venerdì 23 maggio 2008

Minestrone di riso alle erbe fini

MINESTRONE ALLE ERBE FINI



I fagioli con l'occhio sono di origine mediterranea, coltivati fin dall'epoca dei romani, sono molto ricchi, come la maggior parte dei legumi, di fibre, proteine e ferro, inoltre sono molto versatili, adattandosi a molte preparazioni. Se si vuole un piatto completo da un punto di vista nutrizionale sono perfetti abbinati ai cereali, spesso li uso per preparare il minestrone, pietanza dalle mille ricette, dai mille sapori, e volendo, anche piatto di riciclo, utile per consumare verdura in eccesso, o per preparare un ottimo e saporito piatto unico.
Il minestrone che ho cucinato e' davvero molto semplice e veloce, adatto ad essere preparato anche in un giorno lavorativo quando si torna a casa in tardo pomeriggio e si vuole mangiare qualcosa di saporito e nutrizionalmete equilibrato. Basta ricordarsi di mettere in ammollo i fagioli la mattina, non me ne vogliano i consumatori dei legumi in scatola, ma non li uso mai, preferisco sempre i legumi secchi - quando è stagione, ovviamente, i freschi - sono più saporiti e anche nutrizionalmente più validi, inoltre i legumi in scatola sono ricchi di zuccheri e di additivi, quindi preferisco sempre utilizzare prodotti più genuini e quanto più naturali possibili.
Una volta a casa la prima cosa da fare è sciacquare i fagioli e porli in una pentola in acqua fredda e lessarli senza olio, ma soprattutto senza sale, altrimenti la buccia si indurisce, nel frattempo si preparano le verdure e mano a mano si aggiungono ai fagioli.

Minestrone alle erbe fini
  • 150 g. di riso padano,
  • 150 g. di fagioli con l'occhio,
  • 2 carote,
  • 2 - 3 patate a pasta gialla,
  • 1 cipolla dorata,
  • 5 - 6 pomodori ramati,
  • un mazzetto di erbe aromatiche (basilico, timo, maggiorana e prezzemolo),
  • 60 g. di parmigiano reggiano
  • olio extravergine di oliva,
  • sale & pepe.
Porre i fagioli, precedentemente ammollati, in una pentola con abbondante acqua fredda, quando inizia l'ebollizione incoperchiateli e diminuite la fiamma; nel frattempo lavate e mondate le verdure, tritate la cipolla, tagliate le carote e le patate a cubetti, tagliate i pomodori a metà, privateli dei semi e dell'acqua di vegetazione e tagliateli a dadini, tritate tutte le erbe. Unite ai fagioli in cottura metà de trito di cipolla e tutte le patate e le carote, aggiungete l'olio. Soffriggete il restante trito di cipolla, unite i pomodori e fate cucinare a fiamma allegra per 5 - 6 minuti, unite il sugo alla preparazione, e un terzo delle erbe tritate, salate, pepate e portate a cottura; se fosse necessario aggiungete poca acqua calda.
Tagliate una parte del parmigiano a dadotti e grattugiate il restante.
Unite alle verdure il riso, poco prima della cottura aggiungete la metà delle erbe tritate, i cubotti di formaggio, togliete la pentola dal fuoco, mescolate bene, fate riposare per pochi minuti.
Servite completando con le restanti erbe aromatiche e il parmigiano grattugiato, un filo d'olio, possibilemente ligure, e una spolverata di pepe nero, grattugiato al momento; in estate è ottimo tiepido, o anche a temperatura ambiente.
Come vino è perfetto l'abbinamento con un vino del Sud, come il Solopaca bianco, il suo retrogusto ben si armonizza con la freschezza delle verdure.

Nessun commento:

Posta un commento