mercoledì 4 settembre 2013

Polpettine di pane con prosciutto cotto Lenti & Lode ed erbe aromatiche

Polpettine di pane con prosciutto cotto ed erbe aromatiche

Alessia, la figlia della mia vicina, è bambina molto simpatica e carina. Quello che la rende speciale è la sua allegria e la curiosità che la spinge a chiedere continuamente: "perché?".
Domanda non dettata dai capricci, ma dalla voglia di capire le cose.
Qualche tempo fa l'ho incontrata con la nonna, in un negozio di alimentari vicino casa, e dopo avermi salutata ha continuato a guardare il banco del salumiere, attratta dai vassoi di polpettine e crocchette.


Dopo un po', indicando delle polpettine, ha chiesto alla nonna di comprargliele.
Non si è fatta intimorire dal secco no della nonna, e imperterrita ha replicato: "perché?".
La nonna, ha mantenuto la sua posizione, con un altrettanto secco: "perché no!".
Ma Alessia è una bimba molto tenace e ha chiesto alla nonna di preparargliele lei le polpette.
Figuriamoci! la risposta della nonna e subito Alessia: "perché?".
Già, perché? mi sono chiesta, incuriosita dalla scena.
Al "Non mi piace cucinare!"  Alessia ha replicato un: "ah" molto stupito e subito si è rivolta a me chiedendo se le polpette potevamo farle insieme.
Bene! e adesso? In casa tranne del petto di pollo non avevo molto altro per preparare polpette, e peraltro, avevo un sacco di cose da fare, però nello stesso tempo mi spiaceva troppo deludere lo sguardo speranzoso di Alessia.
Messi da parte gli impegni, ho trascorso metà del pomeriggio del sabato a preparare polpette, contagiata dall'entusiasmo di Alessia, che impastava e preparava polpettine con grande gioia, ma anche con l'impegno e la serietà che hanno i bambini, quando fanno le cose dei "grandi".
A distanza di tempo, ogni volta che preparo polpette & affini, ripenso al luccichio di entusiasmo che brillava nello sguardo di Alessia, quell'entusiasmo e gioia che tutti proviamo quando facciamo una cosa la prima volta.
In effetti, ogni volta che intraprendiamo qualcosa, siamo motivati, entusiasti, felici, poi, spesso la motivazione e l'entusiasmo vengono appannati dalla quotidianità.

Impastare le polpette con una bambina di quasi sei anni, l'età di Alessia, non mi ha solo fatto trascorrere un pomeriggi diverso, ma mi ha fatto capire, che di tanto in tanto bisognerebbe ricordare l'entusiasmo e la gioia provati quando, per la prima volta, abbiamo intrapreso una nuova attività, qualunque essa sia.
Cercare di vedere e fare le varie attività quotidiane,  con lo sguardo incantato della prima volta.

L'incanto io lo trovo in cucina. Sempre. Adoro cucinare, progettare ricette, impastare, tritare, affettare.
Spesso, quando cucino, ritrovo la gioia e l'entusiasmo spenti da una giornata particolarmente difficile.

Queste polpettine, invece, le ho preparate in una giornata "facile" un sabato estivo.
Dopo una settimana di corse e pranzi veloci, volevo qualcosa di buono e gratificante.
Le polpettine di pane preparate col prosciutto cotto Lenti & Lode hanno reso la cena mio e di mio marito deliziosa.
Volevo le polpette e le volevo preparare col prosciutto cotto, così ho pensato alle polpette di pane che mi sono sempre piaciute tanto e arricchendole col prosciutto cotto, ho ottenuto un piatto squisito.
A Napoli, solitamente, le polpette di pane si preparano con uva passa e pinoli, le preparo spesso e sono buonissime, ma in questo caso, volevo delle polpettine molto golose e con una nota fresca, il prosciutto cotto le ha rese golose, maggiorana e rosmarino, fresche ed aromatiche.
Inoltre, qualche polpetta le ho passate nei semi di sesamo e papavero, che hanno conferito da un lato un gradevole effetto croccante, dall'altro una nota di sapore molto caratteristica.
Le ho cotte in forno, ottenendo, in tal modo delle polpette golose e salutari.

