domenica 20 febbraio 2011

Pani al prosciutto e formaggio

Pani al prosciutto e formaggio

Ieri mattina, ho iniziato a fare colazione, come se dovessi fare un pic nic. Ho preparato il tè, tagliato una fetta di torta di mele home made, ho messo su il cd de "Le quattro stagioni" di Vivaldi, e ho iniziato a sfogliare le riviste di cucina, per passare alla lettura de I Buddenbrook.
Poi, la musica di Vivaldi mi ha completamente rapita e tra le note musicali che si diffondevano, l'aria primaverile che già si percepiva e il mio tè, un Earl Gray Blu, un tè nero al bergamotto, con petali di fiordaliso, mi sono completamente estraniata.

E' stato bellissimo, mi sembrava di essere completamente concentrata, sulle sensazioni regalate dalla musica e quelle olfattive conferite dal tè.
Ero completamente immersa in me stessa, e nelle emozioni offerte dalla musica, dal tè e dalle note primaverili.
Terminato il tè e l'ascolto del cd, nonostante avessi una miriade di cose da fare, mi sentivo carica, e con la voglia di mettere le "mani in pasta".
Sulla rivista di febbraio de La Cucina del Corriere, che questo mese si è rivelata
molto feconda,
mi aveva colpito la ricetta del pane al roquefort.
A "naso", l'impasto mi sembrava saporito, e mi aveva attratto l'idea di utilizzare tanti stampi, dalle forme diverse.

Poichè avevo del prosciutto cotto, delle scamorzine ed emmentaler da smaltire, ho deciso di preparare i "miei pani" con questi ingredienti.
La ricetta originale indicava 1oo g. di roquefort, nel mio caso, tra i formaggi e prosciutto, avevo 230 g. di ingredienti, quindi ho aumentato di 10 g. la dose di lievito indicata e raddoppiato il quantitativo di latte.

Il mio fiuto non mi ha ingannata, i pani erano buonissimi, ne abbiamo mangiato qualcuno poco dopo la cottura ed erano ottimi.
Qualche ora dopo, quando tutti gli ingredienti si sono amalgamati erano davvero una delizia.
I panini, morbidi all'interno, fragranti all'esterno, erano delicatamente insaporiti dai formaggi e dal prosciutto cotto.


Pani al prosciutto e formaggio

Ho abbinato un tè di Formosa, il Grand Oolong Fancy, il suo sapore aromatico e persistente, reggeva la sapidità del prosciutto e dei formaggi.

Pani al prosciutto e formaggio

320 g. di farina del
Molino Chiavazza,
120 g. di prosciutto cotto,
120 g. tra scamorza ed emmentaler,
25 g. di lievito,
zucchero,
10 cucchiai di latte,
olio extravergine di oliva,
sale.

Tagliate a dadini i formaggi e grossolanamente il prosciutto cotto. Riunite in un recipiente 300 g. di farina, il latte, una presa di zucchero, un dl di acqua e il lievito, quindi i formaggi, il prosciutto, 2 cucchiai di olio extravergine e in ultimo 6 g. di sale; impastate prima con la forchetta, poi con le mani, infine lasciate riposare, coperto, il composto per 20 minuti.
Lavorate ancora l'impasto sul piano di lavoro infarinato, poi distribuitelo in piccoli stampi unti d'olio, in modo da riempirli solo parzialmente.
Lasciate lievitare per almento un'ora, sino a quando l'impasto avrà raggiunto l'orlo degli stampi, poi passate la preparazione in forno preriscaldato a 220° e cuocete fino a quando saranno dorati in superficie.
Sfornateli, fateli intiepidire poi sformateli.


Pani al prosciutto e formaggio

Ho abbinato il tè Grand Oolong Fancy

21 commenti:

  1. *.* che bella descrizione, quella della tua mattinata :). Mi ci rivedo moltissimo, sai? *.*

    Che belli questi panini. Un pò intiepiditi devono esserlo anche di più :))))

    Buona domenica, Giovannina :)

    RispondiElimina
  2. Ciao! un momento che forse ci meritiamo un pò tutti: una tazza fumante, una calda torta di mele, dell'ottima musica in sottofondo..nienete di megli oper rilassarsi!
    sfiziosi questi panetti: un bell'uso delle scorte e davvero un sapore molto invitante!
    baci baci

    RispondiElimina
  3. Come mi piacerebbe vivere una mattina così... il mio piccolo è super mattiniero! alle 6.30 è già bello arzillo che saltella sul letto e vuole che mi alzi! ovviamente lui ignora che sia sabato o domenica!! va bè, ho sognato immedesimandomi in te!!

    RispondiElimina
  4. Uno splendido racconto nel quale mi sono piacevolmente immedesimata, tesoro!!! Complimenti per questi morbidi panini appetitosi e invitanti!!! Bravissima come sempre, un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  5. MI sembra alquanto doveroso assaggiare un pannello appena sfornati, fossi io goloso per come sono per il pane li avrei finiti...ottimi e immagino anche irresistibile profumino che pervadeva la tua casa...tra tè e panini non saprei!!! Baci e buona serata.

