martedì 27 novembre 2018

Risotto con uva, nocciole e parmigiano



Parmigiano, perfetta mantecatura per questo risotto dai sapori autunnali

parmigiano

La parte più difficile è stata resistere a mangiare l’uva mentre la tagliavo e metà, privandola dei semi. Quella più noiosa, togliere i semi, ma se volete bene ai vostri commensali i semi vanno tolti, un risotto con i semini dell’uva non è piacevole.
Tornando alla prima parte, da un paio di anni a questa parte, trovo l’uva sempre più buona, zuccherina, lievemente asprigna. Altro che le ciliegie, per me gli acini d’uva uno tira l’altro. E quest’anno sto usando moltissimo l’uva sia “nature” che nei cibi.


Nature è semplice. Amo preparare piatti semplici, ma golosi con pani alle noci, semi, focacce, chicchi d’uva, pere succose mieli e formaggi, in particolare il parmigiano.
Nelle ricette, invece mi sto sbizzarrendo con piatti classici come il cake o la focaccia, o in piatti più particolari come questo risotto.

Risotto semplice, ma goloso. Un po’ di uva, sia bianca che nera, un po’ di erbe aromatiche, il timo nei risotti funziona benissimo e lega molto, molto bene con l’uva. Le nocciole danno quella texture croccante che tanto mi piace nei risotti e nel cibo in generale e il parmigiano lega bene con tutto. Ovviamente pepe nero e un po’ di pepe rosa. Che altro aggiungere? Ah si, riso integrale, of course!

parmigiano


Risotto con uva, nocciole e parmigiano

ingredienti per 4 persone:

320 g. di riso integrale,
430 g. di uva bianca e nera,
50 g. di cipollotti bianchi,
30 g. di nocciole,
2 rametti di rosmarino,
2 rametti di timo,
30 g. di parmigiano reggiano grattugiato,
4 cucchiai di olio extravergine di oliva,
brodo vegetale q.b.,
pepe nero,
pepe rosa,
sale.

Tagliate a rondelle sottilissime il cipollotto, lavate, asciugate, tagliate a metà gli acini di uva e privateli dei semi. Riscaldate una casseruola, aggiungete i cipolloti, un rametto di timo e uno di rosmarino lavati e asciugati, l’olio extravergine di oliva e fate dorare la cipolla, fino a quando è appassita.
Unite il riso, fatelo tostare, salate, insaporite col pepe e aggiungendo mano a mano brodo vegetale portate a cottura. Tritate grossolanamente le nocciole. A 15 minuti prima della fine cottura, regolate di sale e aggiungete metà delle nocciole e dell’uva. A fine cottura, aggiungete la restante uva e nocciole, mescolate, insaporite col restante timo e rosmarino, aromatizzate col pepe rosa e mantecate col parmigiano reggiano. Fate riposare un paio di minuti e servite.

parmigiano

7 commenti:

  1. Adoro il riso e questa preparazione così curata e armoniosa lo rende prezioso.Bravissima!La foto del grappolo é stupenda,viene voglia di toccarla,sembra vera. Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
  2. Colori, sapori e gusti autunnali... mi piace tantissimo!!
    Raffinata ed attenta come sempre!
    Un abbraccio buona giornata!

    RispondiElimina
  3. concordo, anche per me sarebbe stata un'impresa resistere alla tentazione di smangiucchiare l'uva in corso d'opera. ma il "sacrificio" è valsa la pena. gustosissimo questo risotto. un abbraccio, buona serata

    RispondiElimina
  4. Questo risotto dev'essere davvero goloso! Bravissima (anche x aver resistito al fascino dell'uva ;-) )

    RispondiElimina
  5. l'idea dei chicchi d'uva mi piace moltissimo, un risotto davvero intrigante e gustoso, un bacio

    RispondiElimina
  6. Ma che spettacolo questo risotto! Lo sto mangiando con gli occhi. Un bacio

    RispondiElimina