martedì 18 gennaio 2011

Paccheri....piacevoli

Paccheri al forno con ricotta e salsiccia

I paccheri sono un formato di pasta tipico del napoletano. In dialetto napoletano, pacchero significa schiaffo.
Sicuramente ricevere uno schiaffo, o pacchero che dir si voglia, non è piacevole, ma mangiare i paccheri al ragù, invece è molto gradevole.
Una mia amica, qualche tempo fa, mi diceva di aver letto su un pacco di paccheri, la ricetta del "ragù del portinaio", a detta del produttore di pasta , un ragù napoletano.


Io non ho mai sentito parlare di "ragù del portinaio", e comunque, da come me lo descriveva la mia amica, non lo avrei mai preparato: puntine di maiale, salsicce, manzo, in sintesi, la succursale di una macelleria nel piatto....
Io, ho optato per un sugo più leggero, e ho farcito la pasta con salsiccia, ricotta e mozzarella.
Buonissima!
Come sempre, ho preparato il sugo, facendo stufare le verdure in un paio di dita di acqua e olio extravergine di oliva.
Quando l'acqua si sarà consumata, si aggiunge la passata di pomodoro e si prosegue con la cottura.
In questo modo, le verdure, stufando, rilasciano i loro aromi, senza soffriggere, rendendo il sugo profumato e leggero.

Anche in questo caso ho abbinato il . Scelta facilissima. Da poco ho comprato il tè nero cinese, Grand Lapsang Souchong. Le sue note molto affumicate e legnose, si prestavano benissimo ad accompagnare questo piatto dai sapori molto complessi.

Paccheri al forno con ricotta e salsiccia

ingredienti per 4 persone

320 g. di paccheri,
1 passata di pomodoro,
100 g. di ricotta di bufala,
200 g. di mozzarella di bufala,
parmigiano reggiano,
pecorino romano,
1 salsiccia,
1/2 cipolla dorata,
1 carota,
1 gambo di sedano,
olio extravergine di oliva,
sale,
pepe.

Per prima cosa preparate il sugo. Tritate la cipolla finemente, riducete la carota e il sedano a dadini (brunoise).
In una capace casseruola, ponete le verdure, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, e un paio di dita d'acqua, cuocete a fiamma bassa, fino a quando l'acqua si sarà consumata.
A questo punto aggiungete la passata di pomodoro, salate, pepate e portate a cottura, facendo sobbollire per circa 2 ore.
Cuocete la salsiccia in padella. Tagliatela a dadini. Lessate i paccheri, avendo cura di interrompere la cottura un 2 - 3 minuti prima.
In una terrina ponete la ricotta, metà della mozzarella tagliata a dadini, 1 cucchiaio di parmigiano e uno di pecorino grattugiati, metà della salsiccia, un paio di mestoli di sugo, unite i paccheri lessati e amalgamate bene, eventualmente aggiungete altro sugo.
Cospargete il fondo di una teglia con un mestolino di sugo, unite metà della pasta, la restante salsiccia, una parte della mozzarella, un cucchiaio di parmigiano e pecorino grattugiati e un mestolo di sugo.
Unite la restante pasta, coprite con la mozzarella rimanente, un cucchiaio di parmigiano e pecorino, e il sugo.
Cuocete in forno, preriscaldato a 180°, per circa 20 minuti, o fino a quando la superficie risulterà gratinata.


Paccheri al forno con ricotta e salsiccia

Ho abbinato il tè nero cinese Grand Lapsang Souchong

33 commenti:

  1. quassu i paccheri proprio non riesco a trovarli... non li ho mai mangiati e mi piacerebbe tanto, uff, devono essere buonissimi!!

    RispondiElimina
  2. Lo trovo bello robustino e sostanzioso anche così...e saporitissimo...il ragù del portinaio, proprio non ce la fare a mangiarlo!
    Che bel piatto, mette allegria e voglia di stare insieme...arrivo con un bel vinello?

    RispondiElimina
  3. Tesoro mio, e tu li chiami sono...piacevoli? Questi paccheri sono goduriosiiiiii :D! E con tutto il rispetto per il "portinaio" [più che del portinaio l'avrei chiamato davvero il "ragù del macellaio" :)))))] preferisco senza ombra di dubbio il tuo saporitissimo ripieno. Mi stanno facendo venire l'acquolina anche se ho finito di cenare da poco. Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  4. Ciao tesoro, complimenti per questo prelibatissimo piatto, ho l'acquolina in bocca soltanto a vederlo!!! Sei sempre bravissima, un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  5. Piacevoli per imparare a gustarli con un tè vicino... Ciao cara, una ottima ricetta. Alla prox.

    RispondiElimina
  6. che ricetta spettacolare
    gustosissima
    da fare per il pranzo domenicale
    ciao e grazie per essere passata da me
    da adesso ti verro' a trovare spesso
    katya

    RispondiElimina
  7. Anche se sono le 10 di sera ne mangeremmo volentieri un bel piatto!
    Baci da Alda e Mariella

    RispondiElimina
  8. Anche io ho sentito del ragù del portinaio, ma parecchi anni fa. Dicono che si il vero ragù, mi sembra che lo facciano cuocere per ore e ore... poi bisogna vedere se il mio stomaco riuscirebbe a digerirlo! Molto delicati i tuoi paccheri con la ricotta, deliziosi. Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
  9. Carlotta, si. I paccheri sono un formato di pasta, ottimo, che si presta a molti condimenti.

