mercoledì 20 marzo 2013

Baccalà in umido con patate, pomodorini e funghi porcini secchi

Baccalà in umido con patate, pomodorini e funghi porcini secchi

Questo piatto potrei definirlo il mio trionfo, non perché mi sia riuscita particolarmente bene, anche se buono era buono, ma per essere riuscita a vincere ogni ritrosia alimentare di mio marito su due ingredienti che amo moltissimo, non cucinati insieme, of couse! :-), ovvero il baccalà e il gorgonzola.
Quando ci siamo fidanzati, non che allora parlassimo molto di cibo, ovvio, però una pizza, una focaccia mangiata passeggiando sul lungomare, una cena in un ristorante quelle non mancavano.
Ebbene, tra una chiacchiera e l'altra, tra un morso alla focaccia e una forchettata di spaghetti, capimmo che ad entrambi piaceva il cibo.
Mangiare bene, certo, non il mangiare per il mangiare. Non amo rimpinzarmi ogni minuto, ma non mi piacciono neanche le persone che a malapena badano a quello che mangiano, come se dovessero assolvere una pratica noiosa, quasi un dovere.

Rosmarino

No, no, il cibo, seppure non deve diventare una schiavitù, per intenderci se non ho tempo gli spaghetti col parmigiano li preparo senza problemi e sensi di colpa, e neanche un culto, è una cosa seria.
D'altra parte l'ho scritto tante volte, quanto ami le ricette semplici tese ad esaltare la bontà della materia prima.
Quindi mi piace mangiare bene e mi piacciono le persone che sanno apprezzare un buon branzino, una primizia di stagione, un'insalata fresca e croccante.
Ma tornando al mio "trionfo", tra una chiacchiera e l'altra, mio marito, allora eravamo fidanzati, mi disse che due cose proprio non mangiava, anzi, detestava quasi: il gorgonzola e il baccalà.
Ma come, proprio due cose che io amo tanto?
Anzi, fra le varie cose non amava neanche tantissimo il pesce in umido. Tranne polpi e moscardini col pomodoro che gli son sempre piaciuti, per il resto....meglio cambiare ricetta.
Triglie alla livornese? Buone, ma al cartoccio sono un'altra cosa. Baccalà o stoccafisso col pomodoro? Se ne hai voglia fallo pure, però...E dietro quel però c'era uno sguardo triste e mille sospiri una volta che la pietanza era in tavola.

Baccalà in umido con patate, pomodorini e funghi porcini secchi

Poi, piano piano il gorgonzola ha cominciato a mangiarlo. Le prime volte che lo compravo mi diceva: questo lo mangi tu! Ed io serafica: certo, molto volentieri.
Poi, un panino oggi, uno gnocco domani, mangiato in purezza con i fichi freschi un altro giorno ancora e il gorgonzola è diventato sempre meno ostico e sempre più apprezzato, fino a quando ha iniziato a comprarlo di sua iniziativa e divorarlo!
Forse, adesso, ne mangia anche più di me. :-)

Rosmarino

Lo stesso discorso col baccalà. Ho cominciato a prepararlo all'insalata e lui lo mangiava, seppure con molte reticenza all'inizio, poi faceva il bis e alle mie mute domande, rispondeva: tu lo cucini bene.
Mah! Come si possa cucinare male un baccalà che in fin dei conti dev'essere solo lessato, è una curiosità che mi sono tenuta per me, l'importante è che lo mangiava.

Baccalà in umido con patate, pomodorini e funghi porcini secchi

Poi sono passata al baccalà in umido. Appena messo a tavola, sguardo triste, aria perplessa e domanda di rito: ma non c'è troppo pomodoro? No, tesoro, altrimenti sarebbe baccalà lesso con qualche pomodorino. A vabbè! Ma in quel vabbè c'era più rassegnazione che convinzione.
Ora sia chiaro, non impongo nessun cibo a nessuno, ma di solito verso certi alimenti, e baccalà e gorgonzola non fanno eccezione, c'è una sorta di pregiudizio, che viene superato una volta mangiati.
Mio marito non è l'unico ad avere cambiato idea in merito. Ho anche delle amiche che erano disturbate dal colore e dall'odore del gorgonzola, per poi diventare delle grandi consumatrici di questo formaggio.

