lunedì 25 agosto 2008

Filetti di sogliola allo zenzero


Qualche mese fa, siamo andati a Salò, una delle località più belle del Garda, poco distante da Gardone Riviera, famosa per il Vittoriale, la residenza di 
Gabriele D'Annunzio.






Per pranzo ci siamo fermati, dopo un lungo ed attento "studio" in un'osteria situata leggermente all'interno della cittadina, un posto molto carino e semplice, con una cucina ben strutturata nel territorio, proprio come piace a me, che non amo per niente i posti turistici, i ristoranti gastronomici, locali dove la cucina non ha una vera e propria anima e il menù è composto da piatti che non hanno nulla a che vedere con la storia gastronomica del luogo.
In questo caso, invece tutto era fatto con criterio e cura, a partire dall'arredamento, caldo ed accogliente, dove alle pareti facevano bella mostra tanti piccoli quadri ricavati dalle foto di famiglia, in bianco e nero, disposti senza un ordine preciso.
I gestori sono anche produttori di olio, uno dei prodotti tipici e di grande qualità della zona, e quindi come "benvenuto" in attesa del pranzo, sono soliti offrire delle bruschette preparate con il loro olio.
Fra le varie cose prese, abbiamo ordinato il filetto di salmerino allo zenzero. Sono sincera, non sono una grande amante del pesce di lago, mi piace molto, molto di più il pesce di mare, ma sul Garda il pesce lo cucinano bene e poi mi stuzzicava l'idea del filetto con lo zenzero, abbinamento che di solito mi piace molto.
Le mie aspettative non sono state deluse, e il piatto non era solo buono, ma bellissimo da vedere, l'idea mi è piaciuta talmente che ho pensato di prepararlo anch'io, utilizzando i filetti di sogliola (!)
E così ho preso due sogliole le ho sfilettate, ed ho preparato questa ricetta bella da vedere, ma semplicissima da realizzare.

Filetti di sogliola allo zenzero

2 sogliole,
1 patata,
1 carota,
1 porro,
zenzero fresco,
qualche rametto di rosmarino,
olio extravergine di oliva,

sale & pepe.

Per prima cosa lessate la patata e la carota, sbucciatele e tagliatele a tocchetti; tagliate a rondelle il porro, lavatelo e stufatelo in padella, a cottura ultimata salate e pepate; sfilettate le sogliole, lavate i filetti, asciugateli, e con ognuno formate dei rotolini avvolgendoli intorno a qualche rametto di rosmarino, fermateli con uno spiedino di legno, e poneteli in una teglia leggermente unta, spennellateli con un filo d'olio e cuoceteli in forno caldo a 180° - 200° per circa 8 - 10 a seconda dello spessore dei filetti minuti, l'ideale sarebbe cuocerli nel forno a vapore. Una volta pronti disponete nei piatti il porro, i tocchetti di patata e carota, e gli spiedini di sogliola, irrorate con un filo d'olio le verdure lesse e i filetti e cospargeteli di zenzero grattugiato.



Come vino ho abbinato un Lugana bianco, vino caratteristico del lago.

4 commenti:

  1. Ciao!
    Io ci son stata ormai 5 anni fa a Salò ed è propro bella e caratteristica..effettivamente il pesce di lago lo fanno molto bene, ed anche a me piace più quello di mare...comunque non me ne hanno fatto sentire assolutamente la mancanza!!!
    Molto ben fatta la tua sogliola!
    Brava!
    Martina

    RispondiElimina
  2. Anch'io non amo il pesce di lago, ma vedo che si può benissimo realizzare con altro tipo.....ottimissima idea!!!!!!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  3. Ciao Giovanna,
    è da un bel pezzo che non vengo a Salò, ricordo che mi è piaciuta molto. Complimenti per questo bel piatto, davvero gustoso. E' semplice e raffinato al tempo stesso.
    Buon inizio settimana a te,
    Stefano

    RispondiElimina
  4. Ciao a tutti, vedo che sul pesce di mare e di lago la pensiamo allo stesso modo. Sono contenta che vi piace Salò anche perchè io adoro tutto il lago. Buona settimana a tutti Giovanna

    RispondiElimina