lunedì 19 aprile 2010

Degustazione di tè bianchi

Tè bianchi

La settimana scorsa ho partecipato ad un'altra degustazione di tè. Questa volta l'oggetto erano i tè bianchi, molto rari e pregiati.
La degustazione, al pari delle altre si è svolta presso la Scuola de La Cucina Italiana, guidata dall'esperta di tè, Sig.ra Barbara Sighieri.
I tè bianchi, spesso erroneamente classificati come una sottofamiglia dei tè verdi, rappresentano una famiglia a se.
Già nel 1107, in Cina, nel Fujian si parlava di tè bianchi.
Le zone di produzione di questi meravigliosi tè sono, il Fujian, lo Yunnan e lo Zhejiang.
Mentre i migliori tè bianchi, dai quali provengono anche i primi tre degustati, derivano dai cultivar, Big White, Small White e Narcisuss.
Si raccolgono, manualmente, una volta all'anno, in primavera.
La tipologia di raccolta delle foglie, unitamente alla loro qualità, in pratica per un tè bianco si raccoglie solo la gemma - la parte più pregiata del tè - e le prime due foglie, ne determina la rarità, la pregiatezza e l'alto costo.
Spesso, per non rovinare e ossidare le foglie col sudore, si utilizzano solo le unghie.
Si racconta che in passato, il raccolto veniva eseguite da ragazze vergini, in guanti.

Le foglie sono tenere e pelose, proprio la presenza della peluria sulle foglie, conferisce al tè morbidezza e dolcezza. Rendendolo quindi poco tannico.
Le foglie, appena raccolte, vengono fatte essiccare per poche ore su stuoie di bambù, una fase finale nei forni termina il processo di essiccazione.
Per rendere ottimale questo processso, le foglie vengono disposte in un unico strato e girate, al fine di consentire un'essicazione perfetta su entrambi i lati.

Di seguito ho fotografato i tre tè saggiati.


Tè bianchi

Il Pai Mu Tan, denominato anche White Peony, è il più famoso.

Tè bianchi

Il secondo tè gustato è lo Yin Zhen, chiamato anche Silver Needle, ovvero aghi d'argento.

Tè bianchi

Il Moli Bai Hao Yin Zhen, dal delicato sapore di gelsomino. Purtroppo nelle foto ho scritto Moli Bai Mao Yin Zhen, mentre il nome corretto è Moli Bai Hao Yin Zhen. Come sapete sono sempre di corsa, e ripreparare le foto richiederebbe un pò di tempo!

Tè bianchi

Tutti i tè bianchi, per la delicatezza delle foglie, devono essere preparati a basse temperature, intorno ai 75°, e richiedono lunghi tempi di infusione.
E' corretto affermare che la durata dell'infusione è direttamente proporzionale alla quantità delle gemme, maggiore è il loro contenuto, più lunghi sono i tempi di infusione.

Il Pai Mu Tan, che è quello fotografato nella teiera, durante l'infusione, e nella tazza sottostante, presenta delicate note fruttate, nello specifico di pesca, molto persistenti.
E' un tè dolce, poco tannico, ciò è dovuto alla modalità e al periodo di raccolta.


Tè bianchi

Di seguito ho fotografato le foglie del Pai Mu Tan dopo l'infusione.

Tè bianchi

Lo Yin Zhen, dato l'elevato numero di gemme, ha un tempo di infusione di 12 minuti.

Tè bianchi

Tè bianchi

Come si può vedere dalla fotografia, il colore dell'infuso è più chiaro del Pai Mu Tan, nonostante ciò il suo sapore è più forte e persistente del precedente, con note di miele e di osmanto.

Tè bianchi

Il Moli Bai Hao Yin Zhen, che nella fotografia vediamo subito dopo l'infusione, ha un gradevole e leggero sapore di gelsomino, molto diverso dalle note del tè verde al gelsomino.
In questo caso i tempi di infusione si riducono a 6 - 7 minuti.


Tè bianchi

Il Bianco Darjeeling Ambootia, proviene dalla regione del Darjeeling, e Ambootia è il nome della piantagione.
Questo tè bianco, di provenienza indiana, a differenza dei precedenti che invece erano cinesi, dimostra che il mercato del tè non è immobile, ma in continua espansione.
Dunque, il tè bianco, tipico della Cina, viene attualmente coltivato, anche in India.
Mentre i tè bianchi cinesi, hanno una storia millenaria, l'Ambootia, invece, viene coltivato da circa 15 anni.
Inoltre, il suo cultivar è la Camelia Sinensis.


Tè bianchi

Anche le caratteristiche sono diverse, il liquore è più scuro, il profilo aromatico è piatto, non si percepiscono più le note fruttate, ed è leggermente tannico.
Sorso dopo sorso, il sapore resta lo stesso, mentre aumenta la sensazione di tannino.

