venerdì 21 agosto 2009

Burghul al sapore di mare



Il burghul è grano duro spezzato. La lavorazione parte dai chicchi di grano duro germogliato che vengono trattati a vapore e successivamente essicati e tritati. E', al pari del cous cous, molto diffuso in tutto il medio oriente. In Italia si trova in tutti i supermercati ben forniti, solitamente è precotto. La preparazione è semplice, o lo si lascia in ammollo alcune ore in acqua, oppure lo si può lessare. Solitamente viene utilizzato per la preparazione del tabulè, il piatto tipico libanese.
Ovviamente si può preparare in molti modi, a me piace molto all'insalata, quindi servito come piatto freddo.
La ricetta di oggi è molto semplice e gustosa, burghul ammollato condito con del buon olio extravergine di oliva e arricchito con seppie e calamari.
Piatto che può essere servito sia come antipasto, o anche come piatto unico.



A me è piaciuto presentarlo con una forma ottenuta con l'aiuto di un coppapasta.




Burghul al sapore di mare

250 g. di burghul,
2 calamari medi,
1 seppia,
10 pomodorini ciliegini,
una manciata di olive verdi,
una manciata di olive nere,
olio extravergine di oliva,
1 aglio,
menta fresca.
sale.

Fate rinvenire il burghul secondo le istruzioni riportate sulla confezione; intanto lessate i calamari e tagliateli ad anelli, lessatele la seppia e tagliatela, lavate e tagliate a cubetti i pomodorini ciliegini.
Strizzate bene il burghul per privarlo completamente dell’acqua di ammollo, conditelo con l’aglio tritato finissimo, aggiungete i pomodorini, le foglie di menta spezzettate, le olive e i molluschi, conditelo con l’olio extravergine, eventualmente aggiustatelo di sale.
Lasciatelo insaporire per qualche ora in un luogo fresco. Al momento di servirlo aiutatevi con un coppa pasta e decoratelo con un ciuffo di menta, pomodorini e olive.




Come vino ho abbinato un Greco di Tufo, ottimo con il pesce.

2 commenti:

  1. Che bel piatto presentato molto bene, adoro le monoporzioni.Il Burghul qui non si trova ma potrebbe essere sostituito con del cous cous!! Saluti Manu.

    RispondiElimina
  2. Adoro il grano spezzato, e anche questa versione è alquanto invitante ed originale... Bella idea!
    Baci Alessandra

    RispondiElimina