venerdì 21 luglio 2017

Di ginseng, radici, spezie, erbe aromatiche & affini

Carote, finocchi e cipolle al vapore, condite ciìon una citronette ai semi di finocchio e semi di zucca

Ormai è un classico: organizzo una visita al museo cittadino, programmo di visitare una mostra, decido con un'amica di fare una passeggiata etc, etc, e aggiungo sempre che dopo il museo, la mostra, il cinema, la passeggiata, possiamo andare a mangiare qualcosa nel baretto del museo, oppure fermarci in un posto che ci ispira, o allungare la passeggiata per andare in quella pizzeria dove ci eravamo trovati così bene.
Poi, strada facendo penso che in fondo in fondo, quello che vorrei mangiare è un piatto di spaghetti e a casa ci sono quei bei pomodorini....Oppure, immagino una fresca insalata, un buon formaggio e un pane fragrante che accompagni il tutto e....a casa mia ci sono! Allora, senza tergiversare propongo ai miei amici un cambio di programma, che dopo qualche scrupolo dettato dalla buona educazione, e prontamente fugato da me, viene accettato con molta gioia. :-)

mercoledì 19 luglio 2017

Estate, tempo di verdure e preparazioni golose......

Zucchine per la parmigiana

Veleggiare verso nuovi orizzonti, navigare a vista, oppure avendo ben chiara la meta, seguire un percorso preciso; no, non sono stanca e non ho bisogno di una vacanza, anche se siamo a luglio e fa caldo. O forse si, una vacanza non guasterebbe, ma sicuramente non è il bisogno di relax ad indurmi a parlare di veleggiare e navigare.

lunedì 19 giugno 2017

Un paio di pomeriggi a passeggio in riva al lago

Nuvole sul lago

I miei desideri erano semplici, quasi banali. Molte, moltissime passeggiate, Cibo semplice. Frutta, frutta secca, formaggi, molte verdure, paste con ragù a base di verdure e visto che era Pasqua qualche uovo in tegamino e tavolette di cioccolato, fondente of course.
Molta lettura, avevo con me libri di Colm Toibin, qualche saggio, qualche libro ci cucina veg. Tè? Oh, yes!
Ero stanca e volevo riposare. Non avevo bisogno di relax, ma proprio di riposo.
Avevamo lasciato una Milano calda, caldissima, anche troppo per la stagione e non avevo previsto il freddo. Si, si, faceva proprio freddo.
In casa il problema era risolvibile. Termosifoni accesi, verdure al forno, tanto tè.
Ma io volevo passeggiare, passeggiare a lungo per Sirmione, sul lungo lago e con tutta la buona volontà, il piumino di 100 g., il trench leggero, un golf (anche questo leggero, sob!) di cachemire, non risolvevano il problema. Al lago si girava con giacconi pesanti, imbottiti.
Però, però, c'era un poncho di cachemire color corallo, nel mio negozio preferito, che nel mio guardaroba ci sarebbe stato benissimo, quello verde era a Milano....
Detto fatto, acquistato il poncho, indossato le Hogan, ho iniziato a passeggiare. Senza macchina fotografica.
Volevo viaggiare leggero.....

lunedì 12 giugno 2017

Panzerotti con mozzarella di bufala e filetto di pomodoro fresco

Ricetta dei panzerotti con mozzarella di bufala e filetto di pomodoro fresco

Grazie, grazie, grazie! Mi avete inondata di messaggi e mail per chiedermi perché non aggiornavo il blog. Ebbene, non c'è alcun motivo a parte che tra una lettura e l'altra, una puntatina al lago etc, etc, etc, non mi ero resa conto che sono passate diverse settimane, o meglio un paio di mesi.
Eppoi, per dirla tutta, mi serviva una pausa. Credo che le pause siano salutari. Servono a maturare, riflettere, valutare, capire, studiare, approfondire.
In questo periodo ho letto diversi libri di Colm Toibin, uno scrittore irlandese celebre per il libro Brooklyn, dal quale è stato tratto l'omonimo film, che non ho visto (ancora? chissà!).
Brooklyn, Nora Webster ed altri. Li ho amati tutti, ma forse io sono di parte, visto che adoro gli scrittori irlandesi. Mi piace il loro descrivere l'Irlanda, il loro sentirsi distaccati e diversi dagli inglesi. L'attaccamento tenace alla loro lingua, alla religione, alle loro tradizioni.
Quello che mi colpisce degli irlandesi è il misto tra passionalità e asciuttezza. A parte il grandissimo Joyce, adoro Colum McCann, una felicissima scoperta di questi ultimi anni e adesso Colm Toibin.

