venerdì 8 marzo 2013

Pizze fritte con ricotta, mozzarella e salame

Pizze fritte con ricotta, mozzarella e salame

Street food? Sicuramente! Piatto povero? Anche! Cibo antico? Probabilmente! Le pizze fritte appartengono a tutte queste categorie e potrei continuare con cibo regionale, pranzo veloce, piatto tradizionale.
Sicuramente se non si aggiunge che sono buonissime, non si rende giustizia a queste cibo molto diffuso in Campania e nel sud Italia.
Certo, non è un piatto leggero, decisamente non ascrivibile alla lista dei cibi tutta salute. Però, la sua bontà è ineguagliabile - o quasi, of course!
A Napoli le pizze fritte sono diffusissime, sia come preparazione casalinga che nelle friggitorie e rosticcerie.
Senza considerare la pizza fritta che viene proposta in tutte le pizzerie.
Il ripieno è più o meno codificato. La pizza fritta classica viene farcita con ricotta, mozzarella di bufala e salame napoletano e pepe, tanto pepe.
Insomma, un piatto tutta leggerezza! :-)
Ci sono poi molte versioni, anche vegetariane, come quella ripiena con le scarole saltate in padella con olive e capperi.

Pizze fritte con ricotta, mozzarella e salame

Pur amandole moltissimo, raramente, molto molto raramente le ho mangiate preparate nelle friggitorie, essendo un cibo molto grasso  ho sempre preferito quelle home made.
Il sapore, se si sa fare bene l'impasto e si è bravi a friggere non cambia, anzi!

Comunque, con gli anni, orientandomi sempre più verso una cucina ricca di verdure, povera di proteine e con cotture sane, le pizze fritte ho quasi smesso di farle.
Fino a qualche domenica fa, quando la voglia di mangiarle era tanta, e così, alzandomi molto, molto presto ho iniziato a preparare l'impasto.
Ultimamente i lievitati li preparo con la biga, in questo caso, il sabato non avevo avuto il tempo, per cui sono partita da un impasto diretto.
Ho messo poco lievito, aggiunto all'impasto la semola e....ho passato il resto della mattina a cercare di riscaldare la cucina per arrivare alla giusta lievitazione.
Le ho preparate la domenica della nevicata, ricordate il freddo?
Comunque, l'impasto è venuto perfetto e le pizze pure. Per la pasta ho seguito la ricetta vista al corso di Viviana Varese, l'unica variante è stata l'aggiunta della farina di semola e lo zucchero, non che avessi voglia di apportare modifiche, ma quando avevo già setacciato le farine e aggiunto lo zucchero mi è venuta l'idea di seguire la sua ricetta.
Come farina ho usato la Petra 3 del Molino Quaglia. A tal proposito, dopo la pubblicazione del post dedicato al pane integrale ho ricevuto molte e-mail nelle quali  mi chiedevate se la farina usata era la 0 o la 00.
Dunque, poiché le farine si suddividono in base al grado di forza, quelle del Molino Quaglia non presentano la suddivisione in 0 e 00. Ho già risposto a tutte le e-mail ricevute, ma mi fa piacere scrivere anche adesso, che utilizzando le farine del Molino non c'è la nota suddivisione.
Altra precisazione: ci vorrebbe il salame napoletano, non l'ho trovato e ho utilizzato il felino.

Pizze, neve e....tè. Tanto, tanto tè, anche se già pregustavo quelli rari giapponesi....
Ho abbinato il tè nero cinese Grand Lapsang Souchong, il suo sapore affumicato era perfetto con il gusto deciso delle pizze.

Pizze fritte con ricotta, mozzarella e salame

ingredienti per l'impasto:

400 g. di farina Petra 3,
100 g. di semola,
10 g. di lievito di birra,
15 g. di zucchero,
15 g. di sale,
25 g. di olio extravergine,
250 g. di acqua,

ingredienti per la farcitura:

250 g. di ricotta di pecora,
250 g. di fior di latte,
100 g. di salame felino,
2 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato,
2 cucchiai di pecorino romano grattugiato,
pepe nero,

per friggere:

olio extravergine di oliva.

