lunedì 13 gennaio 2014

Muffin di farro, con confettura di pere, robiola di Roccaverano e granella di mandorle

Muffin di farro, con confettura di pere, robiola di Roccaverano e granella di mandorle

I primi giorni di gennaio, di solito, o mi sento piena di energia per l'inizio dell'anno, carica di voglia di ricominciare e piena di progetti e idee, oppure, al contrario mi sento un po' stanca, demotivata.
Novembre, dicembre sono mesi bellissimi, carichi di aspettativa.
Colorati, non per le luci del Natale, ma per quelle molto più affascinanti e interessanti regalati dalla natura.
I colori aranciati sono diffusissimi e una semplice passeggiata, anche in un piccolo parco, è piacevole, rasserenante.
Gennaio, invece, mi è sempre sembrato un mese spento. Senza più i bei colori dell'autunno, senza più l'aspettativa delle feste, spesso piovoso o, come quest'anno buio.


E allora che fare? Semplice, dedicarsi alle attività preferite. Fare una passeggiata in mezzo alla natura e scoprire che anche in questa stagione ci sono tante cose belle da vedere e osservare.
Leggere un libro sorseggiando un tè nero caldo e speziato.
Andare a visitare una mostra, personalmente ho una lunga lista, Pollock in testa.
Preparare un pranzetto succulento, di quelli che piacciono tanto a me, ovvero lunghe cotture, le pentole che borbottano sui fornelli, i vetri della cucina appannati, la voglia di mettersi a tavola e mangiare, finalmente, quel piatto che da ore col suo profumo stuzzica tutti i sensi.

Muffin di farro, con confettura di pere, robiola di Roccaverano e granella di mandorle

In questi giorni, per la verità, mi sto dedicando poco alla cucina, ma moltissimo alla lettura e al tè.
Ho cominciato l'anno con la letteratura francese e con Balzac.
Prima ho letto Il parroco di Tours, un romanzo breve o un racconto lungo, a seconda delle preferenze.
Acquistato qualche anno fa, messo da parte in attesa di finire il libro in corso, poi lasciato ancora sugli scaffali per quel libro che volevo proprio rileggere, poi per quell'altro ispirato dalla lettura del precedente.
Insomma, un lungo tira e molla che ha fatto finire il libro in un punto della libreria poco in vista, fino a dimenticarmene completamente.
Poi, qualche giorno fa, per cercare un libro che invece sapevo bene dov'era ma che non trovavo, ho visto questo librino, me ne sono ricordata e ho capito che non potevo più rimandare, dovevo leggerlo.
Insomma, questo libro che alla fine mi ha scelta, si è rivelata una lettura piacevole, adatta a quello che stavo cercando.
In realtà Balzac mi incanta sempre. Adoro le sue esposizioni sulla vita di provincia, le sue descrizioni dei caratteri e dell'aspetto fisico dei personaggi.
Talmente belle e perfette, che a volte sembra di conoscerli realmente.
Dopo Il parroco di Tours ho ricominciato l'ennesima rilettura di Papà Goriot, per poi proseguire con gli altri tomi de La Commedia Umana.

Muffin di farro, con confettura di pere, robiola di Roccaverano e granella di mandorle

