giovedì 6 marzo 2014

Uova strapazzate all'erba cipollina con arrosto di culatello Lenti

Uova strapazzate all'erba cipollina con arrosto di culatello

Il profumo delle mimose aleggiava nell'aria. La giornata era splendida, ma gelida.
Mi incontrai, come sempre, con i miei colleghi-amici nella stazione, per poi raggiungere tutti insieme la facoltà.
Quel giorno io e le mie amiche, chiamarle colleghe è riduttivo, eravamo particolarmente euforiche.
Era la festa della donna, sentivamo la primavera nell'aria, eravamo quasi alla fine degli studi e continuavamo a parlare del nostro futuro, del lavoro che avremo intrapreso, senza dimenticare che era l'otto marzo, una data che per noi aveva una grande importanza.
I nostri amici, anche  loro chiamarli colleghi è riduttivo :-), seppure inizialmente contagiati dal nostro entusiasmo, in breve iniziarono ad annoiarsi.
Noi, imperterrite, continuavamo a parlare della festa della donna, ma non della parte consumistica, a quella non eravamo interessate, ma del suo reale significato.
In un attimo, eh si la parlantina non mancava a nessuno, snocciolammo tutta le lotte, le rivendicazioni, il desiderio di emancipazione, senza trascurare Florence Nightingale e l'episodio dell'incendio nella fabbrica di New York.
I nostri colleghi erano in panne, lo dimostravano i sbadigli e la camminata sempre più veloce per raggiungere la facoltà.
Pensavano di liberarsi dei nostri "noiosi discorsi da donne" e invece una volta in sede, dovettero ricredersi.
Mimose dappertutto. Colleghe che si scambiavano la mimosa e volantinavano vari cortei. Discorsi su per giù simili ai nostri. 
Anche noi c'eravamo scambiate la mimosa quella mattina, e la mostravano orgogliose nei capelli.

Fu una giornata memorabile. Non che tra noi colleghe ci fossero screzi, artriti o inimicizia, ma quel giorno ci sentivamo tutte unite, accomunate da questa giornata speciale, che negli intenti di tutte, non doveva essere solo una giornata, ma un modus vivendi.
Tutte noi, pensavamo alla realizzazione professionale. Chi, come me, era in dirittura d'arrivo, pensava già al lavoro, le altre al futuro.

Con le mie amiche, decidemmo di cenare insieme e dall'anno successivo, impegni permettendo, iniziammo a fare colazione tutte insieme.
Ci scambiavamo la mimosa, parlavamo di noi, dei nostri primi, talvolta piccoli, passi, in quel mondo che ai nostri occhi appariva dorato, il lavoro.

Poi, iniziammo a perderci di vista e mano a mano, come i quattro amici al bar di Gino Paoli, diventammo sempre meno, ma in quel caso, soltanto perché, trasferimenti a parte, era davvero difficile conciliare gli impegni di tutte noi.

Siamo, comunque, rimaste in contatto, di tanto in tanto ci sentiamo e col tempo, abbiamo capito che quella realizzazione che cercavamo e volevamo, alla fine, si l'abbiamo raggiunta.
Cambiando però prospettiva. Ovvero, con gli anni, le esperienze che abbiamo vissuto, il bagaglio culturale e umano accumulato, ci siamo rese conto che siamo delle persone realizzate, contente di quello che siamo diventate, delle passioni che abbiamo continuato a coltivare, dei rapporti umani che con gli anni abbiamo costruito e arricchiscono la nostra vita.
Ormai sono anni che ci ripromettiamo di ritrovarci tutte quante, il giorno della festa della donna, e fare colazione insieme, parlando, come sempre dei nostri progetti, linfa vitale,  e delle nostre vite.

Prima o poi lo faremo, io intanto, ho iniziato a pensare alla colazione. Uova strapazzate, con formaggio ed erba cipollina, arrosto di culatello Lenti, muffin - poi vi darò la ricetta - e tanto tanto tè.
Un piatto semplice, ma gustoso, che ci permetta di poter conversare senza dover dedicare tempo alla cucina.

Le uova le ho preparate con parmigiano reggiano ed emmentaler grattugiato, una volta pronte, le ho aromatizzate con erba cipollina.
Per rendere il piatto più completo e gustoso, ho abbinato l'arrosto di culatello della Lenti, leggero, morbido e aromatico, una vera prelibatezza.
Tè, tantissimo tè. In questo caso l'English Breakfast, un blend perfetto con i cibi salati.
Anche questa ricetta la potete leggere nel Ricettario eclettico, sempre più ricco di ricette dedicate a giornate "speciali"! :-)


Uova strapazzate all'erba cipollina con arrosto di culatello

tempo di preparazione: 10 minuti,
tempo di cottura: 5 minuti

ingredienti per 4 persone:

6 uova,
200 g. di arrosto di culatello Lenti,
un cucchiaio di parmigiano grattugiato,
un cucchiaio di emmentaler grattugiato,
qualche stelo di erba cipollina,
latte q.b.
pepe nero,
sale.

Sgusciate le uova, aggiungete 3 - 4 cucchiai di latte, salatele e sbattetele fino ad ottenere un composto omogeneo.
Riscaldate una padella, spennellatela con olio extravergine, e versatevi il composto di uova e latte.
Fate coagulare, quindi abbassate la fiamma e con l'ausilio di un cucchiaio di legno, iniziate e strappare le uova.
Aggiungete i formaggi, un po' di erba cipollina e continuate a mescolare.
Quando le uova risultano coagulate, ma morbide e soffici, pepatele, mescolatele ancora, quindi servitele subito, aromatizzandole con la rimanente erba cipollina e accompagnate da fette di arrosto di culatello, affettato sottile.