Tè bianchi

Tè bianchi

Tè bianchi

Pur essendo abituata a bere tè bianchi, come sempre ho imparato nuove cose, condividendo un interesse così bello, con tante altre persone che amano il tè quanto me.
Noto, inoltre, con immenso piacere, che ad ogni degustazione, il numero dei partecipanti sta aumentando, questo, forse, significa, che anche in Italia, la patria del caffè, il tè, sta, giustamente, conquistando un posto importante?
In ogni caso, fra le varie cose che amo delle degustazioni è la curiosità, che spinge i partecipanti, me compresa, ad ampliare i propri orizzonti, e conoscere un pezzo di storia e di cultura molto lontana da noi.

16 commenti:

  1. Un mondo a me sconosciuto, ma molto interessante. Grazie per le informazioni.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Che post interessante Giovanna, e anche l'esperienza degli assaggi deve essere molto gradevole. Io bevo spesso il tè bianco che sembra sia salutare. Deve infondere poco e non essere mai girato con il cucchiaino di acciaio. E' buono. Complimenti per l'originalità. Ti abbraccio. Deborah

    RispondiElimina
  3. Ciao tesoro, complimenti per il bellissimo e interessante post! Sono affascinata dalla tua competenza e da questi meravigliosi tè bianchi!
    Grazie della gentilissima visita. Un bacio e a presto

    RispondiElimina
  4. Ciao Giovanna, inutile dire che invidio moltissimo i tuoi sensi in questo momento, chissà che bella esperienza la tua degustazione. Io pure amo molto il tè e vorrei ampliarne le mie conoscenze. Per esempio ho scoperto che di tè bianco ne esiste addirittura una varietà che cresce sull'Himalaya...
    sei proprio una cuoca eclettica

    a presto

    A.

    RispondiElimina
  5. Stefano, grazie! Il tè ha un posto importante nella mia vita.

    Deborah, ti ringrazio. Mi fa piacere che anhe tu apprezzi il tè bianco.

    Lady Boheme, grazie! Sei davvero gentile, ma io, come ho più volte detto amo molto il mondo del tè, e colgo tutte le occasioni possibili, per approfondire le mie conoscenze di questo mondo vastissimo.

    Alessia, grazie! Come sei stata gentile e carina! Hai colto esattamente lo spirito del blog, un luogo dove far confluire le mie passioni.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  6. Tesoro sono passata per un salutino e per gustare una tazza di meraviglioso tè! Baci e grazie della visita

    RispondiElimina
  7. L'incidente alla spalla mi permette di avere il tempo di salutare gli amici. Che piacere questo post, un sorso di serenità. Quante informazioni per addentrarsi in questo affascinante mondo. Grazie.
    Baci Alessandra

    RispondiElimina
  8. Cara Lady, è un piacere sorseggiare il tè, conversando con te!

    Alessandra, grazie! E' proprio vero, il tè è un sorso di serenità!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  9. Ogni volta che leggo i post delle tue degustazioni mi viene un'invidia (di quelle sane) ...ma son contenta tu condivida l'esperienza e info con noi...almeno conosco e imparo:)
    baci!

    RispondiElimina
  10. Che brava che sei a partecipare a queste iniziative, sono un modo davvero molto interessante per imparare cose nuove. Bravaaaaa!!

    RispondiElimina
  11. Terry, grazie! Credimi è un piacere condividere quest'esperienza sul blog.

    Sally, grazie! Hai colto nel segno, le degustazioni, i corsi e così via, mi piacciono, per tutta una serie di motivi, e le affronto sempre con lo spirito di voler imparare.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  12. ..e pensare che si dice...gradisci un te', senza sapere che mondo c'è dietro!!!!! stai diventando sempre più addottorata in materia. bellissime foto e ottima lezione.
    ciao Reby

    RispondiElimina
  13. Tesoro, grazie di cuore della visita, un bacione e felice serata

    RispondiElimina
  14. Rebecca, grazie! Sei molto gentile.

    Lady Boheme, grazie della visita.

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  15. Grazie per aver condiviso con noi la bellissima esperienza!
    E complimenti per il post, molto chic,educativo ed affascinante.
    Non sapevo che il tè bianco, dovesse essere preparato a basse temperature...
    Sorseggio spesso tè verde dal gusto spiccatamente tannico ( mi piace la sensazione che lascia)e quello al bergamotto, è l'unico aromatizzato che preferisco, generalmente mi piace sorseggiare tè in purezza.
    Baci ^_^

    RispondiElimina
  16. Gaia, grazie!!!!! Quanto sei gentile!
    Ebbene si, il tè bianco va preparato a basse temperature.
    L'Earl gray mi piace tantissimo, e il negozio dove mi rifornsco, ne ha di buonissimi!
    Baci Giovanna

    RispondiElimina