giovedì 16 maggio 2013

Cake con prosciutto cotto, robiola e maggiorana.

Cake con prosciutto cotto, robiola e maggiorana.

"Il mare mi manca tanto, tantissimo! Non me n'ero resa conto fino a che non è arrivata l'estate."
"Perché non vai a Sirmione, sul lago di Garda? Il paesaggio con ulivi e pini, ti ricorderebbero il tuo adorato mare."

Questo dialogo, si svolse tra me e una mia ex collega, allora ancora insegnavo, in una giornata di autunno dei primissimi anni a Milano.
Una di quelle giornate di settembre di una bellezza struggente. L'aria limpida e frizzante, il cielo tersissimo, colori vividi e cristallini.
Con la mia collega ero andata nel parchetto vicino alla scuola per mangiare un panino, in attesa di qualche impegno scolastico, neanche più ricordo quale.
Invece, la conversazione è rimasta viva nella mia memoria.
Eravamo partite dalla letteratura, lei insegnava lettere io scienze e parlavamo di Balzac.
Ero nel pieno del trip della letteratura francese e per una serie di associazioni di idee, dalla Parigi di Balzac eravamo arrivate al mare.
La mia collega, intelligente e sensibile, capì che provavo nostalgia dopo le vacanze estive trascorse nella mia città, ed invece di darmi quei consigli inutili e banali, mi ascoltò e mi suggerì di fare una passeggiata sul lago di Garda, un "lago mediterraneo" come lo definì lei.

Papaveri, Borghetto

Quanto c'aveva ragione! Il Garda, ci incantò. Fra noi e il lago fu amore, un grande amore, a prima vista.
Ci piacque tutto. L'atmosfera, la natura, la bellezza del lago, il castello di Sirmione, la profusione di pini.
I pini, i miei amati, adorati pini. Sono cresciuta in una zona ricca di questi alberi stupendi e vederli è ritrovare l'aria, il profumo, l'atmosfera di casa.
Papaveri

Si, di Sirmione ci innamorammo, un colpo di fulmine diventato amore, un amore profondo e duraturo, se dopo tanti anni, continua a piacerci e ad emozionarci.
In quella domenica di settembre solo una cosa non fummo in grado di apprezzare, il cibo.
Il motivo è semplice, quasi banale. Volevamo fare un pic nic di fine estate e il giorno prima preparai alcune cose, fra le quali una torta salata.

Cake con prosciutto cotto, robiola e maggiorana.

Papaveri

Lo scorso fine settimana siamo stati al lago, ci siamo rilassati con una lunga passeggiata nella campagna che circonda il lago.
Ad un certo punto, eravamo in macchina, abbiamo visto questa enorme macchia rossa ondeggiante. Papaveri che venivano cullati dal vento, sullo sfondo del fiume Mincio.
Non aggiungo altro, qualunque parola non renderebbe la bellezza di quel momento e di quel luogo.

Papaveri

Cake con prosciutto cotto, robiola e maggiorana.

Papaveri

Il cake, sebbene non l'abbia preparato per il giro al lago è ideale per un brunch, una cena, un buffet e per un pic nic.
Una tovaglia allegra, un thermos di tè caldo, qualche bottiglia di succo di frutta, una macedonia, qualche dolcetto e un cake salato, goloso e saporito.
Tutti prodotti che in primavera entrano spesso nel cestino del pic nic.

Cake con prosciutto cotto, robiola e maggiorana.

Questo di oggi l'ho preparato con prosciutto cotto Lenti, il Lenti & Lode, robiola e maggiorana.
Volevo un cake morbido e saporito, che esaltasse la bontà del prosciutto cotto.
La robiola mi sembrava indicata, cremosa, dal gusto delicato ma deciso ha conferito al cake un sapore straordinario, enfatizzato dalla maggiorana, un'erba aromatica che mi piace molto e non manca mai sul mio balcone e nei miei piatti! :-)

Sirmione

Come tè ne ho abbinato uno nero indiano, della regione del Darjeeling il Selimbong. 
Bevuto a colazione accompagnato da un piccolo panino col prosciutto cotto, sorso dopo sorso ne avevo apprezzato l'abbinamento col salume ed ero curiosa di provarne l'effetto col cake.
Strepitoso! Il suo gusto morbido, le sue note fruttate armonizzavano alla perfezione con l'intera gamma di sapori del cake.
Anche questa ricetta fa parte del Ricettario eclettico.

Sirmione

Cake con prosciutto cotto, robiola e maggiorana

ingredienti:

250 g. di farina,
200 g. di prosciutto cotto Lenti & Lode,
200 g. di robiola,
150 g. di latte,
3 uova,
una bustina di lievito per dolci,
3 cucchiai di olio extravergine più un po',
qualche rametto di maggiorana,
un pizzico di sale.

In una terrina ho setacciato la farina e il lievito, ho unito le uova, il latte, la maggiorana tritata a coltello, l'olio extravergine, il sale e con un cucchiaio di legno ho amalgamato bene.
Quindi, ho aggiunto il prosciutto cotto tagliato a dadini e la robiola e li ho amalgamati bene all'impasto che ho versato in una teglia da cake, foderata di carta forno e spennellata con olio extravergine di oliva.
Ho posto lo stampo in forno preriscaldato a 180° e cotto per 55 minuti, coprendo con carta argentata a metà cottura per non far scurire la superficie.
Dopo sfornato l'ho sformato e posto su una gratella da pasticcere a raffreddare.

