lunedì 10 marzo 2014

Involtini con uva passa, pinoli, aglio, prezzemolo, cotti in salsa di pomodoro

Ragù 4

Qualche tempo fa, una mia amica, di ritorno da un viaggio mi ha regalato delle specialità regionali acquistate in loco.
Fra le varie cose, c'erano le orecchiette, era stata anche in Puglia, e sapendo quanto mi piacciano, ha pensato di portarmele.
Certo, non fresche, ma lei non prevedeva di rientrare subito, ma prese in un pastificio, che produce pasta artigianale, erano comunque buonissime.
Poiché a me piace condividere le cose mangerecce con le persone che me le regalano, ho pensato di fare un sugo come in Puglia, ovvero con involtini di carne.
Anche se mangio poca carne, avevo in programma di fare gli involtini secondo la ricetta napoletana, e avendo a disposizione le orecchiette ho pensato di unire le due cose.
Dunque, involtini come a Napoli, ovvero, farciti con uva passa, pinoli, aglio, prezzemolo, qualche scaglia di parmigiano e qualche altra di pecorino romano.
La presenza dell'uva passa non addolcisce la preparazione, ma conferisce un sapore particolare, davvero buono.

Questo stesso ripieno, a Napoli, lo utilizziamo anche per preparare le polpette.
La sapidità del pecorino, stempera la (poca) dolcezza dell'uvetta, l'aglio e il prezzemolo conferiscono una nota decisa e il sapore è molto interessante.
Il sugo l'ho preparato con la passata di pomodoro, chi passa da queste parti sa che utilizzo solo frutta e verdura di stagione, e in inverno, non farei mai, ma proprio mai, un sugo con i pomodori freschi.
Se per questo non compro proprio pomodori freschi e nemmeno peperoni, melanzane, fagiolini e così via.
Dicevo passata di pomodoro, cipolla dorata, olio extravergine. Che ho utilizzato per cuocere gli involtini e dopo per condire le orecchiette.
Gli involtini li faccio cuocere a lungo, mi piacciono morbidi e mi piace il sapore che la carne conferisce al sugo.
Come sempre, per rendere il sugo molto saporito, ma nel contempo leggero ho cotto la cipolla, tritata finemente in olio extravergine e un paio di dita di acqua.
In questo modo la cipolla si ammorbidisce e nel contempo cede tutti i suoi aromi all'acqua.
Quando l'acqua si è consumata tutta, verso la passata e proseguo.
Ecco, oggi prima di proseguire, mi soffermerei sull'olio extravergine utilizzato.
Ricordate con quanto entusiasmo lo scorso anno avevo scritto dell'olio extravergine dell'Azienda Agricola Doria, e del Roggianella?
Ebbene, anche quest'anno, li ho ricevuti. Il primo che ho aperto, lasciandomi guidare dall'istinto, è stato il Roggianella.
Come sempre, l'ho assaggiato su una fetta di pane leggermente tostato.
Già dalla consistenza e dal profumo si percepiva quanto fosse buono. All'assaggio, la sua intensità, il suo carattere, la sua forza si percepiva tutto.
Decidere di utilizzarlo in un sugo dai sapori robusti è stato immediato, ed un successo.
Il sugo era buonissimo e il Roggianella ha regalato al sugo la sua intensità e la sua forza.
Anche la mia mia amica l'ha apprezzato moltissimo.
Così, come ha gradito l'abbinamento col tè.
Per un piatto dai sapori complessi, e considerato che la mia amica non è molto avvezza al tè e all'abbinamento con i piatti salati, ho optato per il Grand Keemun, un nero cinese che amo moltissimo.
Le sue note tostate erano perfette con il sugo e la mia amica l'ha bevuto per tutto il pasto....

Ragù 5

Involtini con uva passa, pinoli, aglio, prezzemolo cotti in salsa di pomodoro

tempo di preparazione: 30 minuti,
tempo di cottura: 3 ore circa,

ingredienti per 4 persone:

per il sugo:

1kg di passata di pomodoro,
1 cipolla dorata media,
olio extravergine Roggianella, Azienda Agricola Doria
sale,

per gli involtini:

6 fette di scottona piemontese,
scaglie di parmigiano reggiano,
scaglie di pecorino romano,
uva passa,
pinoli,
aglio,
prezzemolo.

Tritate la cipolla al coltello, ponetela in una casseruola capiente, aggiungete 4 cucchiai di olio extravergine, due dita di acqua e fate cuocere a fiamma bassa, fino a quando l'acqua si è consumata tutta e la cipolla è morbida.
Intanto ammollate un cucchiaio di uva passa, asciugatela bene e ponetela in una terrina con un cucchiaio di pinoli, un aglio tritato, qualche ciuffo di prezzemolo tritato.
Mescolate bene. Ponete le fette di carne sul tagliere, ponete al centro, su ognuna, qualche scaglia di parmigiano e pecorino romano. Aggiungete un cucchiaino di composto, sempre al centro. Ripiegata la parte laterale sul composto, in modo che non fuoriesca durante la cottura, quindi avvolgetele e chiudetele con spago da cucina.
Fatele rosolare su ogni lato nell'intingolo di olio extravergine e cipolla.
Unite la passata di pomodoro, salate e portate a cottura. Il sugo deve risultare denso e gli involtini morbidissimi.

