martedì 1 novembre 2011

Cocottine e pirofiline di conchiglioni con polpettine e fiordilatte

Borghetto

Contorni sfumati, il paesaggio avvolto nella nebbia, la campagna che si prepara al riposo, gli ulivi pronti per la raccolta.
Queste le immagini che si sono avvicendate nel corso dello scorso fine settimana trascorso al lago.
Avevo sperato in un po' di sole, le previsioni erano abbastanza buone, invece il clima è stato grigio e umido, e la campagna, invece di essere illuminata dal sole che  avrebbe regalato sfumature morbide al paesaggio, ricoprendo il tutto di quei bei colori arancioni così rilassanti, aveva una luce metallica, con una nebbiolina che, irradiandosi dal lago, ricopriva il tutto.

Ma l'autunno è anche questo e, se si ama la natura, anche il paesaggio avvolto dalla foschia risulta piacevole.
E' stato bello passeggiare per la campagna, sentire l'odore dei campi, quello della legna bruciata; in un paesino ho percepito quello delle caldarroste, un profumo caldo, avvolgente.

Novembre mi ricorda sempre un passo del bellissimo e intenso libro di Pier Vittorio Tondelli "Camere Separate":  
"L'autunno del continente lo sta abbagliando. Tutto va verso la quiete e il silenzio. Le foreste scoppiano i colori e il sottobosco muore accendendosi di una combustione progressiva, prima il rosso, poi l'arancione, il giallo, il ruggine, il viola, il nero. Come se il vento spingesse ogni giorno nell'aria una tonalità differente e gli arbusti e le piante assorbissero, a ondate, quell'aria pigmentata."

Ma novembre, per me, è anche il mese del tè nero aromatizzato all'arancia e alla cannella, lo bevo soltanto da metà ottobre fino agli inizi di marzo.
Il motivo non è da ricercare nella presenza della cannella, una spezia calda, molto utilizzata in questa stagione, ma in una solare mattina di un primo novembre di molti anni fa, che iniziai facendo colazione con biscotti e questo tè. Quel momento è rimasto cristallizzato come un attimo di felicità, di serenità in un periodo abbastanza difficile.
Da allora, questo meraviglioso tè, lo associo a quella mattina, ad un momento bello, semplice e sereno.

Dopo una passeggiata nella nebbiosa campagna è piacevole tornare a casa e preparare una cenetta al forno.
Come questi conchiglioni farciti con polpettine e fiordilatte.

Cocottine e pirofiline di conchiglioni con polpettine e fiordilatte

Peraltro, questa pasta, dimostra che con un minimo di organizzazione, è possibile preparare un pranzo o una cena gustosa con un impegno davvero minimo.
Il sugo era già pronto in frigo, preparato appositamente in quantità maggiore, le polpettine le ho fatte in un attimo e nel giro di un'oretta la pasta era pronta per essere cotta nel forno.

Lago del Frassino

Tralci d'uva

Inutile aggiungere che ho abbinato il tè. Nero. Caldo. Affumicato. Il cinese Grand Keemun, ha accompagnato benissimo la farcitura dei conchiglioni.

Borghetto

Lago del Frassino

Borghetto

Conchiglioni con polpettine e fiordilatte

ingredienti per 4 pirofile monoporzione

180 g. di conchiglioni,

per le polpettine:

200 g. di macinato di vitellone,
80 g. di pane raffermo,
un uovo,
un aglio,
parmigiano reggiano grattugiato,
pecorino grattugiato
latte,
olio extravergine di oliva,
sale,
pepe,

inoltre:

300 g. di salsa di pomodoro,
200 g. di fiordilatte,
parmigiano reggiano grattugiato,
pecorino grattugiato.

Per prima cosa ho preparato le polpette: ho ammollato il pane nel latte e strizzato bene. In un recipiente ho unito la carne tritata, il pane strizzato, l'aglio tritato, l'uovo, il parmigiano, il pecorino, il sale e il pepe, ho amalgamato bene e formato delle polpettine grandi quanto una noce che ho disposto su una teglia ricoperta di carta da forno unta, le ho rotolate un po' sulla carta forno per cospargerle di olio e cotte per circa 20 minuti con la funzione grill.
Intanto, ho riscaldato il sugo, lessato piuttosto al dente i conchiglioni, tagliato il fiordilatte a dadini. In un contenitore ho posto la metà del sugo, le polpettine, il fiordilatte, metà del parmigiano e del pecorino, quindi, dopo aver immerso i conchiglioni nel sugo, in modo da ricoprirli bene, li ho farciti col composto di polpettine e fiordilatte, li ho ricoperti col sugo avanzato, spolverati coi restanti parmigiano e pecorino e posto in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti, o fino a quando il fiordilatte risulta filante.

Cocottine e pirofiline di conchiglioni con polpettine e fiordilatte

Ho abbinato il tè nero cinese Grand Keemun

Alla prossima! :-)

Giovanna

29 commenti:

  1. Giovanna, che posti incantevoli...e che deliziosi conchiglioni, un piatto bello da vedere e prelibatissimo! complimenti!