mercoledì 12 aprile 2017

Torta pasqualina con ricotta di pecora e carciofi mammole

Ricetta della torta pasqualina con ricotta di pecora e carciofi mammole

La torta pasqualina è un classico che non richiede presentazioni. Tipica ricetta ligure del periodo pasquale, come tutte le ricette regionali presenta moltissime varianti.
La ricetta originale, almeno a detta di una serie di riviste che ho consultato e di libri specializzati in cucina regionale, prevede una sfoglia fatta con farina, olio extravergine di oliva e acqua, in pratica la pasta matta, farcita con prescinseua, erbette o carciofi e uova.
Simboli della Pasqua e della Liguria, l'olio extravergine è un'eccellenza della regione, Albenga, fra le altre cose, è rinomata per i carciofi spinosi, la prescinseua è un formaggio tipico ligure, le erbette sono una verdura primaverile, le uova il simbolo della rinascita.
La farcitura, come uso nella cucina ligure, è arricchita da erbe aromatiche, in particolar modo dalla maggiorana, che si sposa benissimo con la ricotta, il latticino che attualmente ha sostituito la prescinseua, e con i carciofi.

lunedì 10 aprile 2017

Menù Pasquale Veg

Ricetta della vellutata di asparago di Badoere, spinacini e formaggio fresco

Domenica è Pasqua e non è che stia pensando a menù particolari, in realtà non sto pensando a nessun menù, l'unica idea che ho è di comprare delle verdure che mi ispirano e poi fare un ragù di verdure, come ho fatto un paio di settimane fa, quando complice un po' di tempo a disposizione, sono riuscita a fare una capatina al lago.
Verdure a parte, farò qualche hummus, ma quelli li preparo sempre e non sono certamente una novità e nemmeno una pietanza particolare, non preparerò, ovviamente il casatiello, ma per dirla tutta, è già qualche anno che non lo faccio.

lunedì 3 aprile 2017

Risotto ai carciofi con semi di lino, zucca e sesamo, zafferano e uova sode

Ricetta del risotto ai carciofi con semi di lino, zucca e sesamo, zafferano e uova sode

Tra un giro al lago e un congresso di cucina, da queste parti si continua a cucinare. Anzi si cucina molto e si mangia anche bene. E si fanno anche un sacco di cose, tipo passeggiare, lavorare, leggere, ascoltare musica, in una parola vivere.
In verità, in questi giorni sto leggendo per lo più riviste, da quando ho terminato la lettura di Una vita come tante, non ho ancora deciso né cosa voglio leggere e non ho nemmeno voglia di intraprendere un'alta lettura.
Una vita come tante è stato un libro molto importante per me, molto bello, molto impegnativo, non per la mole (più di 1100 pagine), ma per gli argomenti e come tutte le cose importanti, richiede un periodo di decantazione e riflessione.
La ricetta di oggi, fa parte di una serie di risotti che ultimamente sto preparando per cena. Veloci, sbrigativi, buoni e ricchi di cereali, verdure, semi.

lunedì 27 marzo 2017

Identità Golose 2017, La Forza della Libertà: Il Viaggio

Identità Golose 2017, La Forza della Libertà: Il Viaggio

Un tema importante - e quantomai attuale - quello dell'edizione 2017 di Identità Golose, La Forza della Libertà: il viaggio. Viaggio metaforico, reale, nella memoria.
Viaggio inteso come scambi culturali, conoscenza, arricchimento, crescita interiore. Viaggio che travalica confini, muri e barriere.

lunedì 20 marzo 2017

Antico Verbano Ristorante e Lago Maggiore

Antico Verbano Ristorante e Lago Maggiore

Un pomeriggio, un semplice pomeriggio di fine inverno che grazie alla bellezza del Lago Maggiore e alla bontà del cibo del Ristorante Antico Verbano, si è trasformato in una piacevole parentesi, una pausa dalla quotidianità.
Ma andiamo con ordine. 
La scorsa settimana ho partecipato all'inaugurazione dell'Antico Verbano Ristorante, situato a Meina, un delizioso paesino situato sul lago Maggiore.
Alla guida del Ristorante vi è lo chef Sami che da Ginevra, la sua città Natale, parte alla volta di Londra, Parigi, Stresa, Milano, la Costa Azzurra, il Qatar, dove guida le brigate di importanti cucine.
Adesso la sua bravura, la sua esperienza, la sua professionalità lo hanno portato a Meina, dove dirige la brigata dell'Antico Verbano Ristorante, un autentico gioiello, incastonato in un luogo incantevole.
Affianco al ristorante vi è il bistrot, dove, una volta approdati dopo una gita in battello sul lago, siamo stati accolti dall'aperitivo.

martedì 14 marzo 2017

Filoncini integrali di farro al cacao con nocciole e semi di girasole

Ricetta dei filoncini integrali di farro al cacao con nocciole e semi di girasole

Avevo intenzione di preparare questo pane già dalla scorsa estate: una tavoletta di cioccolato fondente e una robiola fresca, mi avevano fatto venire voglia di preparare un pane al cioccolato e spalmare la robiola sul pane.
Poi, vuoi perché un pane al cioccolato non si confaceva troppo alla stagione estiva, vuoi perché la scorsa estate la voglia di impastare non si confaceva al caldo e al mio desiderio di trascorrere ore fuori casa e non in cucina ad impastare, la preparazione del pane è stata procrastinata fino ad un giorno di dicembre, nel quale c'era la voglia di mettere le mani in pasta, c'era una robiola fresca fresca da spalmarci sopra e c'erano anche le temperature giuste, pioveva pure, ma questo, tranne che creare atmosfera è ininfluente, o forse no, visto che l'umidità è amica della lievitazione.

mercoledì 1 marzo 2017

Carciofi sardi farciti con provolone dolce, pinoli, timo, aglio e pepe

Ricetta dei carciofi sardi farciti con provolone dolce, pinoli, timo, aglio e pepe

Ricettina facile e veloce, ma molto, molto golosa. Okkei, aggiungo pure che io sono golosa di carciofi e farciti mi piacciono davvero molto. 
Qualche giorno fa, mentre decidevo se fare i carciofi in umido, oppure con la pasta, mi sono presa una pausa, ho fatto il tè, ho messo "Magical Mystery Tour" nel lettore cd e ho iniziato a sfogliare un vecchio numero di DHM, lo sapete adoro lei e la sua rivista e di tanto in tanto rileggo i vecchi numeri.

mercoledì 22 febbraio 2017

Fusilli integrali con ragù di radicchio tardivo, ceci e nocciole

Ricetta dei fusilli integrali con ragù di radicchio tardivo, ceci e nocciole

Questo mese il Book Club si terrà a casa mia. Cominciato qualche anno fa, quando ci incontravamo saltuariamente e (fra le altre cose) parlavamo dei libri che avevamo letto, amati o meno, poco importava, se si ama leggere, si ama anche commentare, lodare, criticare ciò che si legge.
Piano piano gli appuntamenti sono stati mirati a parlare di libri e questo mese festeggeremo una data importante.
Un anno. Un anno di Book Club "ufficiale". Un anno di incontri (e talvolta parlando dei libri letti di scontri). Dodici libri letti, commentati, amati follemente, iniziati con passione e terminati con indifferenza, iniziati perché proposti dagli altri e finiti con amore.
E un anno va celebrato. La mia amica che ama i dolci eleganti, suadenti, porterà una torta, non home made, ma acquistata in un elegante negozio del centro, nei pressi dello studio dove lavora.
L'amico che ha scoperto una passione folle per la cucina, oltre che per i libri, preparerà pane e focacce etc etc.
E poi frutta di stagione, biscottini da accompagnare al tè. Pasticcini piccoli e carini e piccola pasticceria salata, preparata da una coppia di amici che il sabato, quando non girano alla ricerca di prelibatezze, frequentano corsi di cucina.
Vino portati dagli amici di ritorno da un viaggio in Francia. 
Io, oltre a questi fusilli, farò un paio di mega insalatone e di hummus.
Però, per quello che mi riguarda, voglio festeggiare questo anno trascorso insieme, regalando qualcosa ai miei amici (nonché membri del club).
Ho le idee chiare su cosa voglio, conosco bene i miei amici e facendo un giretto in rete, in un lampo, anzi in un clic, ho trovato il sito Lionshome, dove c'era tutto quello che volevo.

