lunedì 6 maggio 2013

Pane con farina di farro e integrale

Pane con farina di farro e integrale

La domenica mi piace alzarmi presto, vedere il giorno nascere, preparare il tè e nella solitudine della cucina, sorseggiarlo con calma sfogliando una rivista, magari con un sottofondo musicale.
Gli altri giorni, invece, corro talmente tanto che il tè lo bevo portandomi la tazza in giro per casa, a volte dimenticando dove l'ho lasciata, facendo mille cose insieme, fra le quali cercare la tazza del tè. :-))
La domenica, invece, vado piano e mi gusto con calma il primo tè del mattino.
Ieri mattina, mentre la giornata si definiva, e il sole faceva capolino mi è venuta una voglia irresistibile di fare un giro al parco.
Senza curarmi delle cose da fare, pane e insalata di riso, ho indossato le ballerine, avvisato mio marito e in un lampo ero al parco.
Bellissimo! Era prestissimo, l'aria limpida e pulita, le foglie e i fiori ancora bagnati di rugiada.
Peraltro non c'erano molte persone. Qualche pensionato, i cani con i loro proprietari e gli amanti dello jogging.
Immersa nei miei pensieri, fermandomi di tanto in tanto a vedere il fiume, eh si nel parco dove vado passa il fiume, o a contemplare gli alberi di giuda, sentivo il buonumore aumentare passo dopo passo.

Pane con farina di farro e integrale

Una volta a casa, con Max Gazzè a tutto volume, :-) ho preparato l'impasto per i panini, poi ho fatto colazione con yogurt e fragole, acquistate sabato al consorzio agrario.
Buonissime! Succose e polpose, le ho utilizzate in un sacco di piatti, a parte quelle che ho mangiato in purezza.
Avrei tanto voluto anche leggere, ma la mattinata è volata in un lampo.

Pane con farina di farro e integrale

Ultimamente sto cucinando tantissime insalate e molto pane.
Lo sapete, trovo la preparazione del pane un potente antistress. E non mi riferisco solo alla parte manuale, ovvero impastare, pezzare, dare forma al pane o ai panini e porre la teglia nel forno, attività indubbiamente molto distensive.
Ma altrettanto rilassanti, quasi zen, trovo la lievitazione e la cottura nel forno.
Il profumo che si sprigiona è antico, autentico, riconoscibile. E' primitivo, impresso nella nostra memoria.
A me, evoca il forno dove andavo da bambina e tra nuvole di farina, tavole di legno, vedevo il pane appena sfornato, le brioscine, i panini al latte, le friselle e le focacce.

Pane con farina di farro e integrale

Pane con farina di farro e integrale

Il pane presentato oggi l'ho preparato con diversi tipi di farine, quella per pizze del Molino Quaglia, la farina integrale e quella integrale di farro.
Lo scopo era ottenere un pane più naturale, meno raffinato, dai profumi intensi e con crosta croccante e una mollica compatta, atta per dei sandwich.
Probabilmente leggo troppa letteratura inglese, ma ultimamente sto sempre con la testa in un libro, una tazza di tè in mano e l'idea di qualche sadwich, tramezzino o panino da preparare.

Pane con farina di farro e integrale

D'altra parte da pochi giorni ho terminato l'ennesima rilettura di Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen. Intanto ho cominciato e terminato un altro libro e adesso sono incerta se leggere ancora Jane Austen, passare a Irene Nemirovsky o leggere qualche contemporaneo americano.
Ma sto divagando. Tornando al pane, come sempre ho utilizzato un catalizzatore della lievitazione, stavolta ho optato per il miele scegliendo il gusto al melo della Rigoni.
Mi piace preparare i lievitati variando i gusti del miele, per valutare i sapori che regala al pane.
In questo caso ha conferito un sapore delicato, che si abbinava bene con le farine integrali.
Il pane era delizioso, proprio come lo volevo io, ovvero con la crosta croccante e la mollica compatta, ma morbida.
Ottimo anche con un velo di burro e un po' di marmellata. Ideale per i miei tramezzini, poi vi racconterò.

Pane con farina di farro e integrale

Pane con farina di farro e integrale

ingredienti per una pagnotta:

300 g. di farina per pizza Molino Quaglia,
100 g.di farina integrale,
100 g. di farina di farro integrale,
12 g. di lievito,
15 g. di sale,
2 cucchiai di olio extravergine di oliva,
un cucchiaio di miele di melo Rigoni di Asiago.

Ho setacciato le tre farine sulla spianatoia, fatto la fontana, al centro ho posto il miele, il sale, l'olio extravergine di oliva e il lievito sbriciolato, ho aggiunto l'acqua ed impastato fino ad ottenere un panetto morbido, non appiccicoso, liscio e setoso.
L'ho posto in una ciotola, coperto con un panno umido e lasciato lievitare fino a quando è raddoppiato.
L'ho lavorato brevemente, gli ho dato la forma di una pagnotta che ho posto su una teglia ricoperta di carta forno, con un coppapasta e un coltello ben affilato ho formato un cerchio al centro e dei tagli laterali, l'ho coperto con un canovaccio umido e lasciato lievitare per circa un'ora, quindi l'ho posto in forno preriscaldato a 200° per circa 40 minuti.
Dopo averlo sfornato l'ho posto su una gratella da pasticciere a raffreddare.

