lunedì 27 gennaio 2014

Cosce di pollo all'aglio, limone ed erbe aromatiche

Cosce di pollo all'aglio, limone ed erbe aromatiche

Buongiorno a tutti, trascorso un buon fine settimana? Il mio è stato molto attivo, mi sono dedicata ad una serie di cose, cucina compresa.
Una serie di cose, fra le quali il rimettere ordine nelle librerie.
Ormai i libri sono talmente tanti, ma tanti davvero, che non ci stanno proprio più.
Una terza libreria è impensabile, ne ho già due a parete, più qualche etagere, forzatamente trasformata in libreria, e a meno che non voglia mettere i libri negli armadi, o nel frigorifero, devo prendere qualche provvedimento.
Ma con calma. Molta calma. 
Poi,  ho ripreso i i bulbi messo a letargo ad ottobre.
Come suggerito in serra, li ho messi a riposo in autunno e ieri li ho innaffiati.
Fioriranno? Non fioriranno? Mah, vedremo!


Cosce di pollo all'aglio, limone ed erbe aromatiche

Eppoi, eppoi, tè, una passeggiata. Dopo tanti giorni di grigio, il sole era troppo invitante per rimanere a casa.
Al ritorno, dopo il parco, muffin dolci, preparati apposta per il rientro, tè verde cinese e Balzac.
Ormai, sono presissima dalla Commedia Umana, e come finisco un libro, ne comincio un altro.

Il pollo, della ricetta di oggi, invece, l'ho preparato lo scorso autunno. La mia intenzione era di fare un semplice pollo in casseruola, per il quale occorrono pochi, pochissimi ingredienti, fra i quali l'aglio.
Dunque, quel giorno era andato a fare la spesa mio marito. Nella lista c'erano gli agli, rosa francesi.
Ora scrivendo agli rosa francesi, si può pensare che noi andiamo a fare la spesa in qualche posto di nicchia, elegante e gourmand.
Affatto, questi agli, sono, anzi erano visto che da qualche tempo non li trovo più,  regolarmente in vendita in un grande supermercato.
Mio marito, invece, mi portò una treccia di agli, per niente rosa e molto poco francesi.
A parte che quella qualità non mi piace, la quantità era gigantesca. Immaginate una trecciona di agli.
A parte la bagna cauda e sconfiggere un eventuale attacco di vampiri, :-) cosa potevo farci?

La lettura di Donna Hay Magazine mi ispirò la ricetta. Nella rivista c'era un articolo dedicato a ricette a base di aglio, fra le quali quella di un cosciotto di agnello.
La sua, però, preparata con aceto di malto e zucchero di canna, era di stampo più orientale, io preferii dare al mio pollo un'impronta più mediterranea, e all'aglio e rosmarino, abbinai timo, limone bio e scalogno.

La ricetta è semplicissima, direi banale, ovvero ho marinato le cosce di pollo nel succo di limone, grani di pepe rosa, pepe nero, rosmarino, timo, scorza di limone grattugiata e un filo d'olio extravergine, dopo un paio d'ore le ho cotte in forno con il succo della marinata, aglio, moltissimo aglio ed erbe aromatiche.
Il pollo era buonissimo, la marinatura lo aveva reso molto morbido, gli agli, le erbe aromatiche e il succo di limone, conferito un sapore delizioso e molto interessante. Abbinato alle zucchine alla scapece, come nel mio caso, è un piatto completo e molto molto gustoso.
Tè? Certo, tanto tè! In questo caso un nero cinese, il Grand Keemun, dalle note tostate, ottimo con il pollo e il suo condimento.

Cosce di pollo all'aglio, limone ed erbe aromatiche

Cosce di pollo all'aglio, limone ed erbe aromatiche

tempo di preparazione: 20 minuti, più la marinatura
tempo di cottura: 35 minuti

ingredienti per 2 persone:

2 cosce di pollo,
15 spicchi di aglio,
uno scalogno,
un limone bio,
rosmarino e timo,
olio extravergine di oliva,
pepe nero,
bacche di pepe rosa,
sale.