    RispondiElimina
  2. uau! Piatto ricco, mi ci ficco...
    che belle le immagini del lago...la prossima volta fammi un fischio che vengo anche io!

    RispondiElimina
  3. MA QUESTE SONO BUONISSIME E LE FOTO MOLTO BELLE!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Che malinconico l'autunno...complimenti per le foto! E i conchiglioni....fantastici!!!

    RispondiElimina
  5. Molto invitanti questi conchiglioni e le foto sono stupende.
    mandi

    RispondiElimina
  6. Ciao Giovanna, a me piace molto passeggiare con la nebbia e il brutto tempo, si sentono meglio gli odori della terra e l'atmosfera ha un altro fascino.
    Avendo il cane, non si può uscire solo con il sole così ho iniziato ad aprezzare ogni stagione.
    Questi conchiglioni sono un vero spettacolo.
    un bacetto

    RispondiElimina
  7. Nonostante non ami molto il tè.. l'idea di un tè nero alla cannella e arancia mi fa venire voglia di sorseggiarlo! Bellissime le foto.. bei luoghi! e la pasta... che dire dei conchiglioni al forno?? sono suepr buoni! baciotti

    RispondiElimina
  8. Posti splendidi, davvero. Dovessi dire a me questi paesaggi piacciono di più "uggiosi" che soleggiati.

    RispondiElimina
  9. Ma che posti ragazzi da fare invidia!!! io vedo sempre il mare in prima linea ahahah complimenti x il piatto!!! in effetti basta essere organizzate che in cucina si puo' tutto!!!

    RispondiElimina
  10. ma che belle foto! sia quelle del paesaggio che quelle dei conchiglioni ovviamente! L'autunno secondo me ha un fascino così particolare, magico direi!

    RispondiElimina
  11. Le foto mi piacciono molto specialmente la prima, sono molto evocative come il passo che hai trascritto di Tondelli.
    Con poco tempo hai dato vita ad un bel piatto ricco di sapori e di calore.

    RispondiElimina
  12. Che paesaggi magnifici, il primo piatto assolutamente da provare, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  13. bellissime le foto del tuo posto:la ricetta e una vera delizia complimentoni:)

    RispondiElimina
  14. Posti meravigliosi e un piatto molto invitante, complimenti!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  15. Bel paesaggio e... grazie mille per la ricetta.

    RispondiElimina
  16. Ci hai lasciato delle foto veramente stupende!!! Per non parlare poi dei conchiglioni che sono davvero invitanti e da provare!! Un bacione...

    RispondiElimina
  17. buonaaaa domenica la preparo grazie!!buona giornata

    RispondiElimina
  18. Questi bei paesaggi mi mettono una gran voglia di casa, di cucina, di riscaldarmi con un bel thè caldo ...complimentissimi oer il piatto preparato e il premio quì sotto meritatissimo!

    RispondiElimina
  19. Vi ringrazio tutte, siete davvero gentili!

    Baci

    Giovanna

    RispondiElimina
  20. che buono questo piattino!complimenti!

    RispondiElimina
  21. Hai ragione, anche la nebbia può conferire fascino ad un paesaggio autunnale, creando un'atmosfera particolarissima.
    Sui tuoi conchiglioni che dire se non che sono ottimi!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  22. il lago mi piace,anche se il tempo non era il massimo basta stare fuori per staccare un po'...
    buone comunque queste mega conchiglie

    RispondiElimina
  23. Ma che bel post! Sei riuscita a comunicarmi le sensazioni che hai provato tu passeggiando per i campi... Ho perfino sentito il profumo delle caldarroste! :-) E non potevi trovare un piatto migliore di questi prelibati conchiglioni per chiudere in bellezza il tuo racconto ;-)

    RispondiElimina
  24. però! mai pensato di riempirli con le polpettine! buonissimi i conchiglioni, li faccio spesso, grazie x l'idea! le immagini sono davvero molto belle! da noi sole e caldo, siamo in canotta di giorno:) e se continua così mi sa ke mi faccio un bagno in mare! ciao cara!

    RispondiElimina
  25. Spelndido piatto cara Giovanna.
    Mi hai fatto venire voglia di un bel te caldo con una fetta d'arancia al posto del limone :-)
    vado a prepararlo!!
    Buona serata ;-)

    RispondiElimina
  26. buongiorno tesoro!!buona giornata un abbraccio

    RispondiElimina
  27. Tutto veramente splendido: dai luoghi che hai visitato al piatto che hai scodellato per cena.
    Al sole pieno personalmente preferisco quelle atmosfere intime e ovattate delle tue foto: hanno un fascino ancora più profondo e misterioso.
    E poi!!! Adoro i formati di pasta gigante e l'idea di metterci le polpettine all'interno è proprio bella!
    Bravissima Giovanna, tanti baci

    RispondiElimina
  28. Bellissimi posti stupendi , pieni di verde e le cocottine che dire?? fantastiche brava!!
    un bacione ^_^

    RispondiElimina
  29. Giovanna,la campagna sara' pure annebbiata e senza colore ,ma questo piatto sa tanto di sole,luce e tramonto!!!!Complimenti per le foto!!!!Buona vita e buona cucina

    RispondiElimina