giovedì 4 febbraio 2016

Gnocchi di patate con polpette al sugo

Gnocchi di patate con polpette al sugo 1

Qualche tempo fa ho letto una bellissima intervista rilasciata da Ferzan Ozpetek, un regista che adoro e del quale ho visto quasi tutti i suoi film.
Alcuni, come Le fate ignoranti e Il bagno turco, mi sono piaciuti tantissimo, altri un po' meno, ma tutti i film che ho visto li ho apprezzati.
Nei film di Ozpetek, si mangia, si beve, si condividono momenti di convivialità, si sta a tavola, si chiacchiera (quasi sempre coralmente) così come corali sono i suoi film.
Non è necessario essere un critico cinematografico, per capire che per Ozpetek, la cucina riveste un ruolo importante.
Nei suoi film si parla di cibo, si descrivono ricette, si vedono gli attori cucinare, tritare, tagliare, grattugiare il formaggio, e i piatti presentati sono sempre tantissimi.
Però - ed anche in questo caso non è necessario essere un esperto cinematografico per capirlo - il piatto che il regista ama tantissimo sono le polpette.
Non c'è film dove non siano presenti e talvolta (vedi Le fate ignoranti o Mine vaganti) c'è anche un accenno di ricetta di questo piatto magnifico.
E dopo questa divagazione, prima che mi perdo definitivamente in un suo film, vi racconto che nell'intervista ha ribadito quanto ami la cucina, quanto gli piace fare la spesa, ha parlato della tendenza ad acquistare tutto quello che vede al mercato (oh si, come lo capisco!) e della passione per le polpette, piatto che adora. Chi l'avrebbe mai detto! :-)
Dopo aver letto l'intervista, passeggiato con lui nei mercati romani, rivisto mentalmente i suoi film, mi è rimasta una voglia pazzesca di polpette.
Ma non di polpette veg, che pure faccio ed in casa mia sono apprezzatissime e che spesso presento anche sul blog, ma di polpette di carne, preparate con tutti i crismi, secondo la ricetta canonica napoletana, ovvero vitellone, aglio, prezzemolo, etc,etc.

Polpette col sugo 2

Beh, proprio la ricetta canonica no, perché a Napoli nell'impasto delle polpette andrebbero anche i pinoli e uva passa, e poi dovrebbero essere fritte e cotte nel sugo.
Ma l'uva passa e i pinoli ho preferito non metterli, visto che avevo intenzione di abbinarli agli gnocchi e la frittura, sebbene mi piaccia molto, non è proprio il tipo di cottura che preferisco, per motivi salutistici. Avevo già fatto un - grosso - strappo alla mia alimentazione, due proprio non volevo farne.
Così le polpette le ho precotte nel forno a microonde, utilizzando la funzione crisp, e poi le ho finite di cucinare nel sugo, preparato come sempre, ovvero cipolla stufata in acqua e olio extravergine (in questo modo si appassisce, rendendo il sugo profumatissimo) e passata di pomodoro, in inverno, i pomodori freschi proprio no.
Gli gnocchi li faccio poco prima di servirli in tavola, altrimenti diventano collosi.

Gnocchi di patate con polpette al sugo 5

Gnocchi di patate don polpette al sugo

ingredienti per due persone:

per gli gnocchi:

500 g. di patate,
125 g. di farina,
un pizzico di sale,

per le polpette:

200 g. di carne per tartare,
un uovo,
120 g. di pane raffermo,
parmigiano reggiano reggiano grattugiato,
pecorino romano grattugiato,
un uovo,
un aglio,
prezzemolo,
olio extravergine di oliva,
noce moscata,
sale,

per il sugo:

750 g. di passata di pomodoro,
una cipolla piccola,
olio extravergine di oliva,
sale,

per servire:

parmigiano reggiano,
pepe nero.

Per prima cosa preparate il sugo. Tritate finemente la cipolla, ponetela in una casseruola con 2 cucchiai di olio extravergine e un dito di acqua e cuocete a fiamma bassa, fino a quando l'acqua si è asciugata, la cipolla è morbida e ha rilasciato il suo aroma all'olio.
Aggiungete la passata di pomodoro e un bicchiere di acqua, salate e fate cuocere a fiamma bassa per un paio d'ore, o fino a quando il sugo risulta denso.
Ammollate il pane e strizzatelo, unitelo alla carne trita, aggiungete l'aglio e il prezzemolo finemente tritati, un paio di cucchiai di parmigiano e pecorino grattugiati, l'uovo, un pizzico di noce moscata, salate e ricavate delle polpettine poco più grandi di una noce.
Ponetele sul piatto crisp ricoperto di carta forno spennellato con l'olio extravergine, e cuocetele per circa 6 minuti, girandole un paio di volte. In alternativa, potete passarle in una padella antiaderente velata d'olio extravergine di oliva.
Ponetele nel sugo e fatele cuocere per circa mezz'ora.
Lessate le patate, pelatele, passatele allo schiacciapatate, aggiungete la farina e un pizzico di sale. Amalgamate bene gli ingredienti, quindi prelevate un pezzo di impasto, formate dei rotolini, tagliateli e poneteli su un canovaccio cosparso di farina.
Lessateli in abbondante acqua bollente salata, conditeli col sugo, qualche polpetta e, se piace, parmigiano grattugiato e pepe nero.

Polpette col sugo 4

9 commenti:

  1. A questi gnocchi è impossibile resistere; mi piace molto la tua ricetta delle polpette . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  2. Ferzan Ozpetek piace molto alche a me e apprezzo molto i suoi film proprio per i tanti accenni culinari, come le polpette delle Fate ignoranti che ho provato, deliziose. Come sono deliziose le tue, ho un debole per le polpette e l'idea di abbinarle agli gnocchi mi piace molto.

    RispondiElimina
  3. un piatto unico molto confortante! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  4. piatto unico delizioso, Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. gli gnocchi sono buoni, le polpette pure, insieme sono esplosivi!

    RispondiElimina
  6. un piatto che definire comfort food è d'obbligo !Un bacione

    RispondiElimina
  7. davvero un magnifico piatto unico che sono certo accontenta tutti a casa

    RispondiElimina
  8. Le polpette al sugo sono un vero e proprio comfort food! Bella l'idea di condirci i gnocchi! supergolosità :)

    RispondiElimina
  9. Gnocchi e polpette sono due dei miei cibi preferiti che non avrei mai pensato di unire....grazie per l'idea!!!
    p.s. I film di Ozpetek li devi guardare mangiando anche tu....altrimenti ti viene una fame assurda!!!!!!!!!

    RispondiElimina