Lavate, asciugate e prelevate la scorza di mezzo limone, poi spremetelo tutto. In un recipiente unite il succo del limone, la scorza tagliata sottilissima, qualche bacca di pepe rosa leggermente schiacciata, pepe nero macinato al momento, 2 cucchiai di olio extravergine, un aglio tagliato a fettine sottili, qualche rametto di timo e rosmarino.
Con una frusta emulsionate la marinata, ponete in una terrina le cosce di pollo lavate ed asciugate, copritele con la marinata, eventualmente girate le cosce in modo che si impregnino bene della marinata.
Coprite con la pellicola e ponetele per circa 2 ore in frigorifero.
Quindi, prelevate le cosce, ponetele in una teglia, unite gli spicchi di aglio, lo scalogno tagliato a fettine sottili, qualche rametto di timo e rosmarino, qualche bacca di pepe rosa schiacciata, il pepe nero macinato al momento, la marinata filtrata, salate e ponete in forno preriscaldato a 180° e cuocetelo per circa 35 minuti, girando un due, tre volte.
Una volta pronto conditelo con un trito di erbe aromatiche e sale.

Cosce di pollo all'aglio, limone ed erbe aromatiche

Abbinamento col tè, Nero cinese, con le sue note tostate è perfetto con l'aromaticità del pollo.

Alla prossima!

Buona settimana!

Giovanna

18 commenti:

  1. Banale?! Vi è venuta voglia di mangiarle a quest'ora.

    Ho lo stesso problema per la libreria.

    RispondiElimina
  2. Ci crederesti mai che stasera volevo fare le cosce di pollo al limone? Ed ecco che arrivi tu con questa ricettina deliziosa e per nulla banale! <3 Grazie tesoro! <3 Spero proprio che i tuoi fiorellini nasceranno.. io ho passato un fine settimana orrendo e di questi tempi farò così: mi metterò in serra, sforzandomi di bere, per vedere se la primavera mi farà rinascere. TVTTTB

    RispondiElimina
  3. Anche a quest'ora... che fameeeee!!!
    Bravissima Giovanna, magnifici anche gli scatti!!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  4. Il mio w-e rilassante in effetti e quindi carica per la settimana.
    Ma quanto mi piace questa ricetta!!! Ho appena preso le sovracosce!!! La rifò 'sta ricetta profumatissima e mi piace anche la marinatura che in effetti io non faccio mai, ma che ha sempre il suo gran bel perché!
    Labbinamento del the mi manda sempre in estasi e ti giuro che prima o poi li abbinerò!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Non è affatto banale! Mi piace la marinatura di questo pollo. Io non lo marino mai ad esempio, invece sono sicura che meriterrebbe farlo così molto spesso.

    C'era una ricette di nigella credo che per il pollo, pervedeva bel 40 spicchi d'aglio in cottura! :)
    Bacioni

    RispondiElimina
  6. Questo pollo ha un aspetto veramente succulento, che buono!!!!!

    RispondiElimina
  7. Ahh questi mariti...tornano sempre con gli ingredienti sbagliati,farà parte del loro ruolo?Insomma però alla trecciona,hai trovato una buona collocazione:dentro alle cosce del polletto!E mi sa che ci sta proprio bene,immagino il profumo intenso e non vedo l'ora di papparmi due coscette succulenti così!Grazie cara,un baciotto!

    RispondiElimina
  8. hanno un aspetto così invitante, belle croccantine e saporitissime....
    brava Gio!
    un bacione

    RispondiElimina
  9. anche a casa mia siamo stracolmi di libri, ma è così bello non solo leggerli anche comprarli :-P
    come sicuramente saranno ottime queste coscettone di pollo :-P
    un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  10. Mi piace, si, si mi piace!!!
    Il pollo lo marino spesso anch'io, riamane morbido ed assorbe tutti profumi.
    Buona settimana, un abbraccio

    RispondiElimina
  11. io purtroppo l'aio lo dovrò abolire perchè sono intollerante, ma la ricetta me la segno certamente! grazie cara giovanna!

    RispondiElimina
  12. Mi sto leccando i baffi!!!! Che ricetta! Dai tranquilla che i bulbi fioriranno, un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Mi garbano tanto le cosce di pollo e sono sempre alla ricerca di nuove ricette, pertanto mi segno anche la tua che mi sembra veramente squisita e appaga sia gli occhi che il palato

    RispondiElimina
  14. Questa è tutto tranne che una ricetta banale; con aglio e limoni poi il tuo pollo sarà stato addirittura succulento. un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Veramente gustoso, altrochè!!! Complimenti carissima.

    RispondiElimina
  16. Chiamala pure banale, ma questo è un piatto che tutti mangerebbero moooolto volentieri!!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  17. Che buonoe! Mi pare di sentirne il profumo. Un abbraccio, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  18. L'aspetto di questo pollo è fantastico! Perfettamente dorato e croccante! Complimenti, i piatti semplici sono sempre i più difficili!
    Un bacione!

    RispondiElimina