martedì 8 gennaio 2019

Tagliolini in brodo aromatico


Tagliolini in brodo vegetale, deliziosi e corroboranti.

tagliolini in brodo


Il giorno di Natale mi sono alzata prestissimo. Fuori era ancora buio e la casa era gelida. Ho preparato l’impasto per i tagliolini, messo a fare il brodo, vegetale, of course!, ho fatto il tè e ho iniziato a preparare il cake alla cannella e al mandarino.
In pomeriggio sarebbero venuti alcuni amici e mi piace far trovare qualcosa preparato da me.

Mio marito ha messo nel lettore CD la quarta sinfonia di Brahms e io il dolce in forno. Poi, abbiamo fatto colazione. In sottofondo i bip bip di WA, ma le note di Brahms avvolgevano la cucina e noi volevamo ascoltarle senza interruzioni, dopo, avremo ricambiato messaggi e auguri.
Una volta tirata la sfoglia e ricavato i tagliolini, il pranzo di Natale era pressoché pronto. Semplice, ma soprattutto in linea col freddo della giornata e con i miei desideri.
Infatti, era da tanto che volevo fare i tagliolini in brodo, ma, più che la volontà, potè il tempo, poco come sempre.

Dopo aver preparato un’insalata, un paté di legumi che avrei offerto in pomeriggio, la mattina era – quasi – finita.
Quasi, c’era il tempo per un paio di telefonate importanti da fare. Ancora un tè, poi il pranzo. I miei agognati tagliolini in brodo. Una mescolata al paté, il pane l’avrei tostato al momento, una spolverata di zucchero al velo sul cake, le tazze e i bicchieri pronti per essere riempiti al momento di tè e vino.
I nostri amici sarebbero arrivati soltanto in tardo pomeriggio.

tagliolini in brodo


C’era il tempo per una passeggiata.

Una deliziosa passeggiata. Faceva freddissimo, l’aria era immobile, il cielo grigio. Ma io e mio marito sentivamo il bisogno di aria fresca, vabbè gelida, ma quello è un dettaglio :-), e di fare una lunga passeggiata al parco vicino casa.
I vialetti erano vuoti, li riempivano le nostre chiacchiere e anche i nostri silenzi. Di tanto in tanto si scorgeva qualche “coraggioso” che come noi voleva passeggiare nel parco.
Non c’erano i padroni con i cani, nemmeno le famiglie con bambini e biciclette, però qualche runner si scorgeva qua e là. E nebbia, tanta nebbia. Ecco, prima di inoltrarmi nel racconto, torno sul sentiero di casa e aggiungo che vi ho raccontato della passeggiata al parco, perché è stata bellissima. Il freddo, il silenzio intorno, le nostre parole e i passi – frettolosi per il freddo – sul selciato, hanno reso un piccolo momento magico.

Per i nostri amici, il momento magico è stato l’assaggio del cake e perdersi nell’aroma delle spezie, del cacao, del mandarino. Io, ho amato i miei tagliolini. Semplicissimi. Una piccola percentuale di farina semi integrale 1, una più consistente di farina integrale.
Il brodo era leggero e aromatico. Carote, cipolle dorate, sedano, qualche pomodoro pelato, una crosta di parmigiano, qualche chiodo di garofano, pepe nero, noce moscata e un pezzettino di anice stellato. Una leggera spolverata di parmigiano reggiano stagionato 30 mesi ha completato il piatto.

tagliolini in brodo


E adesso la ricetta!

Tagliolini integrali in brodo aromatico

ingredienti per 4 persone:

per i tagliolini:

125 g. di farina integrale,
75 g. di farina semi integrale 1,
2 uova,
noce moscata,
sale,

per il brodo aromatico:

300 g. di carote,
300 g. di cipolle dorate,
280 g. di sedano verde,
4 pomodori pelati,
una crosta di parmigiano reggiano,
noce moscata,
anice stellato,
chiodi di garofano,
pepe nero,
sale,

per completare:

parmigiano reggiano grattugiato stagionato 30 mesi.

Per prima cosa preparate il brodo. Lavate bene le carote e senza raschiarle, tagliatele a pezzettoni e ponetele in una casseruola capiente. Sbucciate le cipolle, tagliatele a pezzettoni e unitele alle carote, aggiungete il sedano lavato e tagliato a pezzi. Ponete nella casseruola i pomodori pelati, la crosta di parmigiano raschiata, un pizzico di noce moscata, un pezzettino di anice stellato, pepe nero macinato al momento, un paio di chiodi di garofano pestati leggermente nel mortaio. Salate, coprite con acqua e fate cuocere a fiamma medio basse per circa 2 ore. Per la preparazione dei tagliolini cliccate qui e qui.
Una volta pronto il brodo, filtratelo e ponetelo in una casseruola, portatelo a ebollizione e lessate i tagliolini. Completate col parmigiano.

Le verdure sono ottime mangiate tiepide condite con un filo di olio extravergine di oliva novello, un pizzico di sale grosso pestato al momento, pepe nero macinato al momento e aceto balsamico.

tagliolini in brodo

6 commenti:

  1. per me patita di spezie questo brodo profumatissimo è un sogno :) un bacione

    RispondiElimina
  2. Non ho mai messo le spezie nel brodo. Potrei provare, in effetti.
    Un ottimo piatto ma soprattutto una coccola.
    Che bello il tuo racconto :-). Alle volte si è portati a pensare che i momenti siano "magici" solo quando generano stupore o quando ci travolgono. In realtà è bellissimo saper godere di momenti di pace e serenità. Semplici. Godere della compagnia dell'altro, della vicinanza...delle parole ma anche, come scrivi tu, dei silenzi. Bellissimo!
    Adesso vado a sbirciare la ricetta del dolce che avete offerto ai vostri ospiti!
    Un abbraccio e tanti auguri di buon anno!

    RispondiElimina
  3. Immagino il profumo di questo brodo, oltre che il sapore. Buono!

    RispondiElimina
  4. un brodo caldo è un vero comfort food, bella ricetta! Un bacione

    RispondiElimina
  5. Io adoro questa stagione ed anche il freddo pungente e se poi a casa trovi un piattino fumante che ti aspetta così... beh il top!
    Un abbraccio cara, buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  6. Quanta serenità in queste righe e quei tagliolini che scaldano il cuore. Un bacio

    RispondiElimina