Come tè ho optato per il Resheeat, un nero indiano del Darjeeling, pregiatissimo e dalle note fresche ed erbacee che legavano davvero bene con le mie polpette.
Anche questa ricetta la potete leggere sul Ricettario eclettico, avete visto quante belle ricette ci sono?

Polpettine di pane con prosciutto cotto ed erbe aromatiche

Polpette di pane con prosciutto cotto Lenti & Lode ed erbe aromatiche

ingredienti per 4 persone:

300 g. di pane raffermo,
160 g. di prosciutto cotto Lenti,
80 g. di parmigiano reggiano,
2 uova,
latte,
un aglio,
semi di sesamo,
semi di papavero,
erbe aromatiche (maggiorana e rosmarino)
olio extravergine di oliva, sale.

Tagliate il pane a cubetti, ponetelo in una bastardella e ricopritelo con latte. Intanto tritate a coltello il prosciutto cotto, l'aglio e le foglie di 4-5 rametti di maggiorana e di un paio di rametti di rosmarino.
Quando il pane si è ammorbidito, strizzatelo bene, ponetelo in una terrina, aggiungete le uova leggermente battute, il prosciutto cotto, le erbe aromatiche e l'aglio, unite il parmigiano reggiano grattugiato e un pizzico di sale.
Mescolate bene, fino a quando gli ingredienti si sono ben amalgamati, quindi formate delle polpettine poco più grandi di una noce.
Passatene qualcuna nei semi di sesamo o di papavero, o in entrambi, e ponetele insieme alle altre su una teglia ricoperta di carta forno e spennellata di olio extravergine di oliva.
Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti, girandole un paio di volte. 

Polpettine di pane con prosciutto cotto ed erbe aromatiche

Ho abbinato il tè nero indiano Resheeat

Alla prossima!

Giovanna

24 commenti:

  1. Giovanna ma quanto sei carina?! cucinare con i bimbi da sempre grandi soddisfazioni... Alessia mi ha ricordato la mia piccola Gin... la curiosità dei bimbi è una fonte di grande stimolo anche per noi... ne sono fermamente convinta:))
    Squisite queste polpettine... le tue proposte sono sempre eccezionali:* ti abbraccio carissima:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo grazie! Alessia è una bambina molto curiosa, le sue domande sono sempre stimolanti e carine.
      Un bacio

      Elimina
  2. Sai, sto sorridendo. In un'esperienza di qualche mese fa cucinavo ogni settimana con un bambino che adesso ha 6 anni, come Alessia, e mi rimproverava continuamente perchè ero io la pasticciona di turno, lui era sempre preciso ed attento. :) Grazie, di cuore per avermi fatto sorridere così :)
    Le polpette così le adoro ^_^

    RispondiElimina
  3. Le tue polpette devono essere buonissime...ma come fa la nonna di Alessia a rimanere impassibile difronte alla richiesta della nipotina?! Per fortuna che ci sei tu ;-)

    RispondiElimina
  4. anche a me piace cucinare con mio figlio ma ormai lui è grande ! Prendo nota della ricetta, qui da me le polpette piacciono molto ! Un bacione.....

    RispondiElimina
  5. Tristezza una nonna a cui non piace cucinare :((((( Io spero di iniziare a cucinare con mia figlia tra un po', magari quest'inverno impastiamo un po' di biscotti insieme!
    Ottime queste polpette ;)

    RispondiElimina
  6. Ma che tenera Alessiaa <3 <3 Ahah, i perchè dei bambini sono fenomenali. Come le tue polpettine, mamma che delizia!! :D Una meraviglia! TVB!

    RispondiElimina
  7. Cucinare con i bimbi è meraviglioso, posso immaginare la felicità della bimba e la bontà delle polpettine, preparate in serenità!! Grande idea Giovanna, prendo la ricetta!!!
    Un bacio enorme!!!!!

    RispondiElimina
  8. molto intelligente e sveglia la piccola Alessia!
    Anche mia figlia da piccola amava cucinare con me, ora che è adolescente sbuffa qualche volta in più...preferisce di gran lunga mangiare che pasticciare, eheheh...
    Ottime polpettine, davvero!
    Un bacione e a presto

    RispondiElimina
  9. Che bontà queste polpettine, troppo appetitose!!!!