    Simo, è vero, anche con un sugo semplice, non è un piatto leggerino. Infatti noi l'abbiamo ritenuto un piatto unico.
    Cara, vieni pure, la tua presenza è sempre gradita!

    Federica, grazie!!! Mi piace chiamarlo "il ragù del macellaio". Io non l'ho mai mangiato, ma credo che il mio stomaco non gradirebbe.

    Cara Lady, grazie! Sei sempre molto gentile.

    Max, grazie! Il tè si abbinava talmente bene, che sembrava quasi di aver preparato il piatto in funzione del tè...

    Katya, benvenuta e grazie! Sei molto gentile.

    Alda e Mariella, grazie!!!

    Mariacristina, grazie! Il ragù del portinaio, va cotto per molte ore. Io non l'ho mai mangiato, ma dev'essere molto pesante. Il mio stomaco non gradirebbe.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  10. davvero ottimi questi paccheri!!! È un formato di pasta che personalmente ritengo molto versatile, si possono preparare in tanti modi diversi, da imbottitti a come li hai fatti tu e sono sempre fantastici!!

    RispondiElimina
  11. Un bel piatto completo! Complimenti per ricetta ed esecuzione :)

    RispondiElimina
  12. Che splendida teglia di paccheri, perfetto piatto unico, molto ghiotto, brava Giovanna!!!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  13. Che splendida teglia di paccheri, perfetto piatto unico, molto ghiotto, brava Giovanna!!!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. mi piacciono i primi cotti al forno,sopra hanno una crosticina adorabile!bella ricetta

    RispondiElimina
  15. un bellissimo primo piatto da giornate di festa! grazie per essere passata a trovarmi e per avermi fatto scoprire il tuo blog, mi unisco!

    RispondiElimina
  16. Bè neanche questo ripieno può dirsi leggerino ;)))) Ma sicuramente ottimo!!

    RispondiElimina
  17. Mari e Fiorella, grazie!!!

    Valerio, grazie! Sono d'accordo, è un formato davvero versatile. La settimana scorsa, li ho preparati con la verdura. Fantastici!

    Nel cuore dei sapori, benvenuta e grazie!!!

    Speedy, grazie! Sei molto gentile!

    Carpe Diem, grazie! Anch'io adoro "quella crosticina".

    Aria in cucina, benvenuta e grazie! Sei moooolto gentile!

    Elel, benvenuta e grazie! E' vero, non è leggerissimo...

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  18. Quando uno lega l'altro e una poesia gustare il tutto. :-)

    RispondiElimina
  19. mamma mia che piatto!!!!! meraviglioso, bravissima, preferisco la tua versione a quella del..portinaio. un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  20. del ragù del portinaio non ne ho sentito parlare nemmeno io....i tuoi paccheri pasticciati devono essere meravigliosi...un bacione
    Annamaria
    ps ho comprato i porri;-)

    RispondiElimina
  21. Max, ma sei un poeta! E' bellissimo quello che hai scritto.

    Rebecca, grazie! Anche il mio stomaco ringrazia!!!

    Annamria, grazie! Davvero? Li hai trovati??? Poi mi dici quanto sono buoni...

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  22. ciao, grazie di essere passata e piacere di conoscerti.
    Paola

    RispondiElimina
  23. Che buoni i paccheri al forno!!! E' una vita che non li mangio!!! Mica te ne sono avanzati un pò per me??? :)

    RispondiElimina
  24. Paccheri saporitissimi e guduriosi ! complimenti e complimenti anche per il blog, ricco di ricette e idee ! La tua passione per i the mi ha conquistata ! Buon fine settimana !!

    RispondiElimina
  25. Zia Elle, benvenuta e grazie! Vieni, li rifaccio!!!!

    Rossella, benvenuta e grazie! Sono contenta di quello che dici riguardo al tè, per me rappresenta una delle mie grandi passioni.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  26. Ciao, sono Martina e vorrei invitarti, se ti fa piacere, a partecipare ad una bella raccolta di menù tradizionali italiani che il sito Giallo Zafferano ha organizzato in occasione dei 150 anni della nostra madre patria.
    Trovi il regolamento qui:
    http://forum.giallozafferano.it/buon-compleanno-signora-italia/
    Naturalmente se pensi di avere già postato sul tuo blog delle ricette che ritieni adatte alla raccolta, puoi tranquillamente partecipare con queste.
    Se vuoi chiarimenti, scrivimi pure a martina.spinaci@giallozafferano.it sarò lietissima di consigliarti o guidarti passo, passo.
    Un caro saluto
    Martina

    RispondiElimina
  27. Mamma che fame mi hai fatto venire tesoro!!!

    RispondiElimina
  28. come vorrei tuffarmi in quel bel piatto ricco!!!

    RispondiElimina
  29. Il ragù del portinaio non lo conosco ma una porzione di questi paccheri la prenderei volentieri!!!! un abbraccio e buon weeik end :)

    RispondiElimina
  30. Martina, grazie della segnalazione!

    Elenuccia, benvenuta e grazie!

    Fabiana, graaazieee!!!

    Luciana, grazie!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  31. Mi piace che abbini il te` ai tuoi piatti! Adoro i paccheri per la loro consistenza bella consistente! e col ragu` son perfetti.

    RispondiElimina