E veniamo al mio "trionfo". Sfogliando Sale & Pepe di questo mese, ho visto un articolo dedicato alla tradizione ligure relativa allo stoccafisso.
Fra le varie ricette proposte una mi è piaciuta particolarmente, ovvero stoccafisso con patate, olive e funghi secchi, oltre, ovviamente la triade carota-sedano-cipolla.
Slurp! Già lo immaginavo e facendo un - bel - po' di variazioni, l'ho preparato.
La prima variazione è indubbiamente la più significativa, invece dello stoccafisso ho utilizzato il baccalà. Il motivo è semplice, ne ho trovato di buona qualità e l'ho preso. Inoltre, come sempre, l'ho comprato da ammollare, il peso indicato nella ricetta è dopo l'ammollo.
Ho aumentato la quantità di patate, poi ho aggiunto dei pomodorini, volevo fare un piatto unico e con un bel sughetto.
Inoltre ho utilizzato il rosmarino, erba aromatica che mi piace tanto con i funghi e sicuramente molto utilizzata in Liguria.
Il piatto è venuto proprio come volevo, patate morbide ma non sfatte, un bel sughetto, il baccalà che trionfava.
Un piatto delizioso, dai mille profumi. Che mio marito ha apprezzato continuando a fare bis e "scarpetta" e per finire mi ha chiesto di rifarlo quanto prima.
In effetti, caldo e fumante è perfetto in queste fredde giornate, ma la ricetta la trovo valida anche in estate, consumato tiepido e con dei pomodorini freschi.
Continua il mio excursus negli oli extravergine dell'Azienda Agricola Doria. Stavolta ho usato il Carolea e con baccalà, funghi e patate era davvero ideale.
Si percepivano dei profumi freschi che si accostavano molto bene ad un piatto sapido come il mio.
Come tè ne ho abbinato uno nero keniota il Marinyn, che col suo sapore deciso e persistente ha accompagnato benissimo il baccalà.

Baccalà in umido con patate, pomodorini e funghi porcini secchi

ingredienti per due persone:

400 g. di baccalà ammollato,
600 g. di patate,
200 g. di pomodorini dolci Mutti,
8 g. di funghi secchi,
una carota,
una costa di sedano,
uno scalogno,
3 cucchiai di olive verdi,
olio extravergine Carolea Azienda Agricola Doria,
qualche rametto di rosmarino,
sale.

Ho pelato, lavato e tagliato a spicchi le patate, pelato e tritato lo scalogno, pelato e tagliato a brunoise la carota e il sedano.
Dopo aver ammollato, come da istruzione i funghi secchi, li ho tritati. Ho tritato un paio di rametti di rosmarino.
Ho privato di lische e pelle il baccala e tagliato a tranci.
In una casseruola ho posto le patate, la carota, il sedano, lo scalogno, i funghi, il rosmarino, un pizzico di sale - poco perché il baccalà è già abbastanza salato - i pomodorini, le olive verdi e due cucchiai di olio extravergine.
Ho aggiunto un dito di acqua calda e fatto cuocere, coperto col coperchio, per circa 15 minuti, poi ho aggiunto i tranci di baccalà, un altro dito di acqua e sempre coperto, mescolando con molta attenzione per non rompere i tranci di baccalà ho cotto per altri 20 -25 minuti.
Ho aromatizzato con un paio di rametti di rosmarino tritati e servito caldissimo, accompagnando il piatto con dei crostini di pane.

Baccalà in umido con patate, pomodorini e funghi porcini secchi

Ho abbinato il tè nero del Kenya Marinyn

Alla prossima!

Giovanna

20 commenti:

  1. Leggendo il tuo post ho sorriso. Ho gli stessi problemi con il gorgonzola. Io l'adoro e lo mangio con piacere, lui niente!
    Il baccalà in umido lo faccio spesso, la prossima volta lo proverò aggiungendo i funghi e il rosmarino.

    RispondiElimina
  2. Si vede che sei una bravissima cuoca, hai convertito tuo marito!!!! Complimenti questa ricetta invoglierebbe chiunque è troppo buona!

    RispondiElimina
  3. No no tesoro, non è così scontato! Ti assicuro che si può "benissimo" cucinare male il baccalà! basta fare come un'amica di mia mamma che le prime volte a mala pena lo sciacquava sotto l'acqua invece di tenerlo a bagno! No comment!
    Io il baccalà lo adoro in tutti I modi e se c’è da fare la scarpetta ancora di più. La tua variante con pomodori ni e funghi secchi è per me un invito a nozze. Ci credo che è stata un trionfo anche con tuo marito :) Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  4. hahah tesoro questi mariti! il mio ama sia il gorgonzola che il baccalà ma ha altre fisse quindi siamo tutte nella stessa barca e grazie ad un pò di inventiva poi riusciamo sempre a farla franca... questo baccalà profumatissimo è davvero ottimo e anch'io che non amo particolarmente questo tipo di pesce lo spazzolerei tutto! complimenti l'aspetto è divino! un abbraccio giovanna:*

    RispondiElimina
  5. Buonissimo questo baccalà in umido!!!!
    però ti devo svelare un segreto... a me il gorgonzola non piace assolutamente!!! XD
    sbaglio o hai cambiato layout?? è carinissimo questo lillino *-*

    ciauuu cara un bacio!