Ma tutto questo, gennaio, il mio umore, Balzac, cosa c'entra con i muffin di oggi? Niente, chiaramente niente, anche se, ovviamente è solo una coincidenza, come per il libro di Balzac sono passati diversi anni prima che tra un libro e l'altro cominciassi a leggerlo, così per questi muffin sono passati diversi mesi prima che li postassi.
Ma tra una ricetta e l'altra, mi ero proprio dimenticata, fino a quando dando un'occhiata - e soprattutto mettendo in ordine - l'archivio delle foto, li ho visti.
E rivedendoli ho ricordato la domenica di fine agosto, quando, pochi giorni dopo il rientro delle vacanze, li preparai.
Nel mio ricordo, avevo trascorso alcune domeniche in grande relax, ma un relax mentale, visto che a tutte le incombenze che ci sono da fare al rientro delle ferie, lavoro compreso, non smettevo di cucinare e fotografare.
E in una di quelle domeniche di "relax" una domenica di pioggia, quando accendere il forno era piacevole, sfornai questi muffin.
Anche se sembrano dolci, in realtà sono salati. L'idea è nata quando ho ricevuto una confettura di pere. Non appena vista, mi era venuta subito un'idea.
Poi, il gran caldo mi aveva indotta a desistere, destinando quell'idea all'autunno, per la cronaca ancora non l'ho realizzata. :-)
Però, la voglia di realizzare un qualcosa di salato con la confettura di pere mi era rimasta, così, quando al mercato di Lonato, alla mia solita bancarella dove acquisto mieli e confetture, avevo visto un barattolo piccino piccino di confettura di pere, l'ho acquistata pensando a dei muffin.
Poi, una sensazionale robiola di roccaverano, la granella di mandorle e la farina di farro hanno fatto il resto.
I muffin erano deliziosi. Molto delicati e gustosi, con un piacevole effetto croccante conferito dalla granella di mandorle.
Come tè, abbinai il Rose d'Himalaya, un nero proveniente dal Darjeeling, dalle piacevoli note floreali, in particolare di rosa, assorbito dalla vicinanza di roseti alla piantagione.
Un tè delicato ma persistente, perfetto con i miei muffin.

Muffin di farro, con confettura di pere, robiola di Roccaverano e granella di mandorle

Muffin con confettura di pere, robiola di Roccaverano e granella di mandorle

tempo di preparazione: 15 minuti
tempo di cottura: circa 25 minuti

ingredienti per 12 muffin:

150 g. di farina 00,
150 g. di farina di farro,
90 g. di robiola di Roccaverano,
2 cucchiai di confettura di pere,
25 g. di granella di mandorle,
16 g. di lievito per dolci,
300 g. di latte,
2 uova,
3 cucchiai di olio extravergine.

Setacciate le farine col lievito. Tagliate a dadini la robiola di Roccaverano. In un bacinella ponete le farine setacciate col lievito, unite il latte, le uova, l'olio extravergine, mescolate bene. Aggiungete la granella di mandorle e la robiola di Roccaverano. Mescolate per amalgamare i vari ingredienti.
Ponete la pastella in uno stampo da muffin ricoperto dai pirottini metà impasto. Aggiungete in ogni incavo un mezzo cucchiaino di confettura di pere e coprite con la restante pastella.
Ponete in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti. I muffin devono risultare gonfi e dorati.

Muffin di farro, con confettura di pere, robiola di Roccaverano e granella di mandorle

Abbinamento col tè. Rose d'Himalaya, un nero del Darjeeling dalle note floreali, perfetto con la confettura di pere.

Alla prossima!

Buona settimana!

Giovanna

25 commenti:

  1. Mi piace l'idea del contrasto tra il morbido e il croccante della granella di mandorle.

    P.S. Balzac è sempre piacevole leggerlo.

    RispondiElimina
  2. Tesoro!
    Rieccomi qui un po' più attiva.
    La fine dello scorso e l'inizio di questo anno sono stati un po' travagliati ma ora tutto sta tornando nella norma.
    Sai che adoro i muffin vero?
    Sai che adoro i contrasti dolce e salato.
    Sai quindi che mi sono innamorata di questa tua ricetta?
    Ti mando tanti baci

    RispondiElimina
  3. Un inizio anno lento anche per me, attendo ansiosa i primi cenni della primavera :)
    Tesoro, posso immaginare il piacevolissimo sapore di questi splendidi muffins, brava, ci regali sempre grandi idee!!
    Un bacione e buona settimana!!!

    RispondiElimina
  4. il mio inizio anno è stato decisamente "down" e per ora non se ne vede di risalire la china :(
    spero porti miglioramenti la primavera
    i tuoi muffins salati sono sempre sfiziosissimi
    un bacio buona settimana

    RispondiElimina
  5. anche io all'inizio dell'anno mi sento proprio come te, un dualismo di sensazioni molto opposte. I tuoi muffins devono avere un gusto favoloso, tutto da provare. Che dire, ci regali sempre pensieri, immagini e ricette unici.

    RispondiElimina
  6. Invece io a gennaio mi ritrempo, inizia ad esserci più luce, c'è un bel freddo secco, tutto è più calmo e si ricomincia a mangiare meglio, il fisico ringrazia!
    Per fortuna che hai ritrovato questi muffin, sarebbe stato un peccato non vederli pubblicati.

