mercoledì 28 novembre 2012

Tagliatelle con crema di zucca, pinoli e semi di papavero

Tagliatelle con crema di zucca, pinoli e semi di papavero

Giornata uggiosa, piovosa, umida. Il traffico è molto sostenuto, i mezzi pubblici affollatissimi e la voglia di fare altro mi assale.
Vorrei, vorrei, vorrei sorseggiare una tazza di tè con calma, rifare colazione seguendo i miei ritmi non quelli imposti dall'orologio.
Vorrei immergermi nella lettura del libro. Vorrei incontrarmi con un'amica e conversare.
Ma è inutile continuare la lista, tanto è solo una serie di vorrei. Faccio prima a chiamarla: "Vorrei, ma non posso."
Poi mi chiedo: "e se la ricetta della felicità è racchiusa proprio nel formulare desideri?". Certo, una parte dei desideri è necessario appagarli, altrimenti altro che felicità, dal mero desiderio nasce solo frustrazione.
Però, di tanto in tanto, desiderare qualcosa e costruirci su un'immagine, non è già di suo appagante?
Realizzare tutti i desideri, alla lunga non genererebbe una totale mancanza di desideri?
Anche perché, la mia lista è fatta di cose semplici, realizzabili. La telefonata con l'amica prima o poi la faccio, nella lettura riesco ad immergermi con una certa frequenza, quanto al tè, stasera appena arrivata a casa l'ho subito preparato e l'ho sorseggiato con calma.
Dopo cena mi dedicherò alla lettura. Dopo aver terminato Forster, eh si l'ho letto avidamente, ne ho iniziato uno nuovo appena acquistato, La preda di Irene Nemirovsky.
La sua scrittura fluida, elegante mi cattura sempre. Le sue descrizioni della società francese degli anni trenta sono puntuali e nitide.
Il suo scandagliare nell'animo umano è acuto.

Tutto questa premessa non c'entra nulla con le mie tagliatelle di zucca, preparate per appagare la voglia di un condimento di stagione, vegetariano e gustoso.
La zucca mi sembrava ideale. A Napoli pasta e zucca è un piatto tipico estivo. Si prepara con la zucca di forma allungata, una varietà che si trova prevalentemente in estate.
In pratica si taglia la zucca a pezzettoni, si pone in casseruola con aglio, olio extravergine, sale, si ricopre con acqua e quando la zucca è morbida ma ancora tenace si aggiunge la pasta mista, il prezzemolo.
Una grattugiata di pepe nero è il coronamento ideale.
Da bambina ne andavo matta, mi piaceva tantissimo. Adesso la preparo di tanto in tanto, ma in autunno considerato che la zucca in estate non la trovo.
Ma in questo caso non volevo né un piatto estivo e neanche tipico. Mi allettava l'idea di preparare delle tagliatelle all'uovo e condirle con un sugo leggero.
Detto fatto ho posto la zucca in casseruola con lo scalogno, l'olio extravergine, il sale. Ho coperto con acqua a filo delle verdure e una volta cotta la zucca col frullatore ad immersione ho ottenuto una crema non troppo  densa, con la quale ho condito le tagliatelle.
Per dare una nota di croccantezza al piatto, ho cotto una parte della zucca nel forno a microonde con la funzione crisp e ho aggiunto dei pinoli tostati in padella.
Qualche fogliolina di timo e semi di papavero hanno completato il piatto.
Non lasciatevi fuorviare dalla foto. Niente vino, almeno non per me, ma tè, tanto tè.
L'English Breakfast mi piace molto con i piatti salati, anche con la zucca si è rivelato un ottimo abbinamento.
E ottime sono state le tagliatelle, il sugo leggero ma nel contempo molto saporito.


Tagliatelle con crema di zucca, pinoli e semi di papavero
ingredienti per due persone

per le tagliatelle:

160 g. di farina 00,
60 g. di semola di grano duro,
un uovo,
un pizzico di sale,

per la crema di zucca:

600 g. di zucca,
uno scalogno,
olio extravergine di oliva,
sale,

inoltre:

timo fresco,
pinoli,
semi di papavero.

Per prima cosa ho preparato l'impasto per le tagliatelle come riportato qui.
Una volta pronto, dopo il riposo, con la macchina per la pasta ho ricavato le sfoglie e poi le tagliatelle, che ho posto su un panno di tela ad asciugarsi.
Ho mondato, tagliato a pezzi la zucca, lavata e posta in una casseruola, avendo cura di tenerne da parte circa 100 g.
Ho unito lo scalogno tritato, un cucchiaio di olio extravergine, salato e ricoperto con acqua a filo.
Ho fatto cuocere fino a quando la zucca è risultata morbida, quindi l'ho frullata col frullatore ad immersione, ottenendo una crema vellutata, non troppo densa.
Intanto ho tagliato a dadini la restante zucca, lo posta sul piatto del crisp, oliata e cotta per pochi minuti, fino a quando è risultata esternamente croccante.
Ho lessato le tagliatelle in abbondante acqua salata, tostato i pinoli.
Ho condito le tagliatelle con la crema di zucca, decorato la zucca cotta nel forno, i pinoli, i semi di papavero e qualche fogliolina di timo.

Tagliatelle con crema di zucca, pinoli e semi di papavero

Ho abbinato il tè nero English Breakfast

Alla prossima!

