mercoledì 31 marzo 2010

Ciabatte

Ciabatte

Chi va al mulino si infarina, e chi va al corso sul pane, tenuto presso la Scuola de La Cucina Italiana, impara a fare tante cose simpatiche, tanti "trucchi del mestiere", tanti tipi di pane diverso, il tutto in un ambiente accogliente, e professionale.

Il giorno successivo alla prima lezione ho preparato queste ciabatte, utilizzando il poolish, una sorta di lievito madre, molto utilizzato in Francia, che rende il pane molto morbido all'interno, con la crosticina giustamente croccante.
Il poolish inoltre rende possibile utilizzare un minore quantitativo di lievito, rendendo il pane più leggero, con un odore di lievito meno forte, e fragrante per diversi giorni.

Alcuni amici, che conoscono la mia passione/mania per la preparazione di tutti i prodotti lievitati, quando hanno saputo che finalmente sono riuscita a fare questo corso tanto agognato, si sono stupiti, sostenendo che i miei prodotti lievitati, pane compreso, sono sempre buoni. Invece questi corsi servono. 
Per un approccio più professionale, verso un argomento che ti appassiona. 
Per imparare sempre cose nuove. 
Per confrontarti con altre persone che hanno i tuoi stessi interessi. 
Perché l'insegnante ti fa vedere cose che nessuna rivista, o libro, neanche il migliore è in grado di spiegarti.
Insomma, sono molto favorele a questi corsi, e questo mi è piaciuto in particolare modo.

Ciabatte

Ho anche vinto la mia riluttanza a surgelare, e se nel caso delle ciabatte, mi sono limitata a preparare metà dose, il pane preparato la volta successiva, l'ho surgelato, e scongelato nel forno mediante l'apposita funzione, ed era buonissimo. Quello avanzato, il mattino successivo era ancora fresco e fragrante.
Ciabatte

Nella foto ho illustrato il poolish, e l'impasto subito dopo la preparazione, e dopo il riposo.

Ciabatte

In queste le ciabatte dopo la lievitazione.
Mi rendo conto che non sono perfette, ma è soltanto questione di esercizio e pratica.

Ciabatte

Ingredienti per la poolish:

125 g. di farina 00,
125 g. di acqua,
1,25 g. di lievito,

ingredienti:

500 g. di farina 00,
150/175 g. di acqua,
10 g. di lievito,
10 g. di malto o di zucchero,
12,5 g. di sale.

Impastare la poolish e lasciarla riposare per 12 ore. Impastare la poolish con la farina, l'acqua, il lievito, lo zucchero, il sale.
Lasciare riposare per circa 40/50 minuti in una bacinella, dopo aver avvolto l'impasto in un canovaccio umido. Pezzare l'impasto in forme di circa 100 g., dare la forma desiderata, passare le ciabatte nella farina, ponetele in una teglia ricoperta di carta forno, copritele, lasciatele lievitare per circa 50 minuti.
Infornare con vapore, va bene anche un tegamino con dell'acqua da togliere a metà cottura, a 230°, per circa 20 minuti.

Ciabatte

18 commenti:

  1. Clap Clap, bravissima!
    Che bel corso!!!
    Ma sai che non ho mai provato a panificare col polish...intendi di lievito di birra vero?
    ciabattine perfette e non ti sbagli!
    Un bacio ^_^

    RispondiElimina
  2. Ma che brava che sei, morbidissime le tue ciabatte, accompagnano benissimo quell'orata giù che mi sono perso, bravissima, ciao e auguri.

    RispondiElimina
  3. Sono anche assolutamente favorevole perchè non si finisce mai di impararare nella vita, figurati poi in un campo come quello culinario!! Ottime le ciabattine, le ho provate anche io a fare e sono davvero favolose!!

    RispondiElimina
  4. se stata davvero fantasticA! Che belle queste ciabatte! baci.