    RispondiElimina
  7. Anche per me gennaio è un mese un pò così... forse è normale dopo il trambusto del natale. Non c'è niente che lo caratterizzi a pieno se non il fatto che è in inverno ed è tra Natale e Carnevale... però come dici tu la natura ha sempre qualcosa da regalarci e di cui godere. Qui sono arrivate le prime nevicate e forse domani la neve scenderà ancora... vedremo! Intanto vorrei tanto rubarti questi splendidi muffin, io adoro la pera nelle preparazioni salate.
    Un abbraccio
    Alice

    RispondiElimina
  8. dei muffin invitanti con il sapore del farro e le delicatezza delle mandorle
    lia

    RispondiElimina
  9. Devo dire Giovanna che le nostre sensazioni sono state simili .... oggi mi sento gran carica nonostante la stanchezza continui a sovrastarmi. Lotto incessantemente per non averla più addosso!
    Adoro questo contrasto presente anche nei tuoi muffin, mi fanno impazzire.
    bacioni

    RispondiElimina
  10. che buoni questi muffin. profumati e soffici! perfetti per la merenda! ;)

    RispondiElimina
  11. Io Gennaio lo trovo sempre un mese interminabile...quest'anno spero che passi prima, anch'io ho messo a punto qualche strategia per alzare l'umore e far scorrere i giorni più veloci. Muffin molto appetitosi ;-)

    RispondiElimina
  12. Santo cielo Giovanna che visione!!! Non c'è una sola cosa, qui dentro, che non apprezzi (a parte la farina 00 ^_^).
    Anche io ultimamente, obbligata al riposo, mi sto dedicando alla lettura. Mi divido tra lavoro (una parte del mio lavoro la gestisco interamente al computer, per cui questo riposo forzato non ostacola l'operato) e sana lettura. Certo è che se fosse accompagnata da una di queste magistrali bellezze.... beh, sarebbe tutto ancora più piacevole!!
    Bravissima, mi piace molto!! Un abbraccio : ))

    RispondiElimina
  13. qui non sembra nemmeno inverno, sono confusa da questa stagione così strana....Passami un muffin che me lo gusto con calma ! Buona settimana, un bacione !

    RispondiElimina
  14. Che bela idea, deliziosi i tuoi muffin, bellissime le foto. un abbraccio, buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  15. gli inizi sono sempre un pò difficili per tutti, la partenza è un pò lenta, ma poi si riprendono i ritmi e allora vedrai, tutto andrà come prima. Intanto anche se cucini di meno, ma cucini sempre benissimo, come confermano i tuoi muffins, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  16. Particolarissimi questi muffin, molto chic!!!

    RispondiElimina
  17. altra chicca made in Giovanna! sei un fenomeno! bacioni

    RispondiElimina
  18. wow che bella ricetta..ultimamente ho utilizzato spesso la farina di farro perchè mi è piaciuta in molte preparazioni e continuo a comprarla..segno questi,sono davvero carini e sicuramente saporiti..

    RispondiElimina
  19. L'effetto che a te fa gennaio a me lo fa settembre, strano vero?
    Adoro questi muffin!
    Dolce, salato, saporito e croccante
    un connubio da favola :)
    Baci

    RispondiElimina
  20. Io vengo per la merenda!!! :) Sono troppo belli questi muffins Giovanna!
    Ti auguro una buona serata!

    RispondiElimina
  21. Ciao Giovanna! Le mie vacanze sono finite e non potevo non passare a farti un salutino!
    Domani mi prenoto per far colazione coi tuoi favolosi muffin!!!
    Un bacione :)

    RispondiElimina
  22. Gli ingredienti di questo muffin sono a dir poco perfetti, tutto quello che potrei desiderare :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
  23. Meravigliosi questi muffin, gustosi, originali e belli, grazie anche delle dritte letterarie!

    RispondiElimina
  24. bellissime foto, infondono serenità e...mi viene una voglia di rubare uno di quei golosi muffins!!!!!!!
    bacioni e buona domenica amica mia

    RispondiElimina