    RispondiElimina
  10. Molto intelligente la piccola Alessia. Che bella idea le tue polpettine , segno subito la ricetta.
    Un abbraccio , buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  11. Ma che brava che hai fatto cucinare la bimba! Credo sia importante per i bambini imparare ad amare il cibo e la preparazione.. o almeno, io da amante del buon cibo lo ritengo importante..
    Le polpettine, a me ieri non sono venute molto bene.. sigh, ma di solito sono una grande fan! Anche perchè fanno parte della buona cucina casalinga italiana! come non amare la nostra tradizione?
    smuack, a presto:*

    RispondiElimina
  12. Le tue polpette, formate con passione e, soprattutto, con l'entusiasmo della prima volta di una bambina, che, quanto è vero, dovremmo sempre ricercare, anche nella routine, superano di un bel pezzo le mie... mi attrae molto anche la versione con uvetta e pinoli di cui parli, sicuramente da provare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena, proprio così, i bambini col loro entusiasmo ti contagiano e ti fanno riflettere. Un bacio

      Elimina
  13. Stare con i bimbi ti stanca fisicamente, ma ti ricarica da un punto di vista psicologico. Vederli fare cose che noi diamo per scontato, ci fa stare bene e ci fa sorridere. Io le polpette di pane non le mai preparate, queste al prosciutto, così aromatizzate, mi stuzzicano abbastanza. Da provare assolutamente. Un abbraccio e tantissimi complimenti.

    RispondiElimina
  14. fantastiche le polpette, io le adoro in tutti i modi in tutte le salse, devo assolutamente provarle perchè hanno un aspetto mooolto invitante! ;)

    RispondiElimina
  15. Belle proprio!
    Ma sai farle anche senza utilizzare... robe con latte?
    Sono intollerante al lattosio,
    però, il prosciutto cotto senza lattosio c'è; il pane raffermo se po magnà; olio sale semi pure.

    Al posto del latte, può andare l' acqua, no?
    Senza parmigiano

    RispondiElimina
  16. delle polpettine molto golose e profumate

    RispondiElimina
  17. A Trieste le chiamamo gnocchi di pane e vengono impastati con prosciutto cotto oppure speck a dadini o altri ingredienti secondo l'estro della cuoca ma anche con che cosa vengono accomopagnati Usualmente con lo spezzatino di carne o anche con solo burro w formaggio gratinatu in forno.
    In Alto Adige sono conosciuti come canederli e servuti sempre con spezzatini di carne, selvaggina o anche ragou di carne.
    Di solito li facciamo quando avanza del pane cogliamo l'occasione. A Trieste accompagnano anche crauti acidi (Zuccato) gia pronti cotti nel vino poi naturalmente vanno cotti avanti consumati per benino con pezzetti di carne di maiale.
    Ciaooo buona serata.


    RispondiElimina
  18. Ciao! che bellezza queste polpettine! insomma, dei canederli un pò più semplici ed altrettanto gustose!
    Assolutamente da copiare, forse così non sbagliamo ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  19. Eh si, è proprio bello cucinare con i bambini! Mi è capitato spesso con i miei nipoti...non ti dico una volta che stavo facendo i ravioli e il mio nipotino voleva chiuderli per forza lui!!! :)
    Non ho mai fatto le polpette di pane...trovo questo spunto moooolto interessante! ;)
    Un abbraccio cara Giovanna!

    RispondiElimina
  20. io anche sono una bambina davanti a queste polpette, non mi fermerei. Sono perfette e l'impasto mi piace tantissimo. HO cucinato spesso con i miei figli ma quando erano più piccoli e vederli montare la panna o l'impasto di una torta era meraviglioso. un abbraccio mony***

    RispondiElimina
  21. ciao Giovanna! con tutto il oane raffermo che ho sempre in casa qst tua idea deliziosa è una proposta accattivante per utilizzarlo al meglio! grazie per la ricetta cara

    RispondiElimina
  22. Questa bambina mi fa tenerezza, anch'io da piccola avevo sempre un "perché" e mia madre mi ha raccontato che spesso la mettevo in difficoltà per le risposte, in quanto i miei "perché" erano alquanto originali. Per quanto riguarda le polpettine sono davvero deliziose, le vedrei bene per un antipasto sfizioso! Buon week-end!

    RispondiElimina