venerdì 25 gennaio 2019

Focaccia al rosmarino, una vera delizia!


Focaccia al rosmarino, perfetta con formaggi stagionati e una fresca insalata

Focaccia al rosmarino

Una serie di giornate intense, piene di lavoro, impegni, commissioni. Un paio di giornate freddissime, ventose, impegnative nelle quali il ritorno a casa accolta da una tazza di tè nero e il calore di una minestra erano un vero conforto.
Una giornata dedicata non al relax, ma al riposo vero e proprio. Una giornata, almeno nelle mie intenzioni pigra, fatta di lettura, scrittura, tè, un paio di minestre di cui una di lenticchie.
Okkei, le lenticchie ci sono state, il tè, anzi i tè pure, la lettura oh si, quella non manca mai.
Poi, mio marito mi ha telefonata per dirmi di aver ricevuto in regalo alcuni pecorini di media stagionatura e se mi serviva qualcosa per abbinarli: “perché li proviamo stasera per cena, vero?“.

Focaccia al rosmarino

Oh si che li proviamo. Vado matta per i formaggi e i pecorini sono la mia passione. L’abbinamento è stato semplice. Una fresca insalata preparata con spinacini, pere, spicchi di mandarino e la focaccia al rosmarino.
Scelte semplici, perché l’insalata mitigava la sapidità dei pecorini e della focaccia e la focaccia con i pecorini è perfetta! Come si può pensare una cena a base di pecorini senza una buona focaccia? 😃

Focaccia al rosmarino

Ho optato per la focaccia al rosmarino, preparata con farina bianca e, manco a dirlo, l’ho preparata io. E il riposo? Il relax tanto anelato? C’è stato c’è stato. Mettere le mani in pasta, per me, è un potente antistress.
Senza contare il piacere del profumo della focaccia che si sprigiona dal forno. E si, il profumo del pane, di una focaccia, di un dolce che si sprigiona dal forno in un attimo danno calore, senso di accoglienza, casa.

Calore, accoglienza e una morbida e fragrante focaccia al rosmarino

Ma prima di prendere la tangente e partire con un discorso sul senso di calore e accoglienza, vi racconto la “mia” focaccia. Stavolta nessuna farina integrale, ma farina bianca. Dopo tanto tempo, avevo voglia di lavorare farine bianche. Una farina con forza medio alta, poi olio extravergine di oliva ligure, rosmarino, of course e un cucchiaio di miele di acacia che aiuta la lievitazione.
Per prima cosa ho fatto il poolish, poi, ho lavorato a lungo l’impasto ed infine ho utilizzato la tecnica di Emanuel Hadjiadreo. Il risultato è stato una focaccia deliziosa. Morbida, fragrante, perfetta con formaggi e insalata.

Focaccia al rosmarino

ingredienti per una focaccia:

500 g. di farina bianca 00,
15 g. di miele di acacia,
10 g. di lievito di birra,
30 g. di olio extravergine di oliva,
2 rametti di rosmarino,
10 g. di sale,

per completare:

sale grosso.

Lavate, asciugate e tritate finemente gli aghi di rosmarino. Poi preparate il poolish: sciogliete in mezza tazza di acqua tiepida il miele e il lievito. Coprite con un coperchio e aspettate che si attivi la lievitazione, sulla superficie vedrete tante piccole bollicine.
Quindi, setacciate la farina sulla spianatoia, formate la fontana, ponete al centro il poolish, 25 g. di olio evo, il sale, 3/4 degli aghi di rosmarino tritati e iniziate ad impastare. Aggiungete altra acqua tiepida. l’impasto deve risultare morbido, non appiccicoso.
Lavoratelo per qualche minuto sulla spianatoia infarinata, in questo modo attivate la lievitazione e la maglia glutinica sarà forte.

Dopo, ponete l’impasto in una ciotola capiente copritelo con un canovaccio umido, e seguite la tecnica di Emanuel Hadjiadreo come riportata qui.
Al termine del processo, stendete l’impasto su una teglia, copritelo con un canovaccio umido e dopo circa una mezz’ora con i polpastrelli, fate le fossette.
Fate un’emulsione col restante olio evo, 3 cucchiai di acqua e versatela sulla focaccia. Fate lievitare ancora per 25/30 minuti, l’impasto deve raddoppiare.
Aromatizzate con qualche grano di rosmarino, qualche grano di sale grosso e ponete in forno preriscaldato a 200° per 15/20 minuti.
Servite subito.

Focaccia al rosmarino

7 commenti:

  1. adoro la focaccia ma questa al rosmarino è la mia preferita ! Un bacione e buon weekend

    RispondiElimina
  2. Una cena da re, anche io adoro i pecorini e con la focaccia è la morte loro. Pen noi focaccia e pecorino (e talvolta ci scappa anche la fettunta) è una cena "coccola". Un bacio

    RispondiElimina
  3. una vera delizia di nome e di fatto. impossibile resistere alla tentazione di questa focaccia soffice e aromatica. un bacio, buon weekend

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo, cucinare è davvero terapeutico...io però coi lievitati sono una vera schiappa ahimè!
    La tua focaccia è sublime...chissà che delizia coi pecorini, mmmmmm...
    Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. Grazie Giovanna, dopo aver letto il tuo post ho preparato subito gli ingredienti per fare il polish. La cucina è condivisione , passione, prendersi cura, concedersi tempi lenti e tu rappresenti il suo spirito più alto e puro: cucinare non per apparire ma per essere.

    RispondiElimina
  6. Perfetta per qualsiasi ora, ho una passione per la focaccia.

    RispondiElimina
  7. Cena deliziosa, ottima scelta! Sono le 12:23 ed io una fettina di focaccia la gradirei tanto :)
    Buona giornata cara!

    RispondiElimina