Ho setacciato le farine, formato la fontana, unito il sale, lo zucchero, il lievito, l'olio extravergine. Aggiungendo mano a mano l'acqua ho impastato a lungo, fino ad ottenere una pasta liscia e setosa.
Ho formato il panetto e l'ho posto in una bacinella, coperto da un panno umido e lasciato lievitare. Nel mio caso ci sono volute circa 4 ore.
Intanto ho preparato la farcitura: in una terrina ho unito la ricotta, il fior di latte sgocciolato e tagliato a dadini, il salame tagliato a dadini, il parmigiano e il pecorino, con l'aiuto di una forchetta ho ottenuto un impasto liscio, senza grumi, ben amalgamato. Ho condito con pepe nero macinato al momento e per rendere la farcitura morbida ho aggiunto un paio di cucchiai di acqua. Va bene anche il latte, ma con l'acqua la farcia guadagna in leggerezza.
Una volta lievitato l'impasto, l'ho pesato e suddiviso in 6 palline di pari peso, le ho coperte con un panno umido e le ho fatte lievitare per un'altra mezz'ora.
Quindi le ho lavorate dandogli una forma circolare e posto sulla metà di ognuna un paio di cucchiai di impasto.
Le ho coperte con l'altra metà e le ho chiuso bene, in modo che durante la cottura la farcitura non fuoriesca.
Le ho coperte ancora con un panno umido e le ho fatte lievitare per altri 20 minuti, quindi le ho fritte in abbondante e caldo olio extravergine.

Pizze fritte con ricotta, mozzarella e salame

Alla prossima!

Buon fine settimana!

Giovanna

31 commenti:

  1. Mi hai fatto tornare bambina, nelle giornate in cui le preparava mia nonna per tutta la famiglia...che ricordi...

    Un abbriccio

    S.

    RispondiElimina
  2. Noi li chiamiamo panzerotti e a casa mia vanno alla grande, ogni tanto ci si può concedere un buon fritto (nella versione al forno li ho preparati proprio ieri sera ma il fritto è il fritto!)
    Belli i tuoi, mi hai fatto venire voglia.

    RispondiElimina
  3. Buooooone, sono perfette, complimenti, un abbraccio e buon fine settimana!!!

    RispondiElimina
  4. Anche il fritto, se fatto a regola d'arte, non è poi così dannoso. E anche se non ne sono una fan, uno strappo ogni tanto fa bene al corpo e allo spirito. E queste pizze ripiene valgono bene uno sgarro :) Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia!!! Domanda la carta in cui le hai avvolte dove la trovi. Da me in Svizzera è impossibile trovarla, la cerco da tanto di quel tempo.....

    RispondiElimina
  7. Anche se di solito il fritto non mi piace.. devo dire che con queste delizie mi hai messo un'acquolina indicibile!! :D Complimenti.. ogni tanto è una vera goduria abbandonarsi a queste sfizioserie :)) Bacioni e felice week end! :)

    RispondiElimina
  8. E' vero,non è un piatto leggerissimo,ma cosa vuoi che sia,se lo si concede una volta ogni tanto e perdipiù home made!Cara la mia Giovanna,non posso che fare un gran sorriso dinanzi a questa meraviglia,li conosco bene e ne sento la nostalgia,non sai da quanto non li faccio!Grazie cara,sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  9. io potrei assaggiare diverse versioni, quella vegetariana, quella non, anche quella vegan: mi sembra di sentirle sciogliere in bocca!!!
    baci e buon fine settimana!
    sandra

    RispondiElimina
  10. Cara giovanna queste foto parlano da sole e ci raccontano tutta la tua bravura, complimenti di cuore!!!!