Ricetta dei fusilli integrali con ragù di radicchio tardivo, ceci e nocciole

Tazze da tè e teiere. Lo sapete, sono la mia passione, amo collezionarle, regalarle, riceverle in regalo.
Ne ho trovato un bel po' e dovrò scegliere.
Articoli per il giardinaggio e la cucina e tante tante altre cose.






Amo anche il libro scelto, Follie di Brooklin di Paul Auster, lo sapete lo adoro, ho letto (quasi) tutti i suoi libri.
Follie lo conosco bene, lo amo  molto per il senso di libertà che permea l'intero libro, ma non l'ho riletto, lo conosco bene e al momento sono presissima da un altro libro, poi vi racconterò.
E visto che mi trovo, vi racconto anche questa ricetta, semplicissima e preparata con ingredienti di stagione.
Fusilli integrali, conditi con un ragù di radicchio tardivo, ceci (lessati precedentemente) e nocciole.
Il ragù va cotto in padella. Anzi, visto che ci sono, clic! e ne compro una che mi piace davvero molto. 




Ricetta dei fusilli integrali con ragù di radicchio tardivo, ceci e nocciole

Fusilli integrali con ragù di radicchio tardivo, ceci e nocciole

Ingredienti per 4 persone:

320 g. di fusilli integrali,
2 cespi di radicchio tardivo,
100 g. di ceci secchi,
2 scalogni piacentini,
una manciata di nocciole,
zenzero,
olio extravergine di oliva,
pepe nero,
sale.

La sera prima ponete i ceci in ammollo, la mattina successiva sciacquateli e lessateli. Tagliate a rondelle sottili gli scalogni, lavate, asciugate e tagliate a julienne il radicchio, decorticate un piccolo pezzetto di zenzero e tagliatelo finemente a julienne.
Riscaldate una padella, aggiungete 2 cucchiai (abbondanti) di olio extravergine di oliva e lo zenzero. Quando la cipolla sarà molto morbida, unite lo scalogno, i ceci, le nocciole. Salate, pepate e fate cuocere fino a quando lo scalogno sarà morbido.
Intanto lessate i fusilli, conditeli col ragù di verdure e servite subito.

Ricetta dei fusilli integrali con ragù di radicchio tardivo, ceci e nocciole

lunedì 20 febbraio 2017

Chiacchiere al forno all'aroma di limone

Ricetta delle chiacchiere al forno all'aroma di limone

Bla, bla, bla, bla, bla, bla. No, non ho trascorso l'intero fine settimana a conversare, anzi, ho fatto un miliardo di cose. Le chiacchiere, le ho preparate qualche settimana fa, la mia proposta di Carnevale per il blog della Molini Pivetti
Solitamente, mi dedico poco alla preparazione dei dolci, preferisco di gran lunga le pietanze salate, però, di tanto in tanto un dolcetto mi piace mangiarlo e cosa ancora più importante mi rilassa prepararlo.
La pasticceria ha un fascino e una magia, decisamente unici. Ogni ingrediente deve essere accuratamente pesato, un grammo di questo, due di quell'altro. Talvolta, preparare un dolce mi ricorda quando, ai tempi della tesi, in laboratorio pesavo e ripesavo, fino ad ottenere la giusta grammatura.
Non è il caso delle chiacchiere, dove, qualche piccola variazione si può fare. La ricetta è semplice, non certo alta pasticceria. Come tutti i dolci carnevaleschi, gli ingredienti base sono farina, uova, lievito e qualche aromatizzante, generalmente vaniglia e limone.

