Minestra di maltagliati e ceci

By Giovanna - 7.12.20

Minestra di maltagliati e ceci

Minestra di maltagliati e ceci
Il mio regista preferito in assoluto è Visconti. Lo trovo immenso. I suoi film li vedo e li rivedo. E' difficile dire qual è il mio preferito, anche se La caduta degli dei e La morte a Venezia, vuoi per la luce, per la fotografia, per la bravura degli attori, per la perfezione nella realizzazione degli ambienti e dell'epoca storica, mi incantano sempre.

Amo però anche la cinematografia italiana degli anni 60, ritratto di un'Italia pre boom economico, un'Italia ruspante, sincera.
Fra i film di questo periodo, il mio preferito in assoluto è I soliti ignoti di Mario Monicelli, altro cavallo di razza della nostra cinematografia.
Il cast è importantissimo, Mastroianni, Gassmann, Renato Salvatori, Totò e Tiberio Murgia.
La storia de I soliti ignoti è nota, ovvero un gruppo di persone, poco più che conoscenti, decidono di rubare la cassaforte di un banco dei pegni.
I componenti di questa improbabile banda, persone non appartenenti all'ambiente della malavita, fin dall'inizio del film si dimostrano totalmente inesperti e in fondo anche riottose nell'impegnarsi nell'impresa di rubare la comare, ovvero la cassaforte.

La pasta e ceci de I soliti ignoti

Nel corso del film si vedono i vari personaggi più interessati alle loro vicende personali che alla realizzazione del furto.
Mastroianni è interessato al ragazzino, ovvero al figlio di pochi mesi, Gassman alla - quasi - fidanzata, Tiberio Murgia all'illibatezza della sorella e Renato Salvatori alla sorella di Tiberio Murgia.
Tra una battuta e l'altra si arriva alla fine del film, quando, i protagonisti, dopo ore di inutile lavoro, abbattono una parete e invece che nell'agenzia dei pegni, si trovano nella cucina dell'appartamento dal quale stavano tentando di entrare nell'agenzia.

La scena finale vede i protagonisti intorno al tavolo della cucina a mangiare la pasta e ceci preparata dalla cameriera delle proprietarie dell'appartamento.
Mentre i protagonisti mangiano la pasta e ceci, si rendono conto di non essere propriamente portati a rubare: "sentite a me, per rubare ci vogliono persone serie, noi al massimo possiamo lavorare", dice all'incirca Mastroianni.
Il giorno successivo al furto i giornali beffardamente riportano che "I soliti ignoti" hanno compiuto l'ennesimo furto e stavolta hanno rubato una pentola di pasta e ceci.

Questo film del 1958 si distingue per la bellezza della fotografia, per aver riunito attori quali Gassman, Mastroianni, Totò. Con questo film comincia la "commedia all'italiana".
Il film è ricco di umorismo, ma anche di grande umanità e gentilezza.

La pasta e ceci presentata oggi, con i maltagliati all'uovo è troppo ricca per i parametri dell'epoca, però mi ha fatto piacere parlarne e ricordare il film.

Oggi a Milano è Sant'Ambrogio, in questa data cominciano le festività natalizie e, con la prima de La Scala, la stagione.
Quest'anno, per i motivi noti è tutto molto diverso, diverso non vuol dire necessariamente meno bello.
Nel rispetto delle regole, se ci impegniamo tutti, può essere un Natale piacevole. Io, come vedete sono già alle prese con i preparativi.

Minestra di maltagliati e ceci

tempo di preparazione: 45 minuti, più il tempo di ammollo dei ceci
tempo di cottura: un'ora e trenta minuti,
difficoltà: facile,

ingredienti per 4 persone:

100 g di ceci secchi
100 g di farina semi integrale 1
80 g di cipolla rossa
1 uovo
1 spicchio d'aglio
salvia fresca
40 g di olio extravergine di oliva
pepe nero e sale

Ammollate i ceci come da istruzioni riportate sulla confezione. Lessateli per circa un'ora, avendo cura di togliere la schiuma mano a mano che si forma.

Mentre i ceci sono in cottura preparate i maltagliati. Per la preparazione della pasta cliccate qui.

Una volta trascorsa l'ora di riposo della pasta, tirate la sfoglia e ricavate i maltagliati.

Aggiungete l'aglio ai ceci, l'olio evo, aromatizzate con un paio di foglie di salvia e pepe nero, regolate di sale e fate cuocere per circa quindici minuti per insaporire la minestra.

Portate la minestra ad ebollizione, aggiungete i maltagliati, cuocete per 3-4 minuti in tutto, poi fate le porzioni, completate con la cipolla rossa tagliata finemente, qualche foglia di salvia e pepe nero.

Minestra di maltagliati e ceci
Se amate i legumi, qui trovate altre ricette.

Print Friendly and PDF
  • Share:

You Might Also Like

1 assaggi

  1. I soliti ignoti è uno dei miei film preferiti. La tua pasta e ceci è ottima!

    RispondiElimina