    RispondiElimina
  5. wow che belle..aspetta che arrivo con la mortazza!:))

    RispondiElimina
  6. Perfette...meglio di quelle del panificio, complimenti!
    Prepara le ciabatte che porto il salameeeeeeeeee

    RispondiElimina
  7. Gaia, grazie! Il poolish è una semipastella preparata con una dose di acqua e farina in quantità pari, uniti ad una quantità di lievito che si calcola in percentuale rispetto alla farina.
    Dopo un tot numero di ore, lo aggiungi ai soliti ingredienti e prepari il pane.

    Max, grazie! E grazie ancora per gli auguri....

    ELel, anch'io la penso così, e poi a me piace molto imparare.
    Grazie, sei molto gentile.

    Betty, grazie!

    Federica, grazie! Vieni, vieni così mangiamo e chiacchieriamo.

    Simo, grazie! Ti sto aspettando!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  8. Ciao tesoro, complimenti per queste invitanti e profumate ciabatte! Sei diventata una panificatrice provetta. Che bello frequentare un corso per il pane e imparare i segreti della panificazione! Bravissima.

    Ps: il borgo che ho fotografato è Gorgiti, una frazione di Loro Ciuffenna nel Valdarno.
    Un bacione e grazie della visita

    RispondiElimina
  9. Crosta croccante, interno morbido, risultato perfetto!
    Per i corsi sono d'accordo, c'è sempre da imparare anche se io mi fido assolutamente del parere dei tuoi amici!

    RispondiElimina
  10. Ma che belle ste ciabatte!!! ... un corso sul pane...che figata!
    Anche Tepperella (blog omonimo) mi diceva che ha fatto un corso sul pane della Cucina Italiana...magari eravate assieme!!!
    cmq complimenti...me ne mangerei una con la mortadella! :)

    RispondiElimina
  11. voglio venire anch'io al corso! queste ciabatte sono perfette!

    RispondiElimina
  12. mi piacerebbe moltissimo partecipare ad un corso del genere, che meraviglia, poi visti i risultati , buonissime le ciabatte , bravissima tu! con la mdp faccio sempre prima il "lievitino" che suppongo sia il polish, viene benissimo. un brraccio e tanti auguri.
    ciao Reby

    RispondiElimina
  13. ... adoro fare il pane anch'io a casa ... il profumo che si espande per la casa è sublime ..... complimenti per le tue "Ciabatte" ..... colgo l'occasione e ti auguro una Pasqua Serena .... Kissss

    RispondiElimina
  14. Lady Boheme, grazie, sei gentilissima!

    Tania, grazie, sei carinissima!

    Crumpetsandco benvenuta e grazie! Che bello se ci fossimo incontrate, senza saperlo...

    Iana, grazie! Vieni a Milano e facciamo un corso insieme...

    Rebecca, grazie! Dai vieni a Milano che facciamo un corso...

    Okkidigatta, grazie! E' vero, il profumo è ineguagliabile.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  15. Grazie tesoro per il tuo premuroso e gentilissimo pensiero! Anche a te e alla tua famiglia carissimi auguri di una Pasqua serena e gioiosa! Baci

    RispondiElimina
  16. Cara ^_^ grazie per la spiegazione chiarissima...la percentuale del lievito corrisponde alla quantità della farina e quindi dell'acqua, vero? scusa se sono un pò rinco...
    siccome il mio Lm è mummificato e spesso decido all'ultimo momento di panificare...e non riesco a prenderne last minut un pezzo da quello del mio pagno...(e comunque perchè mi piacerebbe sperimentare questo metodo)è comodo pensare di poter far uso di lievito di birra in quantità minime tuttavia precedentemente lievitato...quindi più leggero...
    bacioni e felici vacanze anche a te un bacione e GRAZIE! ^_^

    RispondiElimina
  17. Ti faccio i miei complimenti, sei davvero brava!
    Tanti auguri di Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  18. Cara Lady, ricambio sinceramente gli auguri!

    Gaia, si la percentuale di lievito si calcola in base alla farina.
    Se vuoi ti invio la tabella con le dosi, in base al numero di ore che si vogliono utilizzare per preparare il poolish.

    Stefano, grazie!

    Baci e tanti cari auguri di Buona Pasqua Giovanna

    RispondiElimina