Uova strapazzate all'erba cipollina con arrosto di culatello

Abbinamento col tè. English Breakfast, un blend nero, ideale con i piatti salati.

Alla prossima!

Giovanna

23 commenti:

  1. gustoso e raffinatissimo brunch oggi :)

    RispondiElimina
  2. Adoro i tuoi racconti Giovi.. Sono davvero irresistibili.. Il futuro i progetti, l'emancipazione, sono la linfa che mi dà la forza di andare avanti.. grazie:)
    la colazione per la festa della donna direi che è una colazione da campioni e per questo mi piace!
    :*

    RispondiElimina
  3. adoro le uova in tutti i modi! e il culatello arrosto? mhhh papille gustative in festa proprio!
    p.s.: ti auguro di ritrovare le tue amiche, perchè come di dici tu sono linfa vitale!

    RispondiElimina
  4. Trovo bellissimo ritrovarsi ogni tanto con chi non si può frequentare giornalmente...con una colazione del genere io organizzerei al volo!!! Buona giornata!

    RispondiElimina
  5. E' molto bello quello che scrivi Giovanna...e ottime sono anche (come sempre) le tue proposte culinarie!
    Un bacione<3

    RispondiElimina
  6. Sai io quest'anno, il primo anno dopo molti stavo pensando di boicottare la festa della donna xche le solite amiche con cui uscivo a cena o non ci sono, o hanno altri impegni, o ... così con un po' di amarezza mi sono ritrovata a pensare che con il passare del tempo è facile che vada a finire così.Eppure mi voglio aggrappare, ancora per un po', al pensiero che saremo amiche per sempre, e che ci ritroveremo tra svariati anni, unite come prima.
    Bando alla malinconia, questa colazione, per me amante del salato, è da urlo!Adoro aromatizzare le uova strapazzate, diventano ancora più golose!Un bacione <3

    RispondiElimina
  7. Bello sempre leggerti. Bella ance l'idea ... e oltremodo bellissimo tutto, è una tavola stupenda!

    RispondiElimina
  8. Rileggendo il tuo post mi hai fatto ricordare anche a me quegli anni e come scrivi era "una data che per noi aveva una grande importanza". Col tempo sembra aver perso quel valore in cambio di una festa consumistica. A parte questo la tua colazione è un richiamo alla primavera.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  9. Che bello il tuo racconto un po' mi ci sono ritrovataLe tue uova strapazzate con il culatello arrosto sono strepitose . Un abbracio Daniela.

    RispondiElimina
  10. che bel post e che belle le tue parole cara Giovanna!
    Le uova strapazzate le cucino sempre troppo poco, dovrei rimediare, che ne dici?!
    Ottima la tua versione profumatissima!
    Baci

    RispondiElimina
  11. Ho letto tutto il tuo post e ne sono rimasta molto affascinata :)
    Oggi la giornata delle donne si sente un po' meno (almeno tra le mie coetanee) ma io non vedo l'ora di preparare una bella mimosa da condividere con le amiche :)
    Un bacione :)

    RispondiElimina
  12. un bellissimo racconto, è favoloso riuscire a ritagliarsi del tempo con le persone del cuore e che accogliente il tuo brunch

    RispondiElimina
  13. bellissimo post Giovanna, brunch compreso ! Un bacio grande

    RispondiElimina
  14. Le uova son favolose, le foto stupende, ma la cosa che mi è piaciuta di più è il tuo racconto, è stato come tornare indietro nel tempo, grazie
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. io non ho mai festeggiato, quest'anno è coinciso che con le mie amiche ce ne andiamo il pomeriggio di domenica, in un centro benessere. Il tuo brunch è molto gustoso e tanto nutriente!!!

    RispondiElimina
  16. Che bei ricordi ci hai regalato giovanna:* il tempo passa, ma l'affetto resta a dispetto della vita che cambia e del tempo che ci sfugge di mano.... splendida proposta... fresca, colorata e buonissima:*

    RispondiElimina
  17. Che bei ricordi ci hai regalato giovanna:* il tempo passa, ma l'affetto resta a dispetto della vita che cambia e del tempo che ci sfugge di mano.... splendida proposta... fresca, colorata e buonissima:*

    RispondiElimina
  18. che bel post...guardarsi indietro e sentire di aver raggiunto, in qualche modo, i propri traguardi è davvero una grande soddisfazione ed è bello che le amicizie restino anche senza vedersi. Nel frattempo anche noi ci godiamo questo gustosissimo brunch

    RispondiElimina
  19. Se penso agli anni dell'università non mi sarei mai immaginata come sono ora. Forse la "me stessa" di allora non sarebbe molto soddisfatta. Ma probabilmente la chiave e proprio la prospettiva con cui si guarda al futuro e agli obiettivi raggiunti, anche se diversi da quelli decisi in passato. E' davvero molto bella l'immagine che racconti, mi sembra di vedervi. Buona festa della donna!

    RispondiElimina
  20. i tuoi post lasciano sempre qualcosa nel cuore Giovanna!
    e che bella proposta da brunch/breakfast

    RispondiElimina
  21. Quanta delicatezza in questo post! Ottime le uova strapazzate! Io mi devo dare una regolata altrimenti le mangerei a colazione, pranzo e cena ;)

    RispondiElimina
  22. Mmmm quanto mi piacciono le uova!!!! Bravissima

    RispondiElimina