Giovanna

22 commenti:

  1. Ma che splendido piattino colorato e di stagione! Poi con la pasta fatta in casa questa crema di zucca si esalta all'ennesima potenza!
    Penso proprio che questo primo confortante ti abbia ripagato dello stress di andare in giro col traffico e la pioggia! :)
    E' un grande piacere anche per me passare a trovarti! ;)
    Un bacione cara Giovanna!

    RispondiElimina
  2. Stupendo.
    Come stupenda è la sensazione di "casa" che trasmette questa foto.

    Alla Prossima...
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. questo piatto è stupendo, dalla pasta fresca, alla zucca in due consistenze, i pinoli per la croccantezza e quei bei colori di presentazione! tutti tutti i complimenti!!!

    RispondiElimina
  4. Questo piatto mia cara è fantastico e le foto davvero molto molto belle :)

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia: un trionfo di colori e di sapore! Un bacione

    RispondiElimina
  6. Credo che il tuo ragionamento abbia un fondo di verità. Di solito l'attesa è più bella ed emozionante e allo stesso modo formulare desideri potrebbe suscitare più emozione di quanto non lo faccia il vederli realizzati.
    Questo piatto è un'armonia di colori e di sapori. Grazie per avermi ricordato della funzione crisp del micro. Fosse la volta che smetto di cuocerci la zucca in modalità normale! Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  7. Fa parte dell'essere umano andare alla ricerca di qualcosa, altrimenti non ci sarebbero stimoli e voglia di vivere.Le tue pappardelle sono molto invitanti, un mix di sapori perfetto. Complimenti.

    RispondiElimina
  8. Giovi ti faccio un salutino veloce anche io, piatto bellissimo, ma domani mi prendo il tempo per leggere il post :**

    RispondiElimina
  9. penso che se smettessimo di sognare saremmo come ... spenti.... sognare è la cosa che mi da energia, anche sognare le piccole cose come dici tu.... quando sogno di trovare un bel parcheggio in posto impossibile lo trovo sempre..... sarà una coincidenza? Ma io continuo a sognare, e sogno meglio davanti a queste tagliatelline belline belline....
    Sandra

    RispondiElimina
  10. E mentre ti leggevo,mi sono alzata di scatto per prepararmi un tè,nulla di pregiato come i tuoi,un semplice tè alla vaniglia per godermi il tuo post!Io ancora son ghiotta di pasta zucca e mi piace tanto questa versione con i semi di papavero..proverò!Un bacione tesoro mentre penso ai miei"vorrei,ma non posso"!

    RispondiElimina
  11. Mi piacciono molto.. anche l'diea dei semini di papavero.. rende il piatto allegro! baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  12. Mi piace molto la descrizione del piatto tipico napoletano.. La pasta mista è una cosa tipicissima di quelle zone (ogni tanto la faccio anche io). La tua versione invece ha un aspetto talmente bello! Brava Giovi..
    Per quanto riguarda i desideri, sono d'accordo, poterli generare sempre e tutti secondo me genererebbe apatia.
    A presto:**

    RispondiElimina
  13. Che bel modo di utilizzare la zucca per condire le tagliatelle, e poi l'aggiunta del timo, pinoli e semi di papavero... gustosissimo!

    RispondiElimina
  14. Hai ragione mia cara è quello che cerco quotidianamente di spiegare alla mia cucciola!! Non si può... e a dir la verità, non sarebbe neanche bello, avere tutto!!!
    Ma che piattino favoloso, ho ancora parecchie zucche da tagliare, proverò la tua ricetta!!!!!
    Un bacione grande e felice pomeriggio!!!!

    RispondiElimina
  15. Desiderare porta con sé la felicità. Un po' come l'attesa, che va assaporata :)
    Il tuo piatto lo assaporerei molto volentieri, anche perché ho iniziato a mangiare la zucca da pochissimo e mi piace molto (anche se la preferisco nei dolci).
    Un abbraccio, Vale.

    RispondiElimina
  16. Le tue tagliatelle sono a dir poco irresistibili. Adoro la zucca e l'abbinamento con i pinoli.

    RispondiElimina
  17. "e se la ricetta della felicità è racchiusa proprio nel formulare desideri?" secondo me sì, ovviamente dopo averli realizzati e l'attesa è sempre vissuta con entusiasmo. Bellissimo piatto questo e la foto è strepitosa :-) Bacioni cara!

    RispondiElimina
  18. ah vorrei anche io RESPIRARE un po' e non correre sempre ed avere fretta...intanto godiamoci queste tagliatelle davvero buone e ricche

    RispondiElimina
  19. che bella questa pasta fresca... ma non posso assaggiare tutto oggi! bravissima ;)

    RispondiElimina
  20. un piatto superbo , foto stupende ,brava come sempre.
    Ogni tanto ci si guarda dentro , ci si interroga e si filosofa un po', ,desiderare , volere , sognare attendere, sperare,tutti stimoli che ci portano avanti , ci fanno crescere , migliorare , se incanalati nella giusta direzione , perché privarcene? un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  21. Questa me la sono scritta, cosi' semplice e cosi' gustosa Cara Giovanna. Anche a me piace condire la pasta con verdure di stagione, semplicemente con quello che porto a casa dall'orto.

    RispondiElimina