domenica 5 dicembre 2010

Degustazione di tè neri cinesi

Degustazione di tè neri cinesi

La scorsa settimana ho partecipato ad una degustazione di tè.
Come sempre si è svolta presso la Scuola de La Cucina Italiana, relatrice la Sig.ra Barbara Sighieri de La Teiera Eclettica.
Questa volta l'argomento riguardava i tè neri cinesi.
Solitamente il tè nero viene associato all'India, mentre alla Cina si abbina il tè verde.

La Cina, invece, rappresenta un'importante realtà nell'ambito della produzione di tè neri.
Dal 2005 la Cina è ritornata al primo posto nell'ambito della produzione di tutti i tipi di tè.
E' interessante il confronto con la Turchia, che occupa il 4° - 5° posto come produttore di tè neri, che vengono utilizzati, però, solo per uso interno.
In Cina la produzione di tè inizia nell'epoca Ming e prosegui nell'epoca successiva, il 1644, l'epoca Qing.

Degustazione di tè neri cinesi

Nella foto sono rappresentato i quattro tè oggetto della degustazione.

Il Pan Yong, lo Yunnan Imperial, lo Yunnan D'Or, il Grand Keemun.
Le parti chiare che si notano rappresentano la parte più pregiata del tè, la gemma.
Più un tè è ricco di gemme più è prezioso. Un tipico esempio di tè ricchi di gemme, sono i pregiatissimi tè bianchi.

Inoltre, maggiore è il numero di gemme presenti in un tè, minore è la temperatura d'infusione e maggiore è il sapore fruttato conferito al tè.

Degustazione di tè neri cinesi

Nella teiera e nella foto sottostante è fotografato il Pan Yong, un tè ricco di gemme e dal sapore molto fruttato.
All'olfatto si avvertono note legnose di cacao, combinate con note fruttate.
E' un tè poco tannico, dal sapore dolce, di miele.
Il suo colore è ambrato, infatti i cinesi i tè neri li chiamano rossi.
Questo tè, rappresenta il capostipite dei tè neri mondiali e viene prodotto nella zona dei Monti Wuyi, fra il Fujian e lo Jiangxi.

Degustazione di tè neri cinesi

I due successivi provengono entrambi dallo Yunnan, denominata zona "dell'eterna primavera".
E' la zona dove viene prodotto la maggior quantità di Camelie, a parte la Camelia Sinensis che è la pianta del tè.
Infatti sinensis in latino vuol dire cinese e da un punto di vista tassonomico la pianta del tè, la Camelia Sinensis appunto, appartiene al genere delle camelie.

Il tè fotografato nella tazza sottostante è lo Yunnan Imperial. Questo tè presenta un odore, un colore e un sapore più accentuato rispetto al Pan Yong.
Le note legnose sono più persistenti, si avverte una nota di affumicatura.

Degustazione di tè neri cinesi

Il tè sottostante è lo Yunnan D'Or, tè ricchissimo di gemme.

Degustazione di tè neri cinesi

Il tè nella foto sottostante è il Grand Keemun, un tè di cui parlo spesso nei miei post.
Proveniente dalla Contea di Qimen, dalla quale prende il nome, viene prodotto dal 1875.
Infuso dal sapore poco tannico, dalle note leggermente affumicate.

Degustazione di tè neri cinesi

I biscotti presentati sono preparati col tè.

Degustazione di tè neri cinesi

Nella "cartolina" sono fotografate le foglie di alcuni dei tè presentati, dopo l'infusione.

Degustazione di tè neri cinesi

Questa degustazione ha rappresentato da un lato la possibilità di approfondire il discorso sul tè, e su una specifica ed importante famiglia di tè.
Dall'altro un'occasione di confronto con persone appassionate di tè.

Tra l'altro, noto con grande piacere, che i cultori di questa antica e nobile bevanda, aumentano sempre di più.

11 commenti:

  1. Mi affascina sempre più la storia dei vari tè! Che voglia di poter partecipare ad una degustazione di tè VERI!
    Dei miei amici carissimi, mi hanno portato un tè rosso buonissimo dalla Cina...
    Baci tesoro ^_^

    RispondiElimina
  2. E' troppo bello seguirti in questo viaggio alla scoperta del thè, riesci a trasmettere tutta la tua passione. Quanto mi piacerebbe passare una bella serata a parlarne insieme, avrei tanto da imparare. Bacioni, buona serata

    RispondiElimina
  3. ma che bella lezione sui té neri, non posso venire a milano quindi imparo da te :) grazie!... e tinici aggiornati! vado a afrmi una tazza di té mi hai fatto venir volgia! té indiano

    RispondiElimina
  4. Gaietta, piacerebbe tanto anche a me!!!

    Federica, sarebbe bellissimo passare una serata a parlare di tè e altro...

    Gio, in effetti nonè semplice trovare luoghi per degustare il tè.
    Anch'io qui a Milano ho cercato a lungo...

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  5. devo ammetterlo sono ignorante come una capra in materia di te ed è per questo che mi appassiona sempre leggere i tuoi post. Mi dai l'opportunità di conoscere un mondo nuovo

    RispondiElimina
  6. mmmmmm che voglia di quella bella tazza fumante di tè con qualche biscottini!!

    RispondiElimina
  7. Lo sai che amo leggere di questi tuoi momenti! che invidia (sana)....io mi gusto per ora il mio keemun :)
    bacioni!!!

    RispondiElimina
  8. Valerio grazie! Credo, che tutti abbiamo mondi nuovi da scoprire ed esplorare!

    Maria, ho appena finito di bere una tazza di tè nero, accompagnato da una fettina di panettone!!!

    Terry, grazie! Anch'io amo molto leggere i tuoi post, sono sempre molto interessanti. Il Keemun è un grande tè.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  9. anche a me piacerebbe partecipare ad una vera degustazione di tè....per ora mi accontento di incantarmi davanti al tuo post...pensando di sorseggiare tè e mangiare qualche splendido biscottino!!!
    a prestissimo, ciaooooooooooooo

    RispondiElimina
  10. Le degustazioni sono molto interessanti! Io imparo sempre tante cose!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  11. A questo punto io verrei per un tè!!!!!!Arrivoooooo!!!Bacio

    RispondiElimina