mercoledì 18 aprile 2012

Aggiungi un pasto a tavola


Ebbene si, non ho scritto pasto invece di posto e non mi sto riferendo alla celeberrima commedia di Garinei e Giovannini: "Aggiungi un posto a tavola", ma ad un'importante iniziativa nata dalla collaborazione tra il Comune di Milano e Identità Golose.
Aggiungi un pasto a tavola è il progetto che partirà giovedì 19 aprile e continuerà fino a sabato 21,  teso alla riqualificazione dei mercati comunali milanesi.
Il mercato in questo caso assume molteplici sfaccettature. Da un lato un luogo dove acquistare prodotti di altissima qualità, come quello di Wagner, dove è presente una notevole offerta di pesce e formaggi di grande livello.
Dall'altro un importante luogo di aggregazione, simbolo del quartiere.
Per l'iniziativa: "Aggiungi un pasto a tavola" sono stati coinvolti cinque mercati: Mercato Wagner, Mercato Ticinese in piazza XXIV Maggio, Mercato Morsenchio di Largo Guerrieri Gonzaga, Mercato Ca' Granda in via Moncalieri e Mercato Prealpi, ad ognuno dei quali è stato idealmente abbinato uno chef, protagonista dell'alta gastronomia milanese: Viviana Varese, Aimo e Nadia Moroni, Davide Oldani, Pietro Leeman e Carlo Cracco, che per l'occasione hanno ideato un menù di tre portate.
Ulteriori informazioni circa la composizione del menù, le potete leggere su questa pagina.

Lo scopo dell'iniziativa è duplice; da un lato dimostrare come con un budget contenuto, 20 €, sia possibile fare una spesa per un pranzo di tre portate per quattro persone, nel rispetto della stagionalità e della qualità.
Dall'altro, il progetto è teso alla solidarietà, in quanto, per ogni prodotto acquistato, donando un euro si riceve in cambio un bollino.
Con cinque bollini, recandosi presso gli appositi banchetti dei volontari, si riceve la borsa del Comune di Milano, il ricettario per realizzare le ricette ideate dagli chef e una copia del primo numero de La Cucina Italiana nonché il numero attuale.
Il contributo di un euro servirà per acquistare prodotti alimentari che verranno donati, dalle associazioni di volontariato di zona, ai cittadini più bisognosi.

Per Paolo Marchi, fondatore e curatore di Identità Golose tutto è partito da "Oltre il mercato", il tema del Congresso 2012.
Ai cinque chef presenti alla conferenza stampa è stato chiesto se avessero avuto difficoltà nel fare la spesa con un budget contenuto.
Per Carlo Cracco, ristorante Cracco, la difficoltà non sta nel budget, ma nel far comprendere il plusvalore aggiunto dalla lavorazione.
Viviana Varese, ristorante Alice, ha affermato che, con la partecipazione al progetto,  le è piaciuto valorizzare i mercati, luogo di cibo eccellente. "E' importante far capire che per un buon spaghetto possono bastare acciughe e noci".
Alessandro Negrini, chef di Aimo e Nadia, ci ha ricordato il motto del suo capo: "Mangiare bene non significa essere ricchi".
Pietro Leeman, ristorante Joia, invece, ha affermato di avere avuto qualche difficoltà in quanto le verdure non sono così economiche come sembra. Inoltre, ha precisato che il compito del venditore non è andare incontro alle richieste del cliente, tipo le melanzane a dicembre, ma orientarlo verso un concetto di stagionalità e, laddove possibile, di territorialità.
Per Davide Oldani, ristorante D'O, dev'essere la stagione a guidare il prezzo di un prodotto.
Alfredo Zini, il presidente di FIPE, ha affermato che i ristoranti svolgono una funzione di presidio del territorio.
Anna Prandoni de La Cucina Italiana, ha ribadito i concetti di qualità e stagionalità della materia prima, che sono alla base della rivista, 
Paolo Marchi ha ricordato che l'iniziativa di giovedì è solo la prima.

Intanto, mentre leggo la bellissima copia del primo numero de La Cucina Italiana, immergendomi nell'atmosfera del dicembre 1929, l'anno di fondazione della rivista, sto già preparando la lista della spesa, che farò sabato, quando andrò in uno dei mercati.
Con la macchina fotografica, il taccuino, ma soprattutto con grandi sporte di juta, per essere anche green, da riempire con tante delizie, di stagione, of course!

Giovanna

13 commenti:

  1. wow, che bella iniziativa! Immagino che sia difficile far comprendere il concetto di stagionalità a molte persone :) Uffa, nella mia zona non ci sono mai iniziative del genere! Buona giornata carissima Giovanna!

    RispondiElimina
  2. Che bella questa iniziativa. Aspetterò curiosissima il tuo reportage ^_^ Un bacione

    RispondiElimina
  3. Che bellissima iniziativa mi spiace solo di essere troppo lontana.....Mi racconterai tutto?
    Ti abbraccio cara Giovanna!!!!!

    RispondiElimina
  4. Un'iziativa bellissima, peccato che qui da noi non ci sono iniziative del genere ed io sono troppo lontano!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Un'iniziativa importante soprattutto per diffondere il concetto di mangiare verdura e frutta di stagione e di mettere in evidenza la territorialità.
    Al tuo reportage. :)

    RispondiElimina
  6. Bellisimo post Giovanna, la spesa con 20 euro? pensavo fosse un sogno e invece vedi come tutto è possibile! come mi piacerebbe accompagnarti al mercato sabato!! attendo il tuo resoconto! bacioni!

    RispondiElimina
  7. Ah, dimenticavo! hai il primo numero di Cucina Italiana??? del 1929??? stupendooooo! fai un post anche su quello? bacioni!

    RispondiElimina
  8. Complimenti, dopo quest'iniziativa magnifica, ti stimo ancor di più!Brava Gio!

    RispondiElimina
  9. blog molto carino e colorato! ti seguo ora! :)

    RispondiElimina
  10. interessante iniziativa, spero che sia ...infettiva e attacchi altri comuni.
    un abbraccio ciao Reby

    RispondiElimina
  11. Attendo...un abbraccio ed è bello trovare iniziative interessanti...Ciao.

    RispondiElimina
  12. Mmm... interessante questa insalata, deliziosa di sicuro con le fragole!

    RispondiElimina