Pane con farina di farro e integrale

Alla prossima!

Buona settimana!!!!

Giovanna

23 commenti:

  1. Anch’io pane a gogò e tanti tanti biscotti in questo periodo. I miei antistress preferiti. Incredibile come un impasto posso trasportarti in un’altra dimensione e farti dimenticare tutto il resto.
    Bellissimo il tuo pane, quella mollica ha un aspetto sofficissimo. Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  2. davvero un bel pane Giovanna!! Aspetto di vedere i tramezzini e condivido la cucina fatta di pane e insalate, col caldo e l'afa di questi giorni (almeno da noi) ci stanno benissimo!

    RispondiElimina
  3. stupendo questo pane!! ciaooooooo

    RispondiElimina
  4. Adoro il farro e la consistenza del tuo pane è divina!
    Un bacione

    S.

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia, sei bravissima!! Funziona così anche per me... cucina e musica, antistress naturale!!
    Buona settimana e mille baci!!!

    RispondiElimina
  6. Mamma mia che pane fantastico, sei davvero brava!

    RispondiElimina
  7. sono d'accordissimo sulla virtù terapeutica dei lievitati , antistess, anti depressivo, anti...pensieracci, ormai sono una pastamadredipendente! bella pagnotta, un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  8. Vi ringrazio tutte!
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. Grazie per la ricetta!

    Baci Baci J&J

    http://couturetrend.blogspot.it/

    RispondiElimina
  10. ma quanto è bello e sicuramente super buono questo pane!!!!! ciao ciao da claudette

    RispondiElimina
  11. Adoro il pane con la farina integrale !!!!da provare assolutamente!
    Anche noi abbiamo cominciato questa nuova avventura, se ti va ti aspettiamo

    http://mammaefigliaaifornelli.blogspot.it/

    RispondiElimina
  12. Bella soddisfazione fare un pane così!!! Complimenti

    RispondiElimina
  13. quante cose abbiamo in comune io e te Giovanna...tante davvero!

    RispondiElimina
  14. complimenti ti è venuto uno spettacolo passane un paio di fetteeeeee

    RispondiElimina
  15. Stupendo e soffice pane!!
    Complimenti , mi lasci sempre a bocca aperta!!
    Un'abbraccio!

    RispondiElimina
  16. E la preparazione del pane,avrà aumentato il tuo buonumore,insomma è stata una domenica di puro riposo;ma quel riposo che fortifica mente e corpo!Un bacione tesoro,mentre mi rivedo gli ingredienti e naturalmente la pagnottona che al profumo di farro ci piace assai!

    RispondiElimina
  17. un pane che sa di buono, che sembra dire...mangiami!!!!!
    Par di sentirne il profumo dal pc....
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Le letture di cui parli sono quelle che incantano anche me! :)
    Così come mi incanta il tuo pane integrale: sa di casa!!!
    Un bacio grande cara Giovanna!

    RispondiElimina
  19. Un giretto al parco a contemplare la natura e tutto è più bello.. come ti capisco! Il pane porta bene secondo me.. e in più è molto rilassante farlo.. cosa desiderare di più?
    :** a presto!

    RispondiElimina
  20. Che dire... questo pane lascia senza parole. Ho solo voglia di mangiarlo.

    RispondiElimina
  21. Giovanna leggendo il tuo post mi sono rilassata anche io... Seguendoti al parco, immaginando il tuo fiume, seguendo un po' i tuoi pensieri e i ricordi che ti suscitano l'attesa e la cottura del pane! Meraviglioso quel pane, come piace a me, ho visto poi come lo hai condito nel post qui sopra! Le tue foto sono sempre incantevoli, ed evocative di una pace rasserenante! Rubo un po' di quella pace e quel relax della tua domenica che mi hai regalato, e hai condiviso con noi, mentre volentieri ti lascio la fretta del tuo rincorrere il tempo nel resto della settimana... Spero tu non l'abbia a male ;)
    Un abbraccio stretto a presto Any

    RispondiElimina
  22. Un pane spettacolare, se vuoi Sandra di Indovina chi viene a cena sta facendo una raccolta quindicinale di pane, il tuo sarebbe perfetto? Mi spiace ma dallo SMP non riesco a metterti il link diretto.
    Un abbraccio.
    Alice

    RispondiElimina
  23. aspettare che il giorno arrivi e sentire i rumori di un mondo che ancora dorme, quei rumori che magari non senti di giorno perchè il correre frenetico ti assale.... che bello, e poi mettersi a impastare? credo sia stata una mattinata quasi perfetta Giovanna: bellissimo il pane con queste farine, bellissima l'alveolatura... mi immagino il profumo.... una tazza di tè? si grazie, sceglie tu, io mi siedo e ti aspetto!!
    baci
    Sandra

    RispondiElimina