lunedì 23 settembre 2013

Focaccia al sapore di timo

Parco Lambro

Dell'autunno mi piace tutto. Amo i suoi colori forti, che partono dal giallo, fino a diventare via via sempre più accesi.
Ma amo anche i contorni sfumati dalla nebbia, che rende le giornate, all'apparenza, grige, ma ricche di fascino.
Adoro i profumi dell'autunno, da quello di legno bruciata, a quello delle caldarroste.


Mi piace l'odore della terra, dei funghi, degli alberi resinosi.
Amo la sua l'aria frizzante, fresca mi fa sentire bene, piena di energia e di voglia di fare.
La natura si prepara al letargo ed io invece acquisto forza e vigore.
In questo periodo sono sempre attiva, con la testa in qualche progetto, le mani in pasta e di buonumore.
Faccio, faccio, faccio ed ho sempre più voglia di fare.
Contrariamente alla primavera, o all'estate che mi fanno sentire fiacca e stanca, in autunno ritorno attivissima.

Focaccia al sapore di timo

L'autunno mi è sempre sembrata una stagione carica di promesse, aspettative. L'inizio di qualcosa.
Probabilmente perché coincideva prima con la riapertura della scuola, e poi con l'inizio della vita universitaria, e voi sapete bene quanto abbia amato quel periodo.
Le giornate scandite dal susseguirsi di corsi e ore in biblioteca a studiare.
Il panino mangiato con gli amici, con i quali si condividevano sogni e speranze.
L'imparare sempre cose nuove. Il dover iniziare la preparazione di un nuovo esame e scoprire, capitolo dopo capitolo, un mondo di cose affascinanti e interessanti.

Parco Lambro

Le mie considerazioni sono dettate dalla voglia di condividere con voi, un periodo per me bello, intenso ed entusiasmante, ma non sono nostalgica, amo le cose che faccio oggi e soprattutto amo non aver smarrito la voglia di conoscere e di imparare, il desiderio di lanciarmi sfide, l'entusiasmo di affrontare cose nuove e la gioia di vederle realizzate, ma anche se non realizzate, resta comunque, il sapore di non aver perso il piacere di progettare e di intraprendere nuovi percorsi.

Parco Lambro

In questo periodo amo fare lunghe passeggiate nei boschi. Passo dopo passo mi sento in sintonia con quanto mi circonda.
Cammino, mi guardo intorno, fotografo. Non ho fretta, non ho una meta da raggiungere, la meta è la passeggiata stessa.
E camminando camminando, mi chiarisco le idee, capisco che strada percorrere, torno a casa rinvigorita.

Focaccia al sapore di timo

Parco Lambro

E se amo l'autunno adoro settembre. Un mese bellissimo, ancora caldo e luminoso.
In questo mese, finito il caldo oppressivo dell'estate è piacevole passeggiare nel parco, e poi una volta a casa preparare il tè, mangiare qualche fico e una mela, accendere il forno e fare un dolce, un cake, del pane.
Anche se il mio forno è praticamente acceso tutto l'anno e il tè lo preparo anche con la canicola, il fascino di questo periodo è enorme.
La focaccia della ricetta di oggi, invece, non ha nulla di autunnale, l'ho preparata qualche mese fa, per realizzare....ma questo ve lo racconto la prossima volta! :-)
Dunque focaccia. Era il periodo degli esperimenti con le farine, di arricchire gli impasti con mieli particolari, o con erbe aromatiche.
In questo caso, ho utilizzato il miele al timo della Rigoni di Asiago. Il timo è una delle piante aromatiche che amo maggiormente.
Mi piace tantissimo col pesce e le verdure, e la amo nei cake e nei muffin. Poi ho iniziato ad aggiungerlo agli impasti, pane, pizze e per l'appunto focacce e il risultato mi è piaciuto un sacco.
La focaccia di oggi l'ho preparata col poolish, in questo modo ha mantenuto gusto e fragranza più a lungo. E il risultato è stato ottimo. La focaccia sotto la crosticina croccante, era morbida e il miele al timo, aveva conferito una nota interessante.
Il tè l'ho abbinato alla farcitura, poi vi racconterò!

Parco Lambro

Focaccia al sapore di timo

per la poolish:

130 g. di farina per pizza Molino Quaglia,
100 g. di acqua,
1 g. di lievito,

per l'impasto:

530 g. di farina Molino Quaglia,
10 g. di lievito,
6 cucchiai di olio extravergine,
1/2 cucchiaio di miele al timo Rigoni di Asiago,
15 g. di sale,

per la salamoia:

4 cucchiai di olio extravergine di oliva,
4 cucchiai di acqua,
sale grosso.

La sera prima preparate la poolish. In una bacinella unite farina e lievito e lavorate con l'acqua fino ad ottenere un impasto leggermente morbido.
Coprite il contenitore con un canovaccio umido e lasciate lievitare per tutta la notte.
La mattina successiva, in una bastardella ponete la farina, il lievito, il miele, il sale, l'olio extravergine, aggiungete l'acqua e cominciate ad impastare, fino ad incorporare i vari ingredienti.
A questo punto unite la poolish e impastate fino a quando la poolish è parte dell'impasto. Formate un panetto, ponetelo in una bastardella, coprite con un canovaccio umido e fate lievitare per circa 2,5 ore, o fino a quando l'impasto è raddoppiato.
Lavorate brevemente l'impasto, ponetelo su una teglia ricoperto di carta forno e, con le mani unte di olio, stendetela.
Formate delle fossette, coprite ancora con un canovaccio umido e fate lievitare ancora per un'ora e mezza.
Prima di metterla nel forno, cospargetela con la salamoia, che avrete preparato emulsionando i vari ingredienti, quindi infornatela, in forno preriscaldato a 200°, per 30 minuti.
Appena sfornata, spennellatela con la salamoia e conditela con un pizzico di sale grosso.