Cake con prosciutto cotto, robiola e maggiorana.

Ho abbinato il tè nero Selimbong

Alla prossima!

Giovanna

22 commenti:

  1. Che meraviglia quella distesa di papaveri, trasmette gioia e serenità :) Un pic nic in quello splendido scenario con il tuo fantastico cake rimetterebbe al mondo.
    Sirmione per ora è solo un sogno. Facciamo che arrico da te con la ciambella per merenda e più tardi ceniamo insieme con il tuo cake? Pic nic alternativo in saltotto tra chiacchiere e risate, che dici? Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  2. Le amiche quelle vere, riescono sempre a darti dei consigli preziosi. Effettivamente il lago di Garda è bellissimo, tutti i paesini che vi s affacciano, sono bellissimi. Bella la foto con i papaveri. I cake salati mi piacciono molto e il tuo lo trovo molto gustoso. Cao.

    RispondiElimina
  3. le foto sono talmente belle da commuovere, il tuo racconto è delizioso e il cake squisito! what else? un abbraccio forte :-D

    RispondiElimina
  4. paesaggio fantastico ed i cake ottimi...

    RispondiElimina
  5. Che foto stupende! E che cake stupendo :)

    RispondiElimina
  6. le tue immagini mi hanno regalato tanta serenità e pace...amo anche io il lago, quello di Garda lo conosco meno, io sono stata tanti anni da piccola sul Lago Maggiore.
    Tu hai la casa lì?!
    Che meraviglia...
    E che dire del tuo cake....favoloso!
    Il prossimo week end mi aggrego.... ;)...cosa porto?!

    RispondiElimina
  7. che serenità mi danno le tue fotografie....
    e che languorino mi mette ill tuo cake! ingredienti che adoro! soprattutto la maggiorana è una delle mie erbe predilette! :-) quante belle idee da te

    RispondiElimina
  8. Che gioia danno queste foto!
    E il cake è da provare :-)

    RispondiElimina
  9. Mammamia che belle quelle foto con i papaveri! Da sogno!
    L'ambientazione è quella giusta, il tuo cake nel cestino completa il tutto perfettamente!
    Un bacio grande carissima Giovanna!

    RispondiElimina
  10. Sembra proprio buono!!!!!! mis alvo la ricetta! Complimenti epr le foto.. baci e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
  11. Adoro i cakes salati, sia perché piacciono davvero a tutti sia perché spesso sono riusciti risolvermi il solito problema del: "Cosa metto in tavola stasera?" Finora il mio preferito è il cake mediterraneo (non so se hai avuto modo di vederlo sul mio blog), ma non ho ancora provato il tuo! :-)

    RispondiElimina
  12. un sogno una favola una meravigliache darei per essere in un posto del genere mi mette una serenità addosso ed il cake perfetto complimenti

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia quella distesa di papaveri e questo cake!!!! Mi sono sempre detta di provarci....con una bella robiolina. Questa è la volta buona che lo faccio davvero!! ;)

    RispondiElimina
  14. Siamo stati anche noi a Sirmione qualche anno fa ed è un posto incantevole, con quella sua punta che si insinua nel lago.
    Ci tornerei davvero volentieri per un altro piccolo viaggetto.
    Ottimo il tuo plumcake salato.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  15. Una vera tentazione, voglio assolutamente provarlo, grazie dell'idea! Kiss

    RispondiElimina
  16. questo plum cake chiede insistentemente di essere assaggiato! prendo una fetta!:-)

    RispondiElimina
  17. Não sei o que é melhor nesse post.
    O pão com esses ingredientes maravilhosos ou as fotos dessas paisagens deslumbrantes.
    ¸.•°✿✿⊱彡
    Boa semana!
    ¸.•°✿✿⊱彡Beijinhos¸╭⊰✿¸.

    RispondiElimina
  18. Vi ringrazio tutte!
    I papaveri erano magnifici!
    Un bacione

    RispondiElimina
  19. Sono capitata sul tuo blog per caso, cercando ricette per il buffet del mio compleanno... davvero complimenti per le tue foto, per le ricette, per tutto insomma! Mi piacerebbe realizzare il tuo cake ma in monoporzione, utilizzando gli stampini in alluminio, potresti indicarmi il tempo di cottura? Grazie mille!

    RispondiElimina
  20. Sono capitata sul tuo blog per caso, cercando ricette per il buffet del mio compleanno... davvero complimenti per le tue foto, per le ricette, per tutto insomma! Mi piacerebbe realizzare il tuo cake ma in monoporzione, utilizzando gli stampini in alluminio, potresti indicarmi il tempo di cottura? Grazie mille!

    RispondiElimina
  21. Carlotta, benvenuta e grazie! :-)
    Dunque, avendo preparato il cake in uno stampo grande, non sono in grado di dirti con precisione i tempi di cottura negli stampini monoporzione. Ti suggerisco di cuocerli per 20 minuti e poi fare la prova stecchino.
    In ogni caso, devono risultare gonfi e dorati.
    A presto!

    RispondiElimina
  22. Spero di fare la prova in questi giorni, poi ti faccio sapere l'esito!

    RispondiElimina