone sono belle floride e sprecarlo mi sembrerebbe un delitto, beh, forse è un po' eagerato....
I conchiglioni, minimalismo a parte, erano davvero buoni.
Ho abbinato il tè nero English Breakfast, con i piatti salati mi piace tantissimo.

Conchiglioni ripieni con provola e ricotta di pecora

ingredienti per 4 persone:

320 g. di conchiglioni,
250 g. di provola,
250 g. di ricotta di pecora,
140 g. di concentrato, 
700 g. di passata di pomodoro,
parmigiano reggiano,
pecorino romano,
2 scalogni,
olio extravergine di oliva,
basilico,
sale.

Ho tritato a coltello gli scalogni, posti in una casseruola con due cucchiai di olio extravergine, unito due dita di acqua e cotto fino a quando l'acqua si è consumata e gli scalogni appassiti.
Ho aggiunto la passata e il concentrato di pomodoro, salato, unito qualche foglia di basilico, coperto e cotto per circa due ore a fiamma bassa.
Dopo aver sgocciolato bene la provola, l'ho tagliata a dadini e posta in una terrina. Ho aggiunto la ricotta, 2 cucchiai di parmigiano reggiano e pecorino romano grattugiati, un paio di mestoli di sugo e lavorato con una piccola frusta, fino ad ottenere un composto omogeneo.
Ho lessato i conchiglioni molto al dente. Ho posto un po' di sugo sul fondo di pirofile monoporzioni, quindi ho farcito i conchiglioni col composto di ricotta e provola.
Li ho posti nelle pirofili, cosparso di sugo e un paio di cucchiai di parmigiano e pecorino e cotti in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.

Conchiglioni ripieni con provola e ricotta di pecora

Ho abbinato il tè nero English Breakfast

Alla prossima!

Giovanna

27 commenti:

  1. le pietanze semplice senza tanti intingoli o elaborazioni sono i migliori...come questi conchiglioni...

    RispondiElimina
  2. Semplice,ma mai banale,questo è il motto del buongusto!E tu ne hai tanto cara Giovanna,si percepisce in ogni tua parola!Sono quelle contraddizioni,che ti fanno amare anche le cose un pò eccessive,per poi comprare quelle più semplici e meno appariscenti!E forse è questo che ci fa apprezzare tutto ciò che ci circonda!Fantastici questi conchiglioni,un pò barocchi all'apparenza,ma semplici all'interno!Un bacione tesoro...uno di questi giorni,sforno un sartù"barocchissimo"!

    RispondiElimina
  3. La semplicità è tutto, oramai la semlicità è l'eccezione, la stravaganza la normalità. Amo anch'io vestirmi come dici tu ma ogni tanto qualche tacco 12 e vestitini mi piace.... Beh conchiglioni semplici ma da mangiarseli tutti d'un fiato, fare la scarpetta e anche il bis..bellissimi!gnammy! buona giornata carissima!

    RispondiElimina
  4. Sai Gio', tendenzialmente anche io tenderei alla semplicità. Nell'abbigliamento, ma soprattutto negli arredi, le linee pulite sono le mie preferite. E anche nei piatti.
    Soprattutto perchè semplice è un aggettivo molto positivo secondo me, spesso lo si confonde con banale ma è tutt'altro. Poi i piatti semplici presuppongo ingredienti di qualità proprio perchè si sentono tutti. E le tue conchiglione sono così, qualche sapore diverso che si armonizza benissimo con i vicini:)
    A presto:**

    RispondiElimina
  5. Vi ringrazio tutte!

    Damiana, appena fai il "barocchissimo" sartù avvisami che corro a mangiarlo.

    Kappa, il tacco 12 non mi dispiace, diciamo che la schiena protesta. I vestitini piacciono tanto anche a me.

    Claudia, brava, concordo. La semplicità è un punto di arrivo, non è banalità.

    Un bacio

    RispondiElimina
  6. Saranno anche semplici... ma hanno pochi ingredienti.. di una certa qualità che rendono il piatto molto gustoso! baci baci

    RispondiElimina
  7. Mi rispecchio perfettamente nella tua descrizione su tutta la linea, dall'abbigliamento, all'arredo alla cucina. Che poi semplicità non significa sinonimo di banalità. I piatti definiti "semplici" spesso sono i più insidiosi, vuoi per la tecnica di preparazione (basta guardare le meringhe, albume e zucchero, e a quanto ci vuole per ottenerle perfette!) vuoi perchè è proprio lì che si vede la qualità degli ingredienti. Le tue conchiglie saranno semplici come dici ma sicuramente ricchissimi di gusto. E con tutto quel bel sughetto...porto il pane per la scarpetta? Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  8. Belli questi conchiglioni presentati in monoporzioni....semplici ma d'effetto.
    Ciao da claudette