    RispondiElimina
  6. questi uomini...il mio è di un pesante a tavola...a volte non c'è verso di fargli assaggiare una cosa, assolutamente!mah........
    Comunque hai ottenuto un vero trionfo con questo pesce in umido, una vera squisitezza!
    P.s: prova ad infilare vicino al bulbo del giacinto uno spiedone di legno ed appoggiaci lo stelo...io ho risolto così, tutte le volte (tantissime!) che mi si stortava tutto.....
    Un baciottone!

    RispondiElimina
  7. Ma che tenerezza leggere queste parole! <3 Mi sa che è l'amore che spesso fa apprezzare quello che prima non ci piaceva! E questo lo puoi chiamare davvero un trionfo di gusto e sapore! Non è niente scontato, quando si cucina tesoro! Sono contentissima che tu abbia vinto le ritrosie del tuo maritino :D Complimenti di vero cuore! E' meravigliosamente buono! :D Un bacione e un pomeriggio super!

    RispondiElimina
  8. Tuo marito sembra il mio ragazzo a cui non piace molto nè gorgonzola nè baccalà o meglio dire il pesce in generale. Speriamo cambi idea come tuo marito!
    Piatto molto godurioso, vien voglia di tuffare la forchetta nel monitor.

    RispondiElimina
  9. Ciao e bentrovata!
    Io non vado pazza per il baccalà, ma devo dire che cucinato in questo modo mi attira tantissimo.
    Anch'io cerco di cucinare il pesce nella maniera più semplice possibile per non coprire i sapori, per esaltare il suo gusto naturale.
    Complimenti.

    RispondiElimina
  10. Riusciresti a convincere anche me riguardo al gorgonzola O_O?Non credo sai, e la colpa non è dei pregiudizi,è che proprio lo detesto!Invece amo il baccalà e questo tuo modo di proporlo è delizioso,da farci una scarpetta coi fiocchi,naturalmente con del buon pane!Tu metti una gran fame Giovanna...è come cucini,è come proponi le pietanze,è tutta quella passione
    Un bacio tesoro.....tuo marito non può che obbedire alla tua consapevolezza!

    RispondiElimina
  11. Cucinare bene il baccalà è un arte te lo assicuro. E il tuo sembra eccezionale!
    Un abbraccio e complimetissimi anche per la "gestione" ti tuo marito ;)

    RispondiElimina
  12. Una ricetta diversa davvero moto appetitosa!!! bacioni

    RispondiElimina
  13. a casa mia quella strana sono io....chiedo venia. Sono una fans dei formaggi , tutti ...meno uno...il baccalà mi ricorda la mensa dell'asilo,parlo del medio evo, quando mi chiudevano il naso per farmelo ingoiare , famoso metodo montessori......tanto per essere ironici. forse se venissi da te , con questo piatto farei pace con entrambi , ti abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  14. Condivido in pieno: il cibo non deve'essere una schiavitù, ma tantomeno un compito da sbrigare senza badarvi!

    La tua ricetta è semplice ma preziosa, come sempre :)

    p.s. ottimo lavoro di convincimento col marito!

    RispondiElimina
  15. Sono ancora un po' giovane per un marito ma la ricetta dev'essere buonissima! L'avevo adocchiata anche io su Sale&Pepe, la proverò :)
    Passa da me se hai tempo http://unpizzicodinocemoscata.blogspot.it/

    RispondiElimina
  16. Devio provare questa ricetta.... io lo preparo sempre alla messinese!!

    RispondiElimina
  17. Ma caspita, come si fa a non amare il gorgonzola e il baccalà? parliamo rispettivamente del mio formaggio e del mio pesce preferiti!.. Giovi hai tutta la mia solidarietà in questo e sono felice di constatare che al marito hai fatto cambiare idea!
    Tra l'altro quante belle preparazioni che mi sono persa con il gorgonzola.. bisogna rimediare!
    Per il piatto di oggi mi piace molto e ti dirò che una cosa simile ho in mente di prepararla nel week end e non vedo l'ora di cimentarmi..
    A presto cara Gio':**

    RispondiElimina
  18. Potrei mangiarmi l'intero tegame da tanto che adoro questo piatto :-) Fantastico!!!

    RispondiElimina
  19. Ah, che foto e che ricetta meravigliosa!!!
    Anche mio marito detesta il gorgonzola( pensa, non lo vuole in frigo) ama però il baccalà :)
    Santa pazienza ^__^
    Un abbraccio tesoro, felice pomeriggio!!

    RispondiElimina
  20. dopo le rivelazioni non so se lo avrei sposato... :-)
    sei stata bravissima in questi anni! io sto ancora lavorando instancabilmente sui dolci alla frutta: peggio che con un bambino!
    Il tuoo trionfo è stato davvero trionfale! Anche nell'aspetto!

    RispondiElimina