Parco Lambro

Alla prossima!

Buona settimana!

Giovanna

18 commenti:

  1. Che delizia la tua focaccia, complimenti cara. Grazie per queste splendide foto. Buona settimana Daniela.

    RispondiElimina
  2. condivido l'amore per l'autunno e per la focaccia! Bellissime foto e atmosfera meravigliosa, complimenti cara, sei bravissima ! Un bacio grande !

    RispondiElimina
  3. Che belle foto!!!
    E che favola la tua focaccia, prendo nota
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. l'autunno non l'ho mai amato molto, però i suoi colori sono qualcosa di semplicemente meraviglioso e tu l'hai reso bene nelle tue foto...
    ottima quella focaccia, come ne vorrei una fetta proprio adesso....

    RispondiElimina
  5. L’autunno non è la mia stagione preferita però riconosco che la natura assume dei colori meravigliosi.
    Un trancio della tua profumatissima focaccia gustato nella quiete di quel bellissimo parco adesso sarebbe il massimo :) Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  6. A me pice molto settembre per varie ragioni. Trovo questa tua focaccia meravigliosa, è come piace me.

    RispondiElimina
  7. l'autunno mi mette malinconia, ma la tua focaccia compensa e mi da buonumore. complimenti

    RispondiElimina
  8. Stupenda focaccia e foto mozzafiato !!
    Bellissime complimenti!

    RispondiElimina
  9. Stupenda nella sua semplicità, divina sia così che farcita!!!!

    RispondiElimina
  10. Questo tuo post mi è piaciuto davvero molto: anche io adoro l'autunno e, come te, lo vedo come un periodo di "rinascita" e portatore di novità :)
    Inoltre mi fa tornare una gran voglia di cucinare, voglia che, talvolta, nel calore estivo viene meno :)
    La tua focaccia sembra sublime, non vedo l'ora di riaccendere il forno!
    Un bacio :)

    RispondiElimina
  11. Giovanna io amo l'estate per via del mare, però hai ragione la voglia di fare è quasi uguale a zero. In autunno si ha voglia di fare, i lievitati in particolare. Si sta di più in casa e il forno lo accendi con piacere, specie se poi sforni prelibatezze come la tua focaccia che io mangerei anche così al naturale. Un abbraccio e complimenti per le foto, fanno sognare!!!!

    RispondiElimina
  12. Giovanna cara, leggerti è un pò come guardare dentro i miei pensieri.. ti confesso che pur non amando particolarmente l'autunno, benchè meno l'inverno, mi sono rivista nell'entusiasmo che metti per le attività che svolgi... sentirsi carichi e dare il massimo significa un pò aver già vinto e raggiunto la vetta... io te lo auguro di cuore... sopratutto di conservare sempre questa voglia brillante e sempreverde come gli alberi magnifici che vedo.... splendida poi la focaccia... da provare questo miele al timo... spero presto:*

    RispondiElimina
  13. Io ho imparato ad amarla con il tempo, con la maturità e con il saper assaporare ogni cosa che la natura ci porta.
    L'autunno è fatto di colori spettacolari che fanno bene al cuore e all'anima.
    Sapendo quanto ami i lievitati non immagino che bontà questa focaccia!
    Bacino mia cara

    RispondiElimina
  14. Ti ho trovata per caso e ora mi sono unita ai tuoi fan così non mi perdo più nessuna tua ricetta, se ti va passa da me^^
    http://magiadeisapori.blogspot.gr/

    RispondiElimina
  15. Ti ho trovata per caso e ora mi sono unita ai tuoi fan così non mi perdo più nessuna tua ricetta, se ti va passa da me^^
    http://magiadeisapori.blogspot.gr/

    RispondiElimina
  16. Bè io l'autunno lo amo, proprio come te, amo quando parli dei tuoi periodi universitari.. strano a dirsi ma il riprendere l'uni di settembre non mi pesa (inizia a pesare fra un mese o due..) e sono piena di bei pensieri!
    Ti bacio cara, non posso non amare la focaccia.. yum!
    :*

    RispondiElimina
  17. Ciao passo a invitarti al mio secondo contest!

    http://incucinacongioia.blogspot.it/2013/09/secondo-contest-il-pistacchio-il-re.html

    RispondiElimina
  18. Questa tua focaccia sembra deliziosa!! Già me la immagino con quella crosticina croccante!! Devo assolutamente provare la tua ricetta anche perché tempo fa avevo comprato il miele al timo ma non l'ho ancora nemmeno aperto!! Questa è l'occasione giusta!! Complimenti per il blog, mi unisco subito ai tuoi lettori. Ti auguro una buona giornata e se ti va ti aspetto anche da me! Bea

    RispondiElimina