    RispondiElimina
  6. mamma mia che bontà irresistibili!
    complimenti e buona domenica sera
    dida

    RispondiElimina
  7. Quanto mi piace la ua finestra e quanto mi piacerebbe gustare i tuoi tè e con quell'atmosfera che hai saputo creare.Sono questi i piaceri che dovremmo apprezzare di più rallentando un po' i nostri ritmi frenetici.Che dire poi dei panini???Troppo buoniiii .Felice domenica e una dolcissima settimana per te.

    RispondiElimina
  8. Leggendoti, mi sembrava di respirare gli odori della tua cucina, la fragranza del the, il pane sfornato... Che delizia!!!
    Ciao cara Giovanna, buona serata,
    Lara

    RispondiElimina
  9. Caspiterina, che mega produzione...la prossima volta fammi un fischio che arrivo anche io a consumere questo ben di Dio....
    E cosa porto? Mumble mumble, aspetta che ci penso......
    Baci e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  10. che meraviglia... mi sembra di sentirne il profumo. Sembrano anche facili! magari mi ci metto!!!

    RispondiElimina
  11. Una mattinata in tutto relax per me è un sogno, tanto quanto riscire ad alzarmi dal letto alle 10! Ci vorrebbe un miracolo, quasi quasi potrei esprimerlo come desiderio! Questi pani sono una favola, gustosissimi. Quei mini stampini da plum cale poi mi fanno impazzire. Un bacione tesoro, buon inizio settimana

    RispondiElimina
  12. bella ricetta, una colazione ricca e buona d aun ottimo sprint alla giornata si potrebbe fare più spesso

    RispondiElimina
  13. La tua mattinata ci piace molto, ci siamo immedesimate in questo tuo splendido racconto! I panini sono meravigliosi!
    Un abbraccio Alda e Mariella

    RispondiElimina
  14. Che fantastici paninetti....ti mando un bacino e buon inizio settimana ....la stefy

    RispondiElimina
  15. buonissimi da merenda sti paninetti!

    RispondiElimina
  16. Ti vorrei invitare al mio primo contest MANI NELLA MANITOBA, una raccolta di ricette con la farina manitoba...
    http://dolciedesserts.blogspot.com/2011/01/primo-contest-mani-nella-manitoba.html
    se ti va passa a dare un'occhiata... ti aspetto...

    RispondiElimina
  17. Ahahaha, Giovanna mi hai fatto morire dal ridere. Ho confrontato la tua mattinata con la mia. Allora nell'ordine, un litro di caffè e Vasco.....libri ultimamente pochi, purtroppo ma adoro leggere, tutti soppiantati da libri di cucina. Il tavolo di casa mia è sommerso....
    Insomma, io e te per trascorrere una mattinata insieme ci dobbiamo mettere d'accordo prima :DDD
    Dai che scherzo ovviamente.
    Questi panini però ci metterebbero senz'altro d'accordo.....E piacerebbero sia a Vivaldi(se li potesse assaggiare) sia a Vasco!
    Un bacione

    RispondiElimina
  18. Fiorellina, grazie! Ti immagino, in queste mattinate, come dire, contemplative...

    Manuela e Silvia, grazie! Avete ragione, tutti dovremo ritagliarci un angolo tutto nostro...

    Sara, grazie! Con un bambino piccolo, è normale che le mattinate siano frenetiche...

    Lady, grazie!!! Relax, musica e Mann...

    Max, grazie! Ehm...anch'io ne ho saggiato uno (leggi due), appena sfornati...

    Dida, grazie!!!

    Antonella, grazie! Credimi, anch'io, spesso, mi devo imporre di rallentare.

    Lara, grazie! Sei molto gentile!

    Mari e Fiorella, grazie!

    Simo, grazie!!! Cosa devi portare? mia cara la tua graditissima e piacevole compagnia!!! Però qualche muffin....

    Giovanna, grazie! Si sono facili, mettiti...

    Federica, grazie! Anch'io adoro i mini stampini da plum cake!!!

    Carmine, grazie!!

    Alda e Mariella, grazie! Come siete carine!

    Stefy, grazie! Sei dolcissima!

    Carpe diem, grazie!

    I love desserts vengo a dare un'occhiata!

    Viola, tranne per il caffè, proprio non posso rinunciare al tè, per il resto ci incontriamo. Tavolo sommerso? A volte devo trovare un posto...libri di cucina? Li adoro, ne ho appena comprato un altro...Vasco? Si, grazie, a tutto volume, mi dà una carica...vedi, com'è semplice organizzare????

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  19. Anche a me piace un sacco fare il pane in casa. Anzi, è da un po' che non lo faccio. Mi sa che mi hai ispirata...

    RispondiElimina
  20. Tata, grazie! Anch'io lo preparo meno frequentemente di quanto vorrei, a causa dei lunghi tempi di lievitazazione, ma questo è molto più veloce.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina