lunedì 17 febbraio 2014

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Dopo aver selezionato le foto, riletto gli appunti, distillato le sensazioni, rivissuto sul filo della memoria le lezioni dei grandi chef a cui ho assistito, rieccomi, come promesso, con un nuovo post su Identità Golose.
Il tema di quest'anno, Una golosa intelligenza è stato interpretato in modi diversi dagli chef ospiti del Congresso, a seconda dello stile, della personalità e della cucina proposta.

Una golosa intelligenza, ovvero l'arte di coniugare professionalità, tradizione, innovazione, territorialità, stagionalità, per creare un piatto ricco di sapori e gusto attento ai costi e che tenga conto della salute del cliente. Gusto e leggerezza, è il filo conduttore che lega i piatti presentati. Una golosa intelligenza che lega cucina tradizionale, vegana, vegetariana.


Ho assistito con grande interesse alle lezioni dedicate al mondo vegano e vegetariano, scoprendo cose che proprio non conoscevo.
Da grande amante dei lievitati ho seguito con molta attenzione una lezione dedicata alla pizza, nello specifico dedicata all'acqua quale ingrediente fondamentale.
Da grande appassionata di cucina e gastronomia, mi sono incantata nell'ascoltare il concetto di cucina, l'attenzione alla materia prima, la ricerca della semplicità.

Parto con la lezione di Renato Bosco, l'acqua primo ingrediente. Sono curiosissima e molto interessata. Amo i lievitati e amando il tè, so quanto la qualità dell'acqua incida sull'infuso. 
Quindi, taccuino, penna e tanta attenzione.
Dunque, per acqua, Renato Bosco, propone di utilizzare acque aromatizzate per dare un gusto particolare alla pizza.
Assaggiamo la mozzarella di pane, ovvero un panino immerso nel liquido di governo della mozzarella, cotto al vapore e farcito con burrata pugliese, pomodoro e alice. Il suo sapore è stupefacente. Il pane è morbidissimo, e si ha la sensazione di mangiare la mozzarella.
Altrettanto interessante e la pizza preparata con i germinati, e farcita con zucca, fughi, insalata. Una pizza vegana, dal sapore intenso e davvero molto gustosa.

Identità Golose 2014, i dettagli

In pomeriggio, seguo Enrico Crippa. Mi piacciono le sue proposte, mi piace il suo concetto di cucina, amo i suoi piatti a base di verdure.
Anche stavolta le sue ricette sono belle ed interessanti. Una rivisitazione del riso alla piemontese, preparato con riso Carnaroli, brodo di castagne, fegatini di coniglio.

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Molto suggestiva la sua proposta di fish and chips, ovvero cialda di patate, triglia e acetosa.
Nel corso della lezione, dice che anche la cucina invernale può essere colorata ed allegra, ed infatti il suo piatto è un concentrato di colore e raffinatezza.

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

La preparazione del piatto omaggio alle Langhe, il suo territorio.

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Lo show cooking di Christian Milone.

Identità Golose 2014, i dettagli

L'omaggio a Nadia Santin.

Identità Golose 2014, i dettagli

La mozzarella di pane di Renato Bosco.

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Jean Francois Piège, chef francese, presenta una sella di capriolo, cotta su un letto di caldarroste e presentato con formaggio Fontainebleau e zucca.

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Fabio Pisani e Alessandro Negrini sul palco di Identità Naturali. Cucina vegetariana, tortello ripieno di ceci tostati e abbinato a carote marinate con aceto di lampone e pizzocchero in chiave pugliese, ovvero cialda di grano saraceno, cime di rapa essicate, caciotta podolica e farina di ceci.

Identità Golose 2014, i dettagli

I loro piatti vengono preparati con utensili originali degli anni sessanta, prodotti in Valtellina da artigiani sapienti.
Nel corso della lezione ci mostrano orgogliosi pentole e altri utensili, mentre viene trasmesso un video in B/N che racconta la produzione artigianale degli utensili.

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Il tortello di Fabio Pisani e Alessandro Negrini.