    RispondiElimina
  9. Anche io carissima la penso come te, le cose semplici anche di classe sono le migliori!!
    Stupendi e appetitosi conchiglioni!!
    buon pomeriggio Anna

    RispondiElimina
  10. Anche io passo con disinvoltura da uno "stile" ad un altro!
    Del resto qualche piccola contraddizione è anche divertente!
    In linea di massima però non amo i piatti con troppi ingredienti, si rischierebbe di comprommetterne l'equilibrio. E questa cocottina mi sembra davvero gustosa ed equilibrata!
    Ti abbraccio e ti faccio i miei complimenti per la piacevolezza dei tuoi post! :)
    ciao

    RispondiElimina
  11. ma ke cosa vedono i miei occhi????una vera delizia...mmmmmmmmm ke meraviglia questi conchiglioni...complimenti cara

    RispondiElimina
  12. sulla semplicità sai che mi trovi d'accordo al mille per mille tesoro.
    E su questi conchiglioni, squisiti...mi trovi d'accordissimo!!!!!!!!!!!!!
    bacione

    RispondiElimina
  13. Tendenzialmente sono anch'io per le linee minimali. Ma vengo affascinata anche dalle "linee" ricche. Il bello c'è in tutte e due.
    Questa pasta è l'esempio che basta avere gli ingredienti giusti, per avere un piatto ricco di sapore.

    RispondiElimina
  14. Hai fatto le scelte giuste... Un sugo di carne o ricco avrebbe oscurato lo splendido gusto della provola e della ricotta. Il basilico è perfetto con questi ingredienti. Non si spreca niente.... Io ne ho ancora dei "cespugli" in giardino. Dove posso metterlo, ne approfitto ... visto che lo adoro!!

    RispondiElimina
  15. Concordo con te che le cose piu' semplici sono le migliori!!!Questi conchiglioni hanno un aspetto troppo invitante sara' perche' e' quasi ora di cena ma mi hai messo un appetito!!!Bravissima un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  16. Sono anch'io per la semplicità, soprattutto in cucina. E come potrei, altrimenti, apprezzare l'Artusi?
    Ma con te la semplicità è sempre accompagnata dal gusto e dallo stile. E dal tuo tocco oramai inconfondibile! Un abbraccio Giovanna! Vale*

    RispondiElimina
  17. Sei sempre fantastica, fai venire fame anche a chi ha già mangiato!
    Bacio Tiziana :-)

    RispondiElimina
  18. anche io sono molto minimal, il troppo mi crea confusione, sono minimal nel vestire, in cucina, nell'arredamente e nella vita in generale.
    Anche se ho già mangiato magerei molto volentieri il tuo piatto di conchiglioni.
    un bacione

    RispondiElimina
  19. Si Giovanna viva la semplicità ma seguendo un giusto criterio e un giusto equilibrio di sapori ....come in questo meraviglioso piatto..immagino il sapore della provola ...il profumo del basilico mmmmmmmm...Immagino immagino e intanto...mi sa che lo cucino e realizzo il sogno....
    ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  20. ottimo il tuo minimal :)
    anche io ho da poco fatto conchiglioni, li adoro come pasta :P

    RispondiElimina
  21. ma che buono questo piatto. Semplice e gustoso. Mi piace anche come fai le foto. Sanno di rustico e naturale.

    RispondiElimina
  22. Cara giovanna che coincidenza ieri ho proprio cucinato dei conchiglioni ripieni (zucca e ricotta) con un sugo pomodoro e cipolla poi pero' ho fatto un grosso sbaglio: ho aggiunto la ricotta al sugo perche' mi sembrava troppo 'semplice' ed il piatto e' improvisamente diventato volgare. Come dice tu a volte bisogna seguire la linea minimalistica. ritacooksitalian

    RispondiElimina
  23. A chi lo dici! Pure io amo la semplicità e il minimalismo. Di quello non mi stufo mai :-) Certo con le dovute eccezioni come dici tu! Che meraviglia questi conchiglioni, una goduria! Bacioni!

    RispondiElimina
  24. Sono totalmente d'accordo con te! Più le cose sono semplici più mi piacciono, anche se con qualche rara eccezione, proprio come hai detto tu! I conchiglioni con questo sugo ricco ma semplice sono di una bontà pazzesca!
    Baci,
    Valeria

    RispondiElimina
  25. io mi definirei una persona essenziale, non amo gli sprechi, ma non mi manca nulla, la mia vita mi piace, sono una persona semplice e poi non ho avuto tutto neanche da bambina, quindi questa cosa del vivere con poco e senza il di più non mi manca proprio, ricettina che scopiazzerò sicuramente per rifarla, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  26. Sono d'accordo con te! Mi piace il tuo piatto, semplice ma raffinato !

    RispondiElimina