Condite col sugo la pasta che avete scelto, e servite gli involtini caldissimi abbinati a cime di rapa saltati in padella.

Involtini con uva passa, pinoli, aglio, prezzemolo, cotti in salsa di pomodoro

Abbinamento col tè. Grand Keemun, nero cinese, dalle note tostate, perfetto con sughi a base di carne.

Alla prossima!

Buona settimana!

Giovanna

25 commenti:

  1. Quanto amo gli involtini alla napoletana... e nel sugo in cui son cotti poi condirci la pasta... un must che mi ricorda le domeniche a casa di mamma:) squisiti gio:*

    RispondiElimina
  2. Quei piatti della tradizione che ci accompagneranno sempre!!!! baci

    RispondiElimina
  3. Ciao! A me piace moltissimo portare a casa i prodotti tipici quando vado in vacanza, e anche riceverli dagli amici ovviamente! Un'altra cose che acquisto sempre è un libro di ricette. Buonissimi gli involtini e l'idea di abbinarli alle orecchiette da mangiare insieme agli amici!

    RispondiElimina
  4. Favoloso preso nota anche se il tipo di carne da noi è introvabile.
    Mi sai dire dove posso trovare questi the particolari ...grazie e buona settimana.

    RispondiElimina
  5. Giovanna che piatto meraviglioso e ricco, questo sugo è assolutamente da rifare! Un bacione

    RispondiElimina
  6. un piatto meraviglioso dove le immagini parlano da sole.......
    chissà che bontà!
    Un abbraccio cara e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  7. Li ho mangiati gli involtini alla napoletana e mi sono molto piaciuti.

    RispondiElimina
  8. da napoletana,li conosco bene e sono la fine del mondo!!!

    RispondiElimina
  9. Anche io mangio poca carne tutto sommato...ma di fronte ad una preparazione così non resisto!
    Proposta super appetitosa! ;)
    Un bacione!

    RispondiElimina
  10. fanno tanto domenica in famiglia, che voglia ! Buona settimana, un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Mmmmmhh Giovanna.... devono essere davvero sfiziosi. Sono piatti che parlano, questi! Complimenti.

    RispondiElimina
  12. degli involtini particolari per la presenza dell'uvetta, sinceramente non conoscevo questa specialità napoletana, ma saranno sicuramente squisiti vista la bontà della cucina partenopea. Buonissime le tue orecchiette, la tua amica avrà gradito moltissimo.

    RispondiElimina
  13. Gli involtini alla napoletana li devo assolutamente provare, mi incuriosisce l'utilizzo dell'uvetta passita. E quel sugo con quelle orecchiette è proprio un matrimonio perfetto!

    RispondiElimina
  14. Gli involtini così me li faceva la mamma di mia mamma e oggi li fanno i miei suoceri... e sono buonissimi!!!! Un bascione!!!

    RispondiElimina
  15. Un sugo perfettissimo nel quale mi vien voglia non solo di poter far scarpetta con il tuo pane meraviglioso, ma anche di condirci un gran piatto di quelle orecchiette che si intravedono nelle tue foto!!!
    Gli involtini sono uno spettacolo e quell'uvetta mi incuriosisce parecchio...

    RispondiElimina
  16. mia mamma impazziva per farmi mangiare gli involtini , povera!!!! ma si cambiano i gusti nel tempo ,questi li assaggerei , un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  17. quasi quasi vengo a cena da te e porto il pane per la scarpetta :) davvero appetitosi con quel tocco dolce dell'uvetta. un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  18. Questi involtini sono sfiziossimi , irresistibile per me. Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  19. Favolosi questi involtini, mi piacerebbe intingere una bella fetta di pane in quel bel sugo denso e saporito :)
    Un bacione

    RispondiElimina
  20. in questo post mi sento mooolto a casa! brava ben fatto, orecchiette pugliesi con "braciolette" alla napoletana, un bel mix! ;)

    RispondiElimina
  21. Caspita, un pranzo che fa festa!! Buono buono cara Giovanna... a guardar le tue foto mi è venuta fame!!!
    Un bacione!!!!!!

    RispondiElimina
  22. beh...qui litigheremmo tutti per dividerci fino all'ultimo boccone!! che bontà che sono!! bacioni ma chérie

    RispondiElimina
  23. Mi ci tufferei in quel tegame per quanto son buoni!

    RispondiElimina
  24. Meravigliosa ricetta!!! :)
    Complimenti!
    Ila

    RispondiElimina
  25. Involtini decisamente invitanti ! Ingredienti di prima qualità, complimenti per la ricetta ! un abbraccione !

    RispondiElimina