venerdì 10 febbraio 2017

Pane di farina integrale con cruschello, germe di grano e semi di lino

Ricetta del pane di farina integrale con cruschello, germe di grano e semi di lino

Qui lo dico (anzi lo scrivo) e qui non lo nego: adoro questo pane. Per molti motivi. Il più importante è che è (anzi era) veramente buono. Amo la farina integrale, cruschello e germe di grano hanno dato una marcia in più e i semi, beh, lo sapete che amo il pane con i semi.
Poi adoro mettere le mani in pasta e....riporle nel cestino. Okkei, sono stata tortuosa, intendo dire che amo il pane nel cestino, mi piace vederlo lievitare e mi piace forma e spirali che assume.
Altri motivi? Oh yes! Il pane è stato preparato per questo blog, ed adoro elaborare ricette. Ed ultimo, ma non ultimo, il tagliere.

mercoledì 8 febbraio 2017

Cambiar aspetto alla casa? Facile con Pixers!



Che bello pranzare e poter ammirare un paesaggio bucolico, lasciare che lo sguardo si perda all'infinito tra i sentieri, il verde dei campi e l'azzurro del cielo.
Oppure lasciar riposare la vista e la mente, "passeggiando" al tramonto sul molo, rimanendo comodamente seduti in poltrona, ascoltando la propria musica preferita.

lunedì 6 febbraio 2017

Insalata con cicorini misti, ceci, mele, pomodori secchi, cipollotti e semi di finocchio

Ricetta dell'insalata con cicorini misti, ceci, mele, pomodori secchi, cipollotti e semi di finocchio

E' andata così. Qualche settimana prima di Natale, in un negozio che amo molto ho trovato queste mele, verdi, rosse e screziate. Mi ero appuntata i nomi, poi tra una cosa e l'altra ho perso il post it che avevo velocemente (e a quanto pare, malamente) riposto nella moleskine.
Poiché le mele ogni volta che tornavo in negozio le trovavo, rimandavo il segnare ancora una volta i nomi, fino a quando, qualche giorno fa, mi hanno detto che queste mele, appartenenti alla varietà dei frutti antichi erano disponibili sono nel periodo natalizio e in quello (quasi immediatamente successivo) al Natale.
Poco male, ne ho mangiate davvero tante e le ho utilizzate per una crostata e moltissime insalate.

mercoledì 1 febbraio 2017

Minestra di cavolfiore, verza, fagioli rossoni, zucchine, carote, sedano e scalogni piacentini

Ricetta della minestra di cavolfiore, verza, fagioli rossoni, zucchine, carote, sedano e scalogni piacentini

Mi piace tanto la domenica mattina alzarmi presto e iniziare la giornata cucinando. In realtà, ultimamente, mi piacerebbe molto di più iniziare proseguendo la lettura del libro in corso, poi, il senso del dovere, o meglio ancora, il senso del tempo, ha il sopravvento e, una volta scelto il CD (o la selezione su YouTube) si parte.
Scelta facile, in questi ultimi mesi Beatles, Beatles e ancora Beatles. Da quando l'estate scorsa, mi è venuta voglia di riascoltare Rubber Soul, non ho più smesso.

giovedì 26 gennaio 2017

Hummus di fagioli rossoni e noci

Ricetta dell'hummus di fagioli rossoni e noci

Ok, si, è ufficiale, mi ha preso il trip dei legumi e degli hummus. Ultimamente ne preparo uno dietro l'altro, variando tipologia di legumi e ingredienti. La costante è sempre la tahina, che trovo deliziosa anche in purezza, oppure per la preparazione di salsine senza legumi.
L'hummus mi piace così tanto che l'ho preparato anche per la cena di capodanno. Ed ormai è sempre presente alle cene organizzate con i miei amici, quasi tutti vegetariani e vegani e comunque, anche gli onnivori l'apprezzano moltissimo.
Questo presentato oggi è semplicissimo, fagioli rossoni, una varietà deliziosa e ricca di sostanze nutritive, tahina, of course!,  e una manciata di noci. Il risultato è stato un hummus delizioso, corposo, perfetto con le verdure al vapore e il pane integrale ai semi.

