lunedì 10 dicembre 2012

Risotto con castagne e funghi porcini secchi

Risotto con castagne e funghi porcini secchi

Sarà che mi ha influenzato un articolo ambientato in provincia di Aosta letto su La Cucina Italiana di questo mese, ma in questi giorni sto preparando una serie di ricette ispirate alla montagna.
Cucino e penso ad uno chalet immerso nella neve, cucino e penso ad una cioccolata calda con uno sbuffo di panna, cucino e penso al vin brulè.
Inutile aggiungere che la dispensa si è arricchita di funghi secchi, castagne, fontina, verze con i quali mi sto divertendo a preparare una serie di piatti e a comporre un menù.
Avendo il tempo preparerei tanti menù, ma come sempre bisogna adattarsi e fare quello che si può! :-)
Il risotto l'ho preparato la scorsa domenica, quando le giornate iniziavano a tendere al freddo, ma il clima non era sicuramente polare come in questi ultimi giorni, decisamente più indicati per mangiare un risotto con castagne, funghi secchi e fontina.

Però, sebbene viva a Milano, quindi niente passeggiate sui sentieri di montagna, niente piste da sci, il che non è un gran male considerato che non so sciare :-), niente chalet, il giorno di Sant'Ambrogio ha nevicato tanto e   tra tè, lettura, pranzi preparati al forno e il mio stare rintanata a casa, un po' l'atmosfera dello chalet l'ho vissuta.
Anche senza cioccolata calda con sbuffo di panna, ma prima o poi la preparerò!

Funghi porcini secchi

Dicevo risotto con le castagne. Di solito con le castagne faccio le caldarroste, o in forno o utilizzando la padella forata, talvolta le lesso, ma difficilmente le utilizzo nei piatti salati.
Poi mi è venuta voglia di fare un risotto, ma proprio voglia di prepararlo, dovendolo mangiare lo volevo con i funghi. Volendo dargli una marcia in più, considerato che con i funghi lo faccio spessissimo, mi è venuta l'idea delle castagne.
La fontina l'ho scelta sia per il suo sapore deciso, sia per rimanere nell'ambito del piatto preparato con ingredienti tipici di montagna, una scamorza, per fare un esempio, avrebbe tolto al risotto la connotazione che volevo dargli.
A volte mi piace fare una fusion tra regioni, ingredienti, ricette, altre, come in questo caso, mi piace tipicizzare un piatto.
Le castagne le ho lessate, private della pellicina e tritate grossolanamente. Niente pepe, volevo che si sentisse appieno e "nature" il sapore dei funghi e delle castagne.
Il risotto era delizioso, la combinazione degli ingredienti perfetta.

Da bere tè, ovviamente tè. Ho abbinato l'English Breakfast un tè che amo molto abbinato ai piatti salati.

Risotto con castagne e funghi porcini secchi
ingredienti per due perone:

200 g. di riso Carnaroli,
180 g. di castagne lesse e private della pellicina,
70 g. di fontina,
6 g. di funghi porcini secchi,
2 piccoli scalogni,
olio extravergine di oliva,
brodo vegetale,
sale.

Ho fatto rinvenire i funghi come da istruzioni riportate sulla confezione, ho tritato a coltello le castagne, tagliato a dadini la fontina.
Quindi ho fatto soffriggere in due cucchiai di olio extravergine di oliva gli scalogni tritati finemente a coltello, ho unito il riso, dopo la tostatura ho salato e aggiungendo mano a mano brodo caldo l'ho portato a cottura.
Circa cinque minuti prima della fine cottura ho unito le castagne e i funghi strizzati e tagliati grossolanamente a coltello.
Ho mantecato con la fontina tagliata a dadini e servito subito.

Risotto con castagne e funghi porcini secchi

Ho abbinato il tè nero English Breakfast

Alla prossima!

Buona settimana!

Giovanna

21 commenti:

  1. Eh no,la scamorza proprio no in questo risottino!certo è che assaggiandolo,ci si ritrova in un caldo chalet,dove arde un bel fuocherello e un vin brulè,è lì che attende!Immersa in quest'atmosfera,vado via portando via con me,i tuoi sapori e un pò dei tuoi desideri!Un bacione Giovanna!