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

La lezione di Simone Salvini, chef vegano è galvanizzante e per me molto istruttiva.
Adoro il suo motto: "Fare meno, fare meglio". Evviva, in un mondo sempre di corsa, che spinge a fare sempre di più, il trionfo della qualità sulla quantità.
Già questo motto sarebbe bastato a conquistarmi. Ma poi, la sua sapienza e la sua bravura mi aprono un mondo.
Formaggio preparato con latte di mandorle autoprodotto e mandorle, anacardi e elementi probiotici.
Eppoi, lenticchie bianche con le quali ha preparato una mousse e delle chips.

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Il formaggio vegano di Simone Salvini.

Identità Golose 2014, i dettagli

Identità Golose 2014, i dettagli

Come sempre, partecipare a Identità Golose, è stata un'esperienza importante. Il congresso è una fucina di idee, nelle varie sale si alternano chef sapienti, bravissimi, motivati, competenti, creativi che amano il loro lavoro e con le loro parole trasmettono amore per la gastronomia e la cucina.
Una golosa intelligenza comincia ancor prima di preparare il piatto. Inizia quando la ricetta viene elaborata, gli ingredienti scelti. Continua quando si fa la spesa, scegliendo le materie prime più appropriate. Prosegue nella preparazione del piatto, che deve essere bello, buono e leggero.
Una golosa intelligenza è rispetto per le materie prime e attenzione per il consumatore.

Giovanna

12 commenti:

  1. Una bellisima esperienza davvero molto interessante e istruttiva ; mi sarebbe piaciuto poter partecipare anch'io . Buona settimana Daniela.

    RispondiElimina
  2. Grazie Giovanna per i dettagli di questo evento.
    Quanto avrei voluto assaggiare la mozzarella di pane. Sto immaginando la bontà.

    RispondiElimina
  3. Aspettavo questo reportage, e come sempre sei hai documentato tutto talmente bene e con foto talmente belle che quasi quasi mi sembra di esserci stata, bravissima!
    Quella mozzarella di pane mi incuriosisce moltissimo!
    Buona settimana
    Baci

    RispondiElimina
  4. Un reportage meraviglioso. Mi spiace sempre più non esser riuscita ad esserci.

    RispondiElimina
  5. Le foto di questa tua bellissima esperienza mi hanno proprio rapita!

    RispondiElimina
  6. La m ia amica milanese titolare di un grande sito di cucina è sempre presente a questa manifestazione e non solo...nel suo sito si avvicendano moltissi chef presenti con le loro ricette gentilmente concesse.
    E' difficile riproporre a casa la materia prima di ricerca magari nella tua città o anche regione non si trova poi semmai cercare di ovviare e sostituire ma non sarà mai la stessa cosa. D'altra parte se non l'hai gustato l'originale non fai raffronti sarà buono ugualmente. Anche il tempo per le donne gioca molto non abbiamo brigate di cucina che ci aiutano...ne alle volte gli attrezzi giusti per mancanza di spazio o per costi. Bello il tuo resoconto, ricette da cercare di provare poi le troverò sul sito Identità Golose di solito le mettono..a parte fegato, castagne e zucca che proprio detesto il resto mi ha fatto venire l'acquolina in bocca.
    Grazie infinite e un abbraccio.
    Buona settimana.

    RispondiElimina
  7. Un altro resoconto dettagliato e documentato dalle tue bellissime foto. I piatti sono veramente belli e interessanti. Bellissima esperienza, grazie per averla condivisa.

    RispondiElimina
  8. condivido in pieno il concetto di qualità piuttosto che quantità, fare meno, fare meglio !Ho gustato ogni scatto di questo tuo reportage, sei stata molto professionale e sintetica, doti rare ! Ti abbraccio

    RispondiElimina
  9. meravigliose foto,sembrava di esser li!

    RispondiElimina
  10. post fantastico, foto bellissime!! grazie Giovanna, un bacio grande!

    RispondiElimina
  11. Sarà stata un'esperienza bellissima, grazie per aver condiviso con noi!!!!

    RispondiElimina
  12. che bel reportage Giovanna, grazie di aver condiviso con noi questa bellissima esperienza :) un bacio, buona settimana

    RispondiElimina