lunedì 23 gennaio 2017

Pane di farina semi integrale 2 di grano tenero, farina di farro integrale e semi di sesamo, papavero, girasole e lino

Ricetta delpane di farina semi integrale 2, farina di farro integrale e semi di sesamo, papavero, girasole e lino

E' andata così. Da molti mesi a questa parte, sto facendo diversi acquisti da Eataly. Il pane in primis. Se non lo preparo io, lo acquisto in qualche negozio bio o da Eataly. Ovviamente integrale, poi di volta in volta cambio tipo. Da quello di segale al mediterraneo, ovvero con farine integrali e tantissimi semi, passando per quelli con le olive e e noci, la scelta è varia e vasta.
Onde evitare malintesi, specifico subito che non ho alcuna collaborazione in corso con Eataly, sono soltanto una consumatrice soddisfatta e che ama i prodotti presentati.

giovedì 19 gennaio 2017

Calzoni semintegrali farciti con ricotta vaccina e radicchio tardivo

Ricetta dei calzoni semintegrali farciti con ricotta vaccina e radicchio tardivo

Ok, lo so, dell'utilizzo a sproposito delle parole straniere nel linguaggio comune se ne parla tanto.
Però, quando li senti ripetuti, o meglio ancora, snocciolati, nell'ambito di una banale conversazione, allora un po' ti viene da ridere, un po' ti viene da pensare.

lunedì 16 gennaio 2017

Zucca al forno con rosmarino, timo, semi di lino e finocchio

Ricetta della zucca al forno con rosmarino, timo, semi di lino e finocchio

Un'idea, una semplice idea, golosa e perfetta in queste gelide giornate di metà gennaio. In realtà, questa ricetta, la preparo almeno una volta a settimana per cena ed in tavola è sempre festa.
Per me la zucca al forno è perfetta anche con una (buona) fetta di pane integrale, senza altri abbinamenti, però, se volete un surplus di golosità, associata a del formaggio caprino fresco è una vera delizia.

giovedì 12 gennaio 2017

Treccia di pane farcita con crema di robiola, pistacchi e salvia

Ricetta della treccia di pane farcita con crema di robiola, pistacchi e salvia

Festività natalizie accantonate, con loro addobbi et similia, consumati pandori e panettoni, per la verità un solo pandoro e tre panettoni, di cui uno vegano fatto con farro e cioccolato e un altro bio, si riparte.
In realtà, a parte qualche giorno di ferie fatto immediatamente prima di Natale, ho sempre lavorato, però questo Natale è stato sicuramente quello nel quale ho cucinato meno, ma molto meno rispetto agli scorsi, sono uscita tantissimo e mi sono tuffata nell'atmosfera natalizia, piazza Duomo, l'annesso mercatino di Natale, corso Como etc etc.
E' stato il primo Natale completamente vegetariano, con tantissima verdura, semi, frutta secca, molti legumi con i quali ho preparato anche vari hummus.

lunedì 9 gennaio 2017

....and the winter is.....

A winter day

"Fa freddo!", "E'una stagione ingrata!", "Mi manca la libertà dell'estate", "Fa troppo presto buio", "le vacanze sono lontane!", "le festività natalizie creano caos!", "mi manca la luce dell'estate", "vorrei un po' di tepore", "Aspetta primavera, Bandini".
Ad eccezione di "Aspetta primavera, Bandini" che è un bellissimo libro di John Fante, le altre frasi, sono, come dicono i francesi: "pris sur le vif", ovvero le ho colte al volo in metropolitana, dai discorsi delle persone, da qualche amica.
Invece, per me l'inverno non è una stagione ingrata e mi piace molto. E' anche vero che in linea di massima, amo le stagioni, non mi piacerebbe vivere in un posto dove è perennemente estate/primavera etc etc.