    RispondiElimina
  2. Vero a Milano il 7 sembrava proprio di stare in montagna!!! Era bellissimo!! risotto troppo bello!da provare!gnammy!buna giornata

    RispondiElimina
  3. La foto la sa lunga.. mette una fame pazzesca!!! Devo provare castagne e funghi.. baci e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
  4. Eh col gelo di questi giorni viene istintivo pensare alla montagna e a piatti corposi e fumanti che scaldano l’anima oltre che il corpo. Il tuo risotto è una strepitoso e poterselo gustare davanti ad un bel camino acceso cullati dal crepitio dei ceppi sarebbe un sogno :) Bacioni, buona settimana

    RispondiElimina
  5. Cara Giovanna, non si può fare a meno di immaginarsi in un caldo chalet immerso nella neve, leggendo il tuo post e ammirando il tuo delizioso risotto!
    hai evocato delle bellissime immagini! :)
    A presto carissima!

    RispondiElimina
  6. Come scrive Emanuela con il tuo post hai evocato tante belle immagini, devo dire che le foto sono molto invitanti. L'abbinamento funghi e castagne è secondo me ottimo.

    RispondiElimina
  7. adorabile quella cocotte con un ottimo risotto ....che fame!!! ciao ciao claudette

    RispondiElimina
  8. Ma Giovanna....non devi pensare al vin brulè, devi berlo...che è molto meglio!!!
    Io sono rientrata adesso dall'orto e ti garantisco che me farei un bicchiere se non due, magari vicino al camino che non solo è acceso, ma cela ben nascoste sotto le sue braci le patate che ho messo a cuocere ormai quasi un'ora fa!
    Proprio perfetto questo riso, giusto per i miei gusti, le castagne per me sono il top....con la fontina siamo già "over the top", te l'ho detto manca solo il vin brulé!!

    Un saluto

    Fabiana

    RispondiElimina
  9. questo accostamento di sapori lo ritrovo sempre in una trattoria in n Sila, divino !!

    RispondiElimina
  10. Come sempre mi incanto con i tuoi piatti, li leggo piano piano ..mi sto assaporando in risotto!!
    Bravissima un abbraccio!!

    RispondiElimina
  11. Ricordo quando me ne hai parlato e già avevo immaginato che doveva essere buonissimo! Tanti sapori che secondo me si armonizzano molto bene.. (Ora mi è venuta voglia di cioccolata con la panna -.-)
    :**

    RispondiElimina
  12. ciao Giovanna con questa tua ricetta ci caliamo proprio in atmosfera da pranzo natalizio. Complimenti per le foto :)

    RispondiElimina
  13. Un abbinamento di sapori meraviglioso, e la presentazione è perfetta. Complimenti

    RispondiElimina
  14. Questo risottino dev'essere buonissimo!!!
    ti ho scoperto solo adesso,ma mi sa che mi devo segnare tutte le ricette che hai fatto perchè sono molto molto creative!!!
    a presto!!

    RispondiElimina
  15. Ma buongiorno carissima! Caspiterina che ricetta che hai postato oggi!!! Solo le immagini parlano da sole, se poi leggo che la tua dispensa è così ben rifornita mi parte la salivazione a mille!! Bravissima! Un caro abbraccio :-)

    RispondiElimina
  16. Mamma mia che buono, il dolce delle castagne in contrasto con il sapore deciso dei porcini e della fontina, fantastico. Lo farò di sicuro.
    Eh sì... l'atmosfera dello chalet in montagna è perfetta in questi giorni, cerchiamo di ricrearla un pochino anche in città, il freddo aiuta ;-)

    RispondiElimina
  17. Sarebbe perfetto per cena!! Non ti dico che freddo, questa mattina -5°!! Brrrrrrr!!!!!
    Presentato divinamente, invitante da impazzire!!!!!
    Baci tanti tanti :)

    RispondiElimina
  18. un piatto caldo, morbido, rassicurante.............

    RispondiElimina
  19. Ecco qui che mi sono andata a cercare un'altra ricetta con funghi porcini secchi sul tuo bel blog...abbinati con le castagne non li ho mai provati. Il risotto sembra proprio cremoso: perfetto per la montagna

    RispondiElimina