    RispondiElimina
  11. Meraviglia!!!!! Anche io preferisco mangiare il fritto fatto in casa e, se i risultati sono questi!!!! Buon fine settimana

    RispondiElimina
  12. ...e se poi si deve peccare, o lo si fa così oppure non ha nessun senso! Notevoli!

    RispondiElimina
  13. Pensa che io credevo che la pizza fritta fosse un cibo tipico della Romagna:) quel che so è che si fa anche da noi! Mentre in Emilia c'è lo gnocco fritto che è simile ma più alto e compatto.. Ogni tanto un frittino fa bene alla mente, se poi lo accompagni con un buon tè che sa di affumicato, tanto meglio!
    Un bacio Gio' e a presto!

    RispondiElimina
  14. Io dico che non va demonizzato nulla, neanche il fritto!
    Trovo i tuoi "calzoni" stragolosi!!!
    Ne vorrei tanto uno adesso! :)
    Buona domenica carrissima!

    RispondiElimina
  15. Ciao Giovanna, queste pizze che da noi si chiamano calzoni, devono essere squisite!! Il blog è proprio ricco, ti seguirò volentieri! Ciao Letizia

    RispondiElimina
  16. Buonissime Giovanna!!! poi con questo ripieno devono essere davvero squisite *_*

    RispondiElimina
  17. Il cuoppo!
    Mi piacciono molto quelle con la ricotta e tanto pepe. Che bontà!
    Che voglia che mi hai fatto venire.

    RispondiElimina
  18. Ciao io sono Anna di Fooduel.com. Questo è un sito dove le ricette valutano gli utenti 1-10.
    Si tratta di una classifica delle migliori ricette e un profilo con il loro feedback per le ricette. Ogni ricetta ha un link al blog che fa la ricetta. In questo modo, potrete ottenere il traffico al tuo blog.

    È facile, veloce e divertente. Le migliori foto di ricette sono qui.

    Vi invito a partecipare, è sufficiente aggiungere il tuo blog e postare una ricetta con una bella immagine.

    Vorremmo participases con ricette come questa. Look Amazing!

    saluto

    RispondiElimina
  19. ...sto svenendo...io di norma friggo pochissimo, ma questi panzerottoni sono fantastici, corro da te con una bella birretta!!!!!!!

    RispondiElimina
  20. ho letto il tuo post tutto di un fiato ,un piatto meraviglioso , con tutte le problematiche relative ai grassi ed al fritto , rimane un mangiare appagante. Mi ricordano quelli che a Roma chiamiamo calzoni , variano nel ripieno , ma alla fine sono simili. un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  21. Che bontà noi li chiamiamo panzerotti , proverò la tua versione troppo gustosa!
    Bravissima baci!

    RispondiElimina
  22. Cosa vedono i miei occhi :)
    Non sai quanto mi piacerebbe poter addentare una pizza fritta, le tue sono meravigliosamente invitanti!!!
    Complimentissimi :)
    Un abbraccio Giovanna e tanti baci!!!

    RispondiElimina
  23. Vi ringrazio!

    La carta paglia me l'ha regalata un'amica, so che l'ha acquistata in Romagna! :-)

    Baci

    RispondiElimina
  24. è in questi momenti che il mio dna per metà campano si fa sentire! Che meraviglia di ricetta cara Giovanna,a questa bontà assoluta non riuscirei a resistere !Un abbraccio

    RispondiElimina
  25. che gioia sarebbe averle per cena!!!

    RispondiElimina
  26. Una ricetta davvero meravigliosa e poi che bella presentazione, le foto parlano da sole!!!

    RispondiElimina
  27. Che bontà!!! Io le adoro ma a casa le preparo molto raramente ma... quando mi capita di trovarmi a Napoli ne faccio vere e proprie abbuffate ;)

    RispondiElimina
  28. Giovanna mamma mia che fame che mi stai facendo venire, favolose e mai fatte, ma se mi dovessi decidere verrò a rubare la tu ricetta.
    